Perché la gente rifiuta ancora la teoria dell'evoluzione?

Nonostante una quantità schiacciante di prove empiriche convergenti in un certo numero di discipline scientifiche, molte persone, specialmente nel Nord America, rifiutano ancora di accettare la teoria dell'evoluzione. Se le prove a sostegno dell'evoluzione sono schiaccianti, perché è così?

Ci sono, naturalmente, una serie di possibili spiegazioni. Ad esempio, molti hanno sostenuto che il nostro sistema educativo ha svolto un lavoro mediocre insegnando ai bambini l'evoluzione. Come qualcuno che insegna corsi universitari, so di aver avuto discussioni con studenti che hanno chiaramente false credenze sulla teoria. Allo stesso modo, ci sono individui e organizzazioni (principalmente di natura religiosa) che stanno travisando l'evoluzione in uno sforzo strategico per dissuadere le persone dall'accettarlo e insegnarlo nelle scuole.

Ma perché non riusciamo a insegnare correttamente la teoria nelle scuole e perché alcune persone sono così investite nel impedire ai nostri figli di essere esposti a prove scientifiche? In altre parole, cosa c'è di così minaccioso in questa particolare teoria? Una recente serie di studi ha esaminato questo problema considerando l'ansia esistenziale riguardo alla morte come una ragione per cui le persone possono resistere all'evoluzione e favorire il disegno intelligente (la fede in un creatore).

Prima di tutto, lasciatemi fare un breve retroscena sul tema dell'ansia esistenziale sulla morte. Ho discusso questo problema in una serie di post precedenti. L'idea di base è che gli umani sono animali unici in quanto abbiamo il potere intellettuale di riflettere su noi stessi (autocoscienza) e sulla nostra situazione esistenziale (siamo mortali). Sin dalla prima infanzia, comprendiamo che siamo fisicamente vulnerabili. Possiamo subire un incidente casuale, essere vittima di un crimine violento o essere diagnosticati con una malattia mortale. Ad un certo punto del nostro sviluppo, iniziamo anche a comprendere pienamente che, sebbene possiamo evitare alcuni rischi mortali attraverso un buon comportamento (ad esempio, mangiare bene, indossare le cinture di sicurezza), molti rischi sono fuori dal nostro controllo.

Inoltre, e in modo critico, iniziamo a capire che la morte è inevitabile. Cioè, siamo l'unica specie che può veramente contemplare il nostro appuntamento con la morte. Un grande numero di ricerche ha dimostrato che questa consapevolezza della morte provoca una quantità significativa di ansia e che, di conseguenza, gli esseri umani fanno di tutto per investire in sistemi di credenze che ci aiutano a negare la gravità di questo destino. Nello specifico, gli umani si rivolgono a visioni del mondo culturali (ad esempio, religione) che portano il pungiglione della morte offrendo alle persone la sensazione che la nostra esistenza sia significativa e significativa. In altre parole, possiamo essere mortali, ma siamo qui per una ragione. Siamo esseri significativi in ​​un universo intenzionale. E in questo modo, siamo più che mortali. In effetti, gli studi dimostrano che più persone credono che le loro vite siano significative e propositive, meno la loro consapevolezza della morte le infastidisce. In breve, il significato esistenziale protegge le persone dall'ansia della morte.

Ok, ora torna a come l'evoluzione si riferisce all'ansia esistenziale sulla morte. Secondo la dottoressa Jessica Tracy, psicologa dell'Università della British Columbia, e colleghi, poiché le persone sono consapevoli della loro mortalità, sono spesso alla ricerca di un senso del significato esistenziale e della teoria dell'evoluzione, o almeno il modo in cui è spesso insegnato, potrebbe non offrire alcun aiuto in questa ricerca. In effetti, può minacciare un senso del significato nella misura in cui le persone vedono un approccio evolutivo come suggerendo che la vita alla fine è priva di significato (cioè, non c'è un grande disegno). Tuttavia, le teorie che rifiutano l'evoluzione, come la teoria del design intelligente, possono fornire un senso di significato esistenziale perché suggeriscono che esiste una ragione per la nostra esistenza. Cioè, la nostra esistenza ha uno scopo più grande.

Per testare queste idee, in una serie di studi, il dott. Tracy e colleghi hanno assegnato a caso le persone a una delle due condizioni. In una condizione, alle persone è stato chiesto di pensare alla propria morte, aumentando così la loro consapevolezza della mortalità. Nell'altra condizione, alle persone è stato chiesto di pensare al dolore dentale. Il dolore dentale è una spiacevole esperienza (ansiogeno-provocatoria) a cui pensare, ma in genere non destare pensieri di mortalità. Successivamente, leggono articoli a favore del design intelligente e dell'evoluzione. Coerentemente con l'idea che l'ansia esistenziale si relaziona con l'atteggiamento sull'evoluzione, i ricercatori hanno scoperto che le persone nella condizione di scrittura di morte, rispetto a quelle nella condizione di scrittura del dolore dentale, amavano l'articolo di progettazione intelligente di più e l'articolo di evoluzione di meno. Detto diversamente, pensare alla morte ha reso le persone più solidali all'idea di un design intelligente e meno favorevole all'evoluzione.

È interessante notare che in un altro studio, i ricercatori sono stati in grado di ottenere persone che avevano pensato alla morte per favorire l'evoluzione se queste persone fossero state esposte a informazioni che suggerivano che un approccio evolutivo allo studio del mondo naturale può fornire un senso di significato personale.
Secondo i ricercatori, ciò che questo suggerisce è che se le persone non percepiscono l'evoluzione come una minaccia per il significato nella vita, ma invece la vedono come un modo per trovare un significato personale comprendendo il nostro mondo e da dove veniamo, allora le persone potrebbero essere meno resistente alla scienza. In altre parole, essere sensibili ai bisogni esistenziali delle persone per il significato e lo scopo può essere fondamentale per educare con successo le persone su prove scientifiche che sfidano ipotesi a lungo termine sul mondo.

Per ulteriori letture vedi:

Tracy JL, Hart J, Martens JP (2011) La morte e la scienza: le basi esistenziali del credo nel design intelligente e il disagio con l'evoluzione. PLoS ONE 6 (3): e17349. doi: 10.1371 / journal.pone.0017349

Solutions Collecting From Web of "Perché la gente rifiuta ancora la teoria dell'evoluzione?"