Perché la disuguaglianza dei redditi minaccia la democrazia

L'aumento della disuguaglianza economica sta minacciando non solo il progresso economico ma anche il sistema politico democratico negli Stati Uniti

Emergendo dalla crisi finanziaria del 2008-09, l'economia globale è rimbalzata, ma in modo non uniforme. In tutto il mondo, la prosperità sfugge alla maggior parte delle persone. Sempre più i maggiori benefici della prosperità economica vengono accumulati da una piccola élite. Viviamo in un mondo in cui un piccolo numero di persone più ricche possiede la ricchezza della metà della ricchezza mondiale.

Negli Stati Uniti, l'aumento della quota di reddito del primo per cento è al suo livello più alto dalla vigilia della Grande Depressione. In India, il numero di miliardari è aumentato di dieci volte negli ultimi dieci anni. In Europa, i poveri lottano con politiche di austerità post-recupero, mentre gli investitori monetizzati beneficiano dei salvataggi bancari. L'Africa ha avuto un boom di risorse nell'ultimo decennio, ma la maggior parte delle persone continua a lottare quotidianamente per cibo, acqua pulita e assistenza sanitaria.

Molti esperti di economia e politica hanno sostenuto che concentrazioni estreme di ricchezza non sono solo moralmente discutibili, ma che la concentrazione nelle poche acrobazie di crescita economica a lungo termine rende anche più difficile ridurre la povertà. È chiaro inoltre che crescenti disuguaglianze di reddito estremo Ciò che ora deve essere ammesso è che la disparità di reddito estremo sta anche minando la democrazia.

Diamo un'occhiata alle prove per l'aumento della disuguaglianza di reddito e il suo impatto negativo negli Stati Uniti:

  • La metà più povera della popolazione terrestre possiede l'1% della ricchezza della Terra. L'1% più ricco della popolazione terrestre possiede il 46%; La metà più povera della popolazione statunitense possiede il 2,5% della ricchezza del paese. L'1% superiore ne detiene il 35%;
  • Gli Stati Uniti sono la società economicamente più stratificata nel mondo occidentale. Come riportato dal Wall Street Journal , uno studio recente ha rilevato che le prime famiglie con lo 0,01% o 14.000 americani detengono il 22,2% della ricchezza e il 90% inferiore, ovvero oltre 133 milioni di famiglie, solo il 4% della ricchezza nazionale;
  • L'US Census Bureau e il World Wealth Report 2010 riportano entrambi incrementi per il 5% delle famiglie, anche durante la recente recessione. Sulla base dei dati dell'Internal Revenue Service, l'1% più ricco ha triplicato il taglio della torta del reddito americano in una generazione;
  • Nell'81 per cento delle contee americane, il reddito familiare medio, circa 52.000 dollari, è inferiore a 15 anni fa. Questo nonostante il fatto che l'economia sia cresciuta dell'83% nell'ultimo quarto di secolo e che i profitti delle imprese siano raddoppiati. I lavoratori americani producono il doppio della quantità di beni e servizi rispetto a 25 anni fa, ma ottengono meno della torta;
  • L'ammontare di denaro che è stato distribuito in bonus a Wall Street lo scorso anno è il doppio della somma di lavoratori guadagnati nel paese combinato;
  • Le 85 persone più ricche del pianeta hanno più denaro che i più poveri 3,5 miliardi di persone hanno combinato;
  • La ricchezza mediana per numero adulto è solo di circa $ 39.000, ponendo gli Stati Uniti al 27 ° posto tra le nazioni del mondo, dietro l'Australia, la maggior parte dell'Europa e persino paesi piccoli come la Nuova Zelanda, l'Irlanda e il Kuwait;
  • L'1% superiore dell'America possiede il 50% delle attività di investimento (azioni, obbligazioni, fondi comuni di investimento). La metà più povera d'America possiede solo il 0,5% degli investimenti;
  • Gli americani più poveri si fanno avanti in una statistica: il 90% inferiore dell'America possiede il 73% del debito;
  • Dal 1990, la retribuzione del CEO è aumentata del 300%. I profitti aziendali sono raddoppiati. Lo stipendio medio del lavoratore è aumentato del 4%. Regolato per l'inflazione, il salario minimo è effettivamente diminuito. Gli amministratori delegati nel 1965 guadagnarono circa 24 volte la quantità del lavoratore medio. Nel 1980 guadagnarono 42 volte tanto. Oggi, i CEO guadagnano 325 volte il lavoratore medio;
  • In uno studio su 34 paesi sviluppati, gli Stati Uniti hanno avuto il secondo più alto livello di disuguaglianza di reddito, prima del solo Cile;
  • I giovani negli Stati Uniti stanno diventando più poveri. La ricchezza media delle persone sotto i 35 anni è diminuita del 68% dal 1984. La ricchezza mediana degli americani più anziani è aumentata del 42% nello stesso periodo;
  • Quattrocento americani hanno una ricchezza pari al PIL della Russia.
  • Nel 1946, un bambino nato in povertà aveva circa il 50% di possibilità di scalare la scala dei redditi nella classe media. Nel 1980, le probabilità erano del 40%. Un bambino nato oggi ha circa il 33% di possibilità.
  • Venticinque delle più grandi società in America nel 2010 hanno pagato ai loro amministratori delegati più denaro di quello che hanno pagato in tasse quell'anno.
  • Alcuni gestori di hedge fund hanno incassato 4 miliardi di dollari l'anno, abbastanza per pagare gli stipendi di ogni insegnante di scuola pubblica a New York, secondo Paul Buchheit della DePaul University.

