Perchè il tuo ragazzo ASD si fa oppresso

La maggior parte degli adolescenti vittima di bullismo, lotta a vari livelli per comprendere le regole non verbali di qualsiasi gruppo. Qualcosa che viene naturale per i loro coetanei, è qualcosa che l'adolescente ASD finisce per imparare nel modo più duro. Per la prospettiva degli adolescenti in questa situazione, essi sperimentano periodicamente conflitti dai pari senza motivo. Le molestie e gli assalti occasionali sembrano avvenire inaspettatamente, portando a una delle due mentalità predominanti. Il primo essere di ritirarsi dal mondo, perché non ci si deve fidare delle persone, e il secondo è quello di una mentalità da guerriero, essere preparati a combattere chiunque e tutti perché il mondo è percepito nella mente dell'adolescente come un luogo ostile. Naturalmente, entrambi gli adolescenti dell'ASD cadranno da qualche parte nello spettro tra queste due menti.

Per gli adolescenti ASD che hanno esperienza del bullismo (e dei loro genitori), ecco i motivi per cui l'acquisto avviene.

Una cecità alle gerarchie sociali

L'adolescente ASD, che lotta con la raccolta di segnali non verbali, è problematico nelle situazioni sociali, specialmente con i giovani. L'adolescente dell'ASD non riuscirà a riconoscere le cricche che sono state informalmente stabilite dai suoi pari e dalle successive gerarchie informali all'interno di queste cricche. Ignaro di queste regole e confini stabiliti dai suoi pari, si imbatterà in conflitti quando interagisce casualmente con leader informalmente riconosciuti senza un riconoscimento della loro leadership. Tipicamente, questo accadrà quando parla casualmente la sua verità a un pari, altri colleghi sanno meglio che istigare a un conflitto con. Questo peer è molto probabilmente un leader informale di una cricca tra i gruppi di pari, e molto probabilmente reagirà all'atteggiamento disinvolto dell'adolescente come una sfida alla sua autorità, ed è qui che inizia il bullismo.

Una mancanza di assertività durante i conflitti

La maggior parte degli adolescenti ASD che hanno una storia di bullismo, hanno sviluppato una risposta traumatica ai conflitti. Molto spesso queste risposte sono congelate, in particolare per rimanere senza parole e talvolta incapaci di muoversi. Questo perché dal punto di vista dell'adolescente il conflitto non è provocato e sembra uscito dal nulla. Questa mancanza di assertività quando viene vittima di bullismo richiama spesso l'attenzione di altri: i bulli cercano di avanzare nella gerarchia informale del gruppo di pari. Di conseguenza, in una brutta giornata, un adolescente ASD probabilmente sperimenterà ciò che percepisce come attacchi non provocati (spesso verbali) da più coetanei. Alcuni adolescenti manterranno la loro frustrazione fino a quando non torneranno a casa, dove si sentiranno al sicuro abbastanza da portarlo fuori sui loro genitori e fratelli. In rari casi, un adolescente ASD svilupperà una risposta aggressiva alla sua percezione di attacchi non provocati e spesso si rivaluterà. Questo di solito porta a sospensioni multiple durante un anno solare per l'adolescente. Questo perché, anche se l'adolescente non ha istigato il conflitto, spesso mancherà della raffinatezza sociale per spiegare a fondo la sua versione della storia alle autorità scolastiche. Inoltre mancherà anche la valuta sociale e il successivo sostegno dei colleghi per collaborare al suo lato della storia, che porta al capro espiatorio abituale dell'adolescente.

Perpetuare un ciclo negativo

A causa della dimenticanza dell'ascienza dell'ADD verso i segnali sociali non verbali, egli riviverà spesso gli stessi schemi di conflitto con diversi gruppi sociali. Al liceo, in assenza di un intervento, l'adolescente ASD ha sviluppato una comprensibile e irrazionale paura delle interazioni sociali. Per proteggersi, si ritirerà spesso da eventi sociali primari e si limiterà a una manciata di colleghi, che a vari livelli sperimentano gli stessi problemi. Se lasciato senza indirizzo, l'adolescente potrebbe non imparare mai a navigare con successo nelle situazioni sociali.

La buona notizia è che gli adolescenti dell'ASD, che si trovano abitualmente sul lato ricevente del bullismo, possono apprendere strategie efficaci per porre fine al bullismo e migliorare la propria capacità di interagire socialmente e con gli altri.

Ugo è uno psicoterapeuta e life coach.