Perché la malnutrizione troppo spesso non viene diagnosticata

Considera questo scenario: un uomo afroamericano di 70 anni entra nel pronto soccorso dopo una caduta dovuta a debolezza e affaticamento. Ha una diagnosi precedente di demenza. Oltre a prendersi cura delle lesioni acute dell'uomo, ci sono altri problemi per i quali il personale di emergenza dovrebbe guardare? Considerando l'età dell'uomo, l'etnia, i sintomi e la diagnosi di demenza, c'è una buona probabilità che soffra di malnutrizione. Eppure, troppo spesso, sarà mandato a casa senza quella diagnosi. Se dovesse essere ricoverato in ospedale, potrebbe essere formulata una diagnosi di malnutrizione, ma molto probabilmente sarebbe più tardi nelle sue cure, forse dopo diversi giorni, se non settimane, di scarsa nutrizione.

La malnutrizione è una crescente preoccupazione per la salute negli Stati Uniti Le nuove statistiche del Programma di assistenza e costo sanitario (HCUP) e dell'Agenzia per la ricerca e la qualità sanitaria hanno rilevato che nel 2013, 1,95 milioni di ospedalizzazioni hanno coinvolto la malnutrizione, con la maggior parte delle persone anziane (soprattutto gli 85+ anni ), Afro-americano, e da basso reddito e aree rurali. Questi casi hanno portato a ricoveri ospedalieri lunghi il doppio di quelli per i pazienti che non avevano malnutrizione. 1

I dati mostrano anche i costi umani e gli oneri economici derivanti da un paziente che presenta malnutrizione. Da un punto di vista economico, le degenze ospedaliere che comportano malnutrizione hanno rappresentato un costo sanitario di $ 42 miliardi. I soggiorni più inquietanti e legati alla malnutrizione hanno avuto una percentuale sostanzialmente più elevata di decessi ospedalieri, da 1,5 a 5 volte superiori a quelli non correlati alla malnutrizione. 1

Dato che molte persone che soffrono di malnutrizione sono più anziane, questo problema è particolarmente significativo per la comunità della salute mentale; depressione e malnutrizione spesso vanno di pari passo tra gli anziani. C'è anche una drammatica connessione tra demenza e malnutrizione. Secondo l'articolo Incidenza della malnutrizione negli anziani ospedalizzati con e senza demenza negli Stati Uniti recentemente pubblicati negli Annals of Behavioral Medicine, gli anziani ospedalizzati con demenza avevano una maggiore incidenza di diagnosi di malnutrizione e avevano bisogno di più procedure nutrizionali rispetto alla stessa popolazione senza demenza. 2

Gli anziani non sono l'unica popolazione vulnerabile all'impatto della malnutrizione. Nel 2010, 80.710 bambini ospedalizzati al di sotto dei 17 anni avevano una diagnosi codificata di malnutrizione (CDM). Questo rappresenta l'1,3% di tutte le ammissioni. Allo stesso tempo, i bambini senza un CDM ricevono un intervento nutrizionale coerente con la malnutrizione, nonostante la mancanza di una diagnosi formale (2,6 per cento di tutti i ricoveri). 3 Questo suggerisce che il numero reale di bambini ospedalizzati con malnutrizione è superiore al numero che riceve una diagnosi formale.

L'intervento precoce è la chiave per risultati ottimali per i pazienti giovani e meno giovani e per tutti gli altri. Quindi, perché non stiamo facendo un lavoro migliore per identificare la malnutrizione prima nei pazienti ad alto rischio?

Il problema sembra essere che la malnutrizione, anche per i professionisti esperti, è difficile da riconoscere. I sintomi più comuni della malnutrizione includono:

  • Perdita di peso non programmata;
  • Perdita di appetito;
  • Non in grado di mangiare o solo in grado di mangiare piccole quantità;
  • Sensazione di settimana o stanco; e
  • Gonfiore o accumulo di liquidi.

Molti di questi sintomi non sono solo i tratti comuni dell'invecchiamento, ma anche la depressione e una miriade di altre situazioni, complicando la diagnosi.

Quindi cosa possiamo fare?

Definire la malnutrizione. Questo sembra abbastanza ovvio, ma le definizioni cliniche della malnutrizione sono cambiate nel corso degli anni. Un chiaro insieme di criteri diagnostici universali è necessario se vogliamo avere un impatto reale sul risultato positivo dei pazienti con malnutrizione.

Stabilire un obiettivo. L'anno scorso, l'American Society for Parenteral and Enteral Nutrition (ASPEN) ha chiesto l'istituzione di un obiettivo nazionale negli Stati Uniti per la malnutrizione correlata alla malattia tra i pazienti ospedalizzati. La creazione di un tale obiettivo nazionale, combinata con una serie di azioni specifiche – ad esempio lo sviluppo di un team di assistenza interdisciplinare, la messa a punto di sistemi per fare rapidamente una diagnosi e lo sviluppo di piani di assistenza nutrizionale per affrontare la malnutrizione correlata alla malattia – ha il potenziale per migliorare i risultati dei pazienti riducendo le riammissioni, la morbilità, la mortalità e i costi.

Sapere cosa cercare. Poiché i segnali di malnutrizione sono troppo spesso trascurati, una maggiore consapevolezza e istruzione è fondamentale. La necessità per i consumatori e le équipe sanitarie di riconoscere il valore dell'assistenza nutrizionale clinica e di identificare tempestivamente persone care e pazienti a rischio è di vitale importanza. I dati HCUP recenti sono solo gli ultimi in una base di prove crescente che mostra chiaramente la connessione tra nutrizione e complicanze, durata e costo del soggiorno, tassi di riammissione e, in alcuni studi, la mortalità nei pazienti ospedalizzati.

Per ulteriori informazioni, visitare www.nutritioncare.org/malnutrition.

Riferimenti:

1. Weiss AJ (Truven Health Analytics), Fingar KR (Truven Health Analytics), Barrett ML (ML Barrett, Inc.), Elixhauser A (AHRQ), Steiner CA (AHRQ), Guenter P (American Society for Parenteral and Enteral Nutrition ), Brown MH (Baxter International, Inc.). Caratteristiche dei soggiorni ospedalieri che coinvolgono la malnutrizione, 2013. HCUP Statistical Brief # 210. Settembre 2016. Agenzia per la ricerca e la qualità sanitaria, Rockville, MD. http://www.hcup-us.ahrq.gov/reports/statbriefs/sb210-Malnutrition-Hospit….

2. Gonzalez, EW, J. Slaughter, RA DiMaria-Ghalili, P. Abeysekara, H. Resnick, e P. Guenter. Incidenza della malnutrizione negli anziani ospedalizzati con e senza demenza negli Stati Uniti. Annals of Behavioural Medicine, 2015; 49 (S1), S239.

3. Ruba A Abdelhadi, Sandra Bouma, Sigrid Bairdain, Jodi Wolff, Amanda Legro, Steve Plogsted, Peggi Guenter, Helaine Resnick, Jaime C Slaughter-Acey, Mark R Corkins. Caratteristiche dei bambini ospedalizzati con una diagnosi di malnutrizione: Stati Uniti, 2010. JPEN J Parenter Enteral Nutr 2016 22 luglio; 40 (5): 623-35. Epub 2016, 22 mar.

Solutions Collecting From Web of "Perché la malnutrizione troppo spesso non viene diagnosticata"