Robert Reich, ex Segretario del Lavoro sotto la presidenza Bill Clinton ha recentemente citato una storia di Forbes che riportava che "solo due volte nella storia americana sono stati detenuti così pochi, e il divario tra loro e la stragrande maggioranza è stato un baratro – negli ultimi tempi Anni '20 e nell'era dei baroni ladri negli anni '80. "

Dominic Barton, Managing Director di McKinsey and Co., sostiene che "Pochi non sarebbero d'accordo sul fatto che aumenti incontrollati della disuguaglianza sarebbero costosi per il capitalismo nel lungo periodo, a causa delle divisioni che crea all'interno della società e della tensione che mette sulla sicurezza sociale reti “.

Lo studio della Pew Foundation, riportato sul New York Times , ha concluso, "La possibilità che i bambini della classe media o dei poveri salgano alla scala dei redditi non è cambiata significativamente negli ultimi tre decenni." La relazione speciale dell'Economist , Disuguaglianza in L'America , ha concluso, "I frutti dei guadagni di produttività sono stati orientati verso i più alti guadagni e verso le società i cui profitti hanno raggiunto livelli record come percentuale del PIL".

Uno sforzo congiunto della Russell Sage Foundation, della Carnegie Corporation e della Lyle Spencer Foundation ha pubblicato diverse relazioni basate sulla ricerca sulla disuguaglianza dei redditi. Hanno concluso che negli ultimi tre decenni, gli Stati Uniti hanno registrato un lento aumento delle disuguaglianze economiche e, di conseguenza, i frutti della crescita economica sono andati in gran parte ai ricchi; i redditi mediani sono stagnanti; e i poveri sono stati sempre più indietro.

Nel loro libro, Winner-Take-All Politics: come Washington ha reso i ricchi più ricchi – e ha ribaltato la sua posizione nella classe media, Jacob Hacker e Paul Pearson sostengono che dalla fine degli anni '70 è scaturita un'intensa campagna di cambiamenti politici anti-democrazia in un'intensa concentrazione di ricchezza e reddito ai pochi individui e società negli Stati Uniti

Molte persone credono che sia solo la recessione che ha avuto un impatto negativo sul benessere economico delle persone negli Stati Uniti, ma individui e società benestanti si sono comportati bene durante periodi di congiuntura difficili.

Secondo Richard Wolff, professore di Economia presso l'Università del Massachusetts, le corporazioni statunitensi, in particolare quelle di grandi dimensioni, "hanno evitato le tasse con la stessa efficacia con cui hanno controllato le spese governative a loro beneficio." Wolff sottolinea che durante la Depressione e la Seconda Guerra Mondiale, federale le entrate fiscali delle persone fisiche e giuridiche erano abbastanza simili, ma nel 1980 le imposte sul reddito individuali erano quattro volte più alte delle imposte sulle società. "Dalla seconda guerra mondiale, le aziende hanno spostato gran parte del carico fiscale federale per se stessi al pubblico, e specialmente alla classe media", dice Wolff.

Il più completo studio recente sulle imposte societarie da parte dei professori di Duke, MIT e Università della California ha concluso "troviamo una percentuale significativa di aziende che sembrano riuscire a evitare grandi porzioni del reddito aziendale per un periodo prolungato di tempo." Ad esempio Il New York Times ha riportato che la tassa totale di GE era del 14,3% negli ultimi 5 anni, mentre nel 2009 riceveva una garanzia di salvataggio di $ 140 miliardi dal governo federale.

Cosa succede alle società in cui ci sono grandi e crescenti divari nella ricchezza? Significativi problemi sociali e indicatori di benessere e felicità in declino, la ricerca recente sembra suggerire.

