Perché la gente continua a "sentirsi dispiaciuta" solo per i bambini

Peter Dahlgren/Flickr.com
Fonte: Peter Dahlgren / Flickr.com

Quante volte hai sentito che solo i bambini sono, tra l'altro, soli, viziati, egoisti? Se hai un figlio unico, puoi essere sicuro che qualcuno nella tua cerchia la pensa così.

Anche se nessuno di voi conosce la propria opinione a voce alta, vasti strati della popolazione credono agli stereotipi negativi riguardo ai soli bambini. Decenni di ricerche hanno confutato i miti che circondano solo i bambini, ma lo stigma regge velocemente oggi.

Philip Fernbach e Steven Sloman-professori della Leeds School of Business dell'Università di Brown e della Brown University, rispettivamente, spiegano perché questo accade. Nel loro articolo Op-Ed del New York Times intitolato "Perché crediamo a verità non ovvie" scrivono: "Le persone non riescono a distinguere ciò che sanno da ciò che gli altri sanno perché spesso è impossibile tracciare confini netti tra ciò che la conoscenza risiede nelle nostre teste e che cosa risiede altrove. "

Da dove viene quella "conoscenza" riguardo ai soli bambini nella tua testa? Passato giù per generazioni nella tua famiglia-nonna da tua madre a te? Amici, in particolare quelli con più figli? Sembrerebbe quindi che ciò che ognuno di noi crede riguardo ai soli bambini non è il nostro stesso pensiero, ma un pensiero collettivo "erroneo" iniziato dallo psicologo G. Stanley Hall nel 1896 che è stato perpetuato. Lo studio di Hall su "bambini particolari ed eccezionali" ha concluso che solo i bambini erano prepotenti, avevano amici più immaginari, soli, egoisti … e l'essere era essenzialmente una malattia a sé stante.

Quando qualcuno mi dice: "Tuo figlio è così diverso dall'unico figlio", dovrei essere contento o preoccupato che nel 2196 il pensiero della gente sul soggetto dei soli bambini sia bloccato nel 1896? La persona che complimenta non ha alcuna conoscenza della fonte dei suoi pregiudizi o di nessuna delle scoperte o dei fattori che hanno portato ai miti di G. Stanley Hall riguardo ai soli bambini.

Fernbach e Soloman, autori del libro, The Knowledge Illusion: Why We Never Think Alone, offrono questa spiegazione nel loro articolo del Times : "Ecco la verità più umile: da soli, gli individui non sono ben equipaggiati per separare i fatti dalla finzione, e non lo sarà mai. L'ignoranza è il nostro stato naturale; è un prodotto del modo in cui la mente lavora …

"… Tali delusioni collettive [in questo caso riguardo ai soli bambini] illustrano sia il potere che il profondo difetto del pensiero umano. È notevole che grandi gruppi di persone possano fondersi su una credenza comune quando pochi di loro possiedono le conoscenze necessarie per sostenerlo. "

Un'altra possibile spiegazione viene da Sam Wang, professore associato di biologia molecolare e neuroscienze a Princeton, e Sandra Aamodt, ex redattore capo di Nature Neuroscience . Credono che "Man mano che la fonte viene dimenticata, il messaggio e le sue implicazioni acquistano forza".

Ciò significa che persisterà il pensiero negativo riguardo ai soli bambini – che ci saranno sempre persone che si sentono dispiaciute o giudicano i figli senza un fratello o una sorella? Oppure, la conoscenza condivisa della sua falsità alla fine supererà l'unico stereotipo infantile che ancora soffre?

Relazionato:

  • Stereotipizzazione per tipo di sangue e ordine di nascita
  • Chi dice a quanti bambini avere
  • Stereotipi di rifornimento – Un racconto prudente
  • Perché Stereotypes Stick

Copyright @ 2017 di Susan Newman

· Iscriviti alla mia mailing list per ricevere la mia newsletter mensile gratuita e riceverai un capitolo del mio libro, Little Things Long Remembered: Fai in modo che i tuoi bambini si sentano speciali ogni giorno.

· Seguimi su Twitter e Facebook

· Visita il mio sito web

· Vedi i miei libri: Il caso per il figlio unico: la tua guida essenziale e la genitorialità di un figlio unico: le gioie e le sfide di sollevare il tuo unico

Riferimenti:

Fernbach, Philip e Sloman, Steven. "Perché crediamo a ovvi falsi." The New York Times , 5 marzo 2017, p. 11.

Sloman, Steven e Fernbach, Philip. L'illusione della conoscenza: perché non pensiamo mai da soli . New York: Riverhead Books, 2017

Wang, Sam e Aamodt, Sandra. "Your Brain Lies to You." The New York Times , 27 giugno 2008.

Solutions Collecting From Web of "Perché la gente continua a "sentirsi dispiaciuta" solo per i bambini"