Perché lamentarci ci mantiene bloccato nei nostri problemi

//commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=40107573
Fonte: da Svln4821 – Opera personale, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=40107573

Quanto spesso siamo così bloccati in un problema che non possiamo vedere la soluzione?

Oggi ci sono problemi impegnativi nell'istruzione superiore. In molte università, i docenti si lamentano nei corridoi di ciò che l'amministrazione sta facendo. Ma lamentarsi non risolve i nostri problemi. Ci demoralizza solo Dobbiamo pensare in modo più creativo.

Anni fa, nella mia università, quando ero presidente del dipartimento di inglese, il nostro decano aumentò arbitrariamente il numero di lezioni che avremmo insegnato a causa di "un'emergenza". Il nostro ufficio di ammissione aveva ammesso un inopportuno di 200 studenti del primo anno, disse, così ognuno di noi doveva insegnare un'ulteriore classe di composizione. Ora insegnare un corso in più significherebbe aggiungere tempo, preparazione e programmazione a complicazioni. Ma c'era un altro modo. Ho fatto i conti e ho deciso che se ognuno di noi avesse aggiunto due studenti alle nostre classi esistenti, avremmo potuto trattare in modo più efficace con "l'emergenza". Il dipartimento ha votato all'unanimità questa alternativa che ho presentato al preside il giorno successivo. Problema risolto.

Ci sono almeno due lezioni importanti qui:

  • Il primo è la comunicazione. Quando i leader prendono decisioni dall'alto senza consultare le persone che effettivamente svolgono il lavoro, perdono informazioni vitali che potrebbero portare a soluzioni migliori (Dreher, 1996).
  • La prossima lezione è la prospettiva. Quando le persone si bloccano lamentandosi del modo in cui le cose sono, invece di chiedere cosa potrebbero essere, non possono vedere oltre i problemi per creare soluzioni.

Nella mia pratica di coaching, quando i miei clienti sono bloccati a lamentarsi di un problema, chiedo loro "Cosa vuoi ?", Incoraggiandoli ad espandere la loro prospettiva con una potente visione di possibilità (Feldman & Dreher, 2012). Quindi usiamo strategie della psicologia della speranza per aiutarle a raggiungere quella visione costruendo la loro motivazione e sviluppando passi efficaci verso i loro obiettivi (Snyder, 1994).

Se sei rimasto bloccato lamentandoti di un problema, prova a spostare l'attenzione. Chiediti "Che cosa voglio ?" Quindi, fai tre passi per iniziare a muoverti verso il tuo obiettivo con maggiore creatività, speranza e possibilità.

Riferimenti

Dreher, DE (1996). Il Tao della Leadership personale. New York, HarperCollins.

Feldman, DB e Dreher, DE (2012). La speranza può essere cambiata tra 90 minuti? Testare l'efficacia di un obiettivo di una singola sessione: perseguire l'intervento per studenti universitari. Journal of Happiness Studies, 13, 745-759, DOI: 10.1007 / s10902-011-9292-4.

Snyder, CR (1994). La psicologia della speranza . (1994). New York, NY: Simon & Schuster.

***********************************

Diane Dreher è un'autrice di best-seller, allenatore di psicologia positiva e professore alla Santa Clara University. Il suo ultimo libro è Your Personal Renaissance: 12 passaggi per trovare la vera vocazione della tua vita.

Visita i suoi siti Web all'indirizzo http://www.northstarpersonalcoaching.com/ e www.dianedreher.com

Solutions Collecting From Web of "Perché lamentarci ci mantiene bloccato nei nostri problemi"