Gli epidemiologi britannici Richard Wilkinson e Kate Pickett, autori di The Spirit Level: Perché una maggiore uguaglianza rende le società più forti, sostengono che quasi ogni indicatore di salute sociale nelle società ricche è correlato al suo livello di eguaglianza economica. Gli autori, utilizzando dati provenienti dagli Stati Uniti e da altre nazioni sviluppate, sostengono che il PIL e la ricchezza complessiva sono meno significativi del divario tra ricchi e poveri, che è il peggiore negli Stati Uniti tra le nazioni sviluppate. "In società più ineguali, le persone sono più fuori di sé, il loro coinvolgimento nella vita della comunità si allontana", dice Wilkinson. Se vivi in ​​uno stato o in un paese in cui il livello di reddito è più equo, "avrai meno probabilità di avere malattie mentali e altri problemi sociali", sostiene.

Uno psicologo dell'Università di Leicester, Adrian White, ha prodotto la prima "mappa mondiale della felicità", basata su oltre 100 studi di oltre 80.000 persone e analizzando i dati della CIA, dell'UNESCO, della New Economics Foundation, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e database europei. L'indice di benessere prodotto era basato sulle variabili di previsione della salute, della ricchezza e dell'istruzione. Secondo questo studio, la Danimarca era al primo posto, Svizzera seconda, Canada 10 e Stati Uniti 23.

Uno studio, pubblicato su Psychological Science da Mike Morrison, Louis Tay e Ed Diener, che si basa sul sondaggio Gallup World di 128 paesi e 130.000 persone, ha scoperto che le persone più soddisfatte sono con il loro paese, migliore è la sensazione di se stessi. Recenti indagini negli Stati Uniti mostrano una percentuale significativa di americani che sono scontenti del loro paese. Secondo il World Values ​​Survey di oltre 80 paesi, gli Stati Uniti si posizionano solo al 16 ° posto, dietro a paesi come Svizzera, Paesi Bassi, Svezia e Canada, con la Danimarca al primo posto.

Linda McQuaig e Neil Brooks, autori di The Trouble with Billionaires, sostengono che l'aumento della povertà a causa della disuguaglianza economica negli Stati Uniti e in Canada ha effetti dannosi sulla salute e sulle condizioni sociali e mina la democrazia. Citano il fatto che mentre gli Stati Uniti hanno il maggior numero di miliardari nel mondo; si colloca scarsamente nel mondo occidentale in termini di mortalità infantile, aspettativa di vita, livelli di criminalità – in particolare il crimine violento – e partecipazione elettorale.

Tra il 1983 e il 1999, l'aspettativa di vita degli uomini diminuì in più di 50 contee degli Stati Uniti, secondo uno studio di Majid Ezzati, professore associato di salute internazionale alla Harvard School of Public Health. Per le donne, la notizia è ancora peggiore: l'aspettativa di vita è diminuita in oltre 900 contee, più di un quarto del totale. Gli Stati Uniti non si vantano più vicino alla più lunga aspettativa di vita del mondo. Non fa nemmeno i primi 40. In questo e in molti altri modi, la nazione più ricca della terra non è la più sana.

I risultati di Ezzati sono un esempio. Ci sono anche prove del fatto che vivere in una società con ampie disparità – nella salute, nella ricchezza, nell'istruzione – è peggiore per tutti i membri della società, anche i benestanti. Le statistiche sull'aspettativa di vita indicano questo. Le persone al vertice della gamma di reddito degli Stati Uniti "vivono molto a lungo", afferma Lisa Berkman, direttore degli studi sulla popolazione e lo sviluppo del centro dell'Università di Harvard, "ma le persone ai primi posti in altri paesi vivono molto più a lungo".

Una meta-analisi pubblicata dal British Medical Journal mostra un legame tra disparità di reddito e mortalità e salute. I ricercatori hanno concluso che le persone che vivono in regioni con disuguaglianza di alto reddito hanno un aumentato rischio di morte prematura, indipendentemente dal loro status socioeconomico individuale, dall'età o dal sesso. Anche se è logico supporre che i cittadini con il reddito più basso siano a rischio sanitario maggiore, lo studio ha concluso che la disparità di reddito è "dannosa per i membri più ricchi della società, dal momento che questi cittadini sperimentano lo stress psicosociale dalla disuguaglianza e dalla perdita di coesione sociale".

Spesso i media popolari ritraono l'immagine di tutti favorevoli e desiderosi di essere ricchi, ma ciò potrebbe essere ingannevole.

