Perché la religione si è evoluta?

La religione oggi serve molte funzioni politiche, sociali e caritatevoli. Tuttavia sembra improbabile che la religione sia nata per risolvere i problemi sociali (1). Quando le propensioni religiose si sono evolute prima, probabilmente sono emerse a causa dei vantaggi per gli individui.

Perché, se la persona pia non andava in qualche modo meglio dello scettico dalla testa piatta, allora la religione non avrebbe mai potuto decollare. Questo significa che la religione aiutò la sopravvivenza o aumentò il successo riproduttivo.

Quindi, in che modo le prime religioni hanno aiutato i nostri antenati a imbrogliare la morte o ad allevare prole? O le persone religiose lasciarono più figli o erano più sani e migliori a sopravvivere. Per quanto riguarda la salute, forse le pratiche religiose riducono lo stress migliorando così la salute e la sopravvivenza (1).

Sii fruttuoso e moltiplicati

Per fare in primo luogo la riproduzione, la religione oggi promuove il matrimonio e la vita familiare e aumenta il successo riproduttivo. Ma la religione potrebbe non aver influenzato la riproduzione nel remoto passato.

Oggi più persone religiose hanno famiglie più numerose. Si attengono a pratiche che le persone meno religiose hanno abbandonato. È meno probabile che utilizzino la contraccezione, ad esempio, e maggiori probabilità di sposarsi.

Tuttavia sembra improbabile che la religione abbia avuto un grande impatto sulla fertilità per i nostri antenati cacciatori-raccoglitori. Allora non c'erano contraccettivi scientifici, naturalmente. In quei giorni l'unico metodo efficace di controllo delle nascite comportava un allattamento prolungato che sopprimeva l'ovulazione.

Per i nostri antenati di sussistenza, la fertilità non può essere arbitrariamente generata. Il limite superiore delle dimensioni della famiglia era fissato da ciò che l'ecologia locale poteva sostenere. I nostri antenati dipendevano in parte dalla caccia, quindi se le popolazioni diventavano troppo grandi, i loro animali da preda si sarebbero estinti.

Il miglioramento della fertilità non è una spiegazione convincente per l'emergere delle religioni cacciatori-raccoglitori. Quindi, per quanto riguarda l'altra spiegazione, l'idea che la religione si sia evoluta perché ha aiutato i nostri antenati a gestire lo stress psicologico contribuendo così alla salute e alla sopravvivenza?

La religione fornisce tranquillità in un mare di guai?

L'argomento secondo cui le pratiche religiose aiutano le persone ad affrontare lo stress dell'incertezza è più convincente perché l'evidenza è di supporto se si esaminano le condizioni moderne o le società di sussistenza. Secondo questa visione, la religione offre conforto agli adulti, proprio come una coperta di sicurezza per i bambini piccoli.

Sappiamo che le persone invocano maggiormente la loro religione quando sperimentano circostanze difficili e difficili e che i residenti dei paesi in via di sviluppo che affrontano la miseria della povertà, della fame, della malattia e della violenza nella loro vita quotidiana sono estremamente religiosi. I raccoglitori di cacciatori usano anche la religione per aiutarli ad affrontare circostanze difficili, come una serie di cacce infruttuose o la paura di partire in una piccola barca su acque agitate (1).

La maggior parte delle religioni del mondo promettono tranquillità davanti a un mare di guai. Questo è certamente vero per la tradizione ebraica che promette una "pace che supera la comprensione". Questo di solito si riferisce all'aldilà.

Fortunatamente, c'è una variante molto meno onerosa secondo cui gli individui religiosi raggiungono la pace interiore semplicemente donandosi a quell'esperienza. Questa prospettiva è ritratta in modo commovente nel Salmo 23 ("Il Signore è il mio pastore …") una citazione biblica molto amata che viene spesso recitata dalle persone quando sono angosciate per ristabilire la loro equanimità.

Quindi le religioni offrono la pace della mente. Consegnano? La prova più rilevante riguarda l'impatto dei rituali religiosi sullo stress psicologico.

La religione come piano sanitario

I ricercatori della Duke University (2) hanno scoperto che i rituali religiosi fungono da meccanismo antistress. Hanno dimostrato che la preghiera individuale, oltre a prestare servizio in chiesa, riduce la pressione sanguigna e che l'ipertensione rappresenta un indice affidabile di stress psicologico.

Elevata pressione del sangue causa malattie cardiache e malattie cardiache è il killer numero uno in molti paesi sviluppati. Qualsiasi pratica che abbassi regolarmente la pressione sanguigna, che si tratti di piacevoli interazioni sociali con gli amici o di esercizio fisico, riduce il rischio di malattie cardiache (2). Con questa logica, preghiere e rituali migliorano la salute e allungano la vita.

La maggior parte delle religioni mondiali promuove l'idea che la vita umana sia utile e abbia uno scopo. Una tale mentalità ottimistica fa meraviglie per la felicità e la salute. Questo aiuta a spiegare perché la religione è così importante nei paesi più poveri, più infestati dalle malattie del mondo.

1. Barber, N. (2012). Perché l'ateismo sostituirà la religione: il trionfo dei piaceri terreni sopra la torta nel cielo. E-book, disponibile su: http://www.amazon.com/Atheism-Will-Replace-Religion-ebook/dp/B00886ZSJ6/

2. Paul-Labrador, MD Polk, JH Dwyer, I. Velasquez, S. Nidich, S., M. Rainforth, et al. (2006). Effetti di uno studio controllato randomizzato di meditazione trascendentale su componenti della sindrome metabolica in soggetti con malattia coronarica. Archives of Internal Medicine, 166: 1218-1224.