La recente ricerca neuroscientifica rivela che il cervello respinge la disuguaglianza e preferisce un equilibrio equo-fisiologico, emotivo, sociale e psicologico. E. Tricomi e colleghi hanno avanzato questa argomentazione, pubblicata sulla rivista, Nature. Sostengono che il cervello umano non ami la disuguaglianza quando si tratta di soldi. E altre evidenze comportamentali e antropologiche mostrano che gli umani non amano la disuguaglianza sociale e l'ingiusta distribuzione dei risultati. I ricercatori del California Institute of Technology e del Trinity College in Irlanda hanno identificato centri di ricompensa nel cervello sensibili alla disuguaglianza. Questa ricerca mostra una antipatia per l'equità e la disuguaglianza è più di una semplice convenzione sociale. A livello fisiologico, le persone potrebbero non essere così egoiste come una volta credevano. Altri studi hanno dimostrato che molte persone benestanti vogliono ripristinare l'uguaglianza e l'equilibrio con donazioni di beneficenza per alleviare la loro colpa e diminuire il proprio disagio per avere più delle altre persone.

La ricerca indica che un'elevata disuguaglianza si riverbera attraverso società su più livelli, correlando, se non causando, più crimine, meno felicità, minore salute mentale e fisica, meno armonia razziale e minore partecipazione civica e politica. La politica fiscale e i programmi di assistenza sociale, quindi, assumono un'importanza che va al di là della determinazione di quanto reddito le persone trattengono.

Nel loro rapporto, Dan Ariely della Duke University e Michael I. Norton della Harvard Business School, hanno dimostrato che, attraverso gruppi ideologici, economici e di genere, gli americani pensavano che il 20% più ricco della società americana fosse il più ricco controllato circa il 59% della ricchezza del paese, mentre il numero reale è in realtà dell'84%. Allo stesso tempo, gli intervistati del sondaggio ritenevano che il 20% superiore dovesse possedere solo il 32% della ricchezza. Al contrario, in Svezia, un paese con un'uguaglianza economica significativamente maggiore, il 20% delle persone più ricche controlla solo il 36% della ricchezza del paese. Nel sondaggio americano, il 92% degli intervistati ha dichiarato che preferirebbe vivere in un paese con la distribuzione patrimoniale della Svezia. Hanno concluso che la maggioranza degli americani che hanno intervistato "sottostimava drammaticamente l'attuale livello di disuguaglianza" e "gli intervistati hanno costruito distribuzioni di ricchezza ideali che erano molto più equo persino delle loro stime immensamente basse della distribuzione attuale". Sostengono che tutti i gruppi demografici i conservatori come i repubblicani ei ricchi "desideravano una più equa distribuzione della ricchezza rispetto allo status quo".

In un articolo del New York Times, Eduardo Porter sostiene che "I confronti tra paesi suggeriscono un legame abbastanza forte e negativo tra il livello di disuguaglianza e le probabilità di avanzamento attraverso le generazioni. E gli Stati Uniti appaiono all'estremità opposta di entrambe queste dimensioni – con alcune delle più alte disuguaglianze e la più bassa mobilità nel mondo industriale. "Prosegue dicendo" Se i più ricchi possono usare il sistema politico per rallentare o fermare l'ascesa del resto, gli Stati Uniti potrebbero diventare una plutocrazia ereditaria sotto le trappole della democrazia liberale.

Non bisogna credere che l'uguaglianza sia preoccupata per queste tendenze. Una volta che la disuguaglianza diventa molto acuta, genera risentimento e instabilità politica, erodendo la legittimità delle istituzioni democratiche. Può produrre polarizzazione politica e stallo, dividendo il sistema politico tra ricchi e poveri, rendendo più difficile per i governi affrontare gli squilibri e rispondere alle crisi della birra. Anche questo può minare la crescita economica, per non parlare della democrazia "."

Frederick Soft, scrivendo sull'American Journal of Political Science fornisce un'analisi della disuguaglianza economica e dell'impegno politico democratico, concludendo che "i più alti livelli di disuguaglianza di reddito deprimono potentemente l'interesse politico, la frequenza della discussione politica e la partecipazione alle elezioni tra tutti tranne i cittadini ricchi e ostentranti" , fornendo prove convincenti che una maggiore disuguaglianza economica produce disuguaglianza politica di benvenuto ".

Quindi, mentre la disparità di reddito è un serio problema crescente per la salute economica e sociale della popolazione statunitense, è giusto dire che è anche una minaccia per il suo sistema democratico.

Solutions Collecting From Web of "Perché la disuguaglianza dei redditi minaccia la democrazia"