Perché i tuoi amici di Facebook hanno così tanto pregiudizi politici?

DonkeyHotey/flickr
Fonte: DonkeyHotey / flickr

Quando Peter Wason ha coniato il termine "bias di conferma", non significava cosa significhi oggi. Stava suggerendo che, ogni volta che le persone considerano un'ipotesi, indipendentemente dall'ipotesi, sono naturalmente inclini a cercare ragioni che supportano l'ipotesi e a trascurare le ragioni che contano contro l'ipotesi.

Ad esempio, se ti venisse chiesto di considerare l'ipotesi che "la combustione dei combustibili fossili contribuisce al riscaldamento globale", il suggerimento era che, indipendentemente da ciò che avevi pensato in precedenza, ti trovavi naturalmente alla ricerca di prove che la combustione di combustibili fossili contribuisca a riscaldamento globale. E naturalmente trascurerai le prove contro di esso.

E, se hanno cambiato l'ipotesi di "bruciare i combustibili fossili non ha alcun effetto sulle temperature globali a lungo termine", notereste e ignorate le prove opposte.

Se la gente avesse davvero questo tipo di pregiudizio di conferma, potrebbe essere davvero buono o molto cattivo. Da un lato, sarebbe bello essere in grado di convincere la gente a vedere entrambi i lati di un problema semplicemente cambiando il modo in cui l'ipotesi è formulata. D'altra parte, sarebbe anche estremamente facile manipolare le persone nel supportare la tua parte di un problema se fosse questa la tua intenzione.

Nel bene e nel male, non è così che funzionano le cose.

Oggi, quando i ricercatori usano il termine "bias di conferma", lo usano come lo definisce Wikipedia:

"Distorsione di conferma. . . è la tendenza a cercare, interpretare, favorire e richiamare le informazioni in un modo che confermi le proprie convinzioni o ipotesi preesistenti. "

Ad esempio, se già credi che la combustione di combustibili fossili contribuisca al riscaldamento globale, tenderai a cercare, interpretare, favorire e richiamare informazioni che supportano l'idea che questo è vero, e tenderai a trascurare o evitare le prove che bruciano fossili i combustibili non contribuiscono al riscaldamento globale – indipendentemente da come viene formulata l'ipotesi.

E se inizialmente sei scettico sul riscaldamento globale provocato dall'uomo, tenderai a cercare ed evitare le prove opposte.

In altre parole, tendiamo a notare e cercare prove che supportano "la nostra parte" e ignorare o evitare prove che supportino "la loro parte". E, in effetti, molti psicologi oggi stanno evitando il termine "bias di conferma" e chiamandolo "pregiudizio myside".

Quindi, che altro possiamo dire del pregiudizio "myside"?

Bene, in primo luogo, sembra essere una cosa reale. E per vedere ciò, tutto ciò che devi fare è iniziare una conversazione su un argomento controverso (come il controllo delle armi da fuoco o il riscaldamento globale) in un gruppo misto sui social media e vedere come le persone discutono. È probabile che coloro che si oppongono al controllo delle armi dispongano di statistiche che supportano la loro posizione a portata di mano e avranno difficoltà a vedere la rilevanza delle statistiche condivise dalle persone che controllano le armi. E viceversa.

In secondo luogo, il pregiudizio di myside non è sfuggito all'attenzione dei nostri migliori scrittori, filosofi, poeti e musicisti.

Nella Divina Commedia, Dante, scrivendo nel 13 ° secolo, scrisse:

"[O] pignolo-frettoloso-spesso può inclinarsi dalla parte sbagliata, e quindi l'affetto per la propria opinione si lega, confina la mente"

Tre secoli dopo, Francis Bacon scrisse:

"La comprensione umana quando ha adottato una volta un parere … richiama tutte le altre cose per sostenere e concordare con essa. E sebbene ci sia un numero e un peso maggiore di istanze che si trovano dall'altra parte, tuttavia questi o trascurano o disprezzano, oppure con qualche distinzione che mette da parte o rifiuta ".

Circa tre secoli dopo, Tolstoy scrisse:

So che la maggior parte degli uomini – non solo quelli considerati intelligenti, ma anche quelli che sono molto intelligenti, e in grado di comprendere i più difficili problemi scientifici, matematici o filosofici – può molto raramente discernere anche la più semplice e ovvia verità se è tale per costringerli ad ammettere la falsità delle conclusioni che hanno formato, forse con molta difficoltà, conclusioni di cui sono orgogliosi, che hanno insegnato agli altri e su cui hanno costruito le loro vite.

E meno di un secolo dopo, Paul Simon ha scritto le parole:

“. . . un uomo sente ciò che vuole sentire e trascura il resto. "

Ora potresti già avere le tue opinioni sul pregiudizio "myside". Forse pensi che sia una brutta cosa. E forse addirittura incolperai il mio pregiudizio per una buona parte dell'estrema polarizzazione politica che vediamo oggi nel mondo.

Se è così, allora, in tutta onestà, dovremmo davvero considerare alcune ragioni contro questa ipotesi, alcune ragioni per cui il pregiudizio di myside potrebbe essere una buona cosa dopotutto.

Myside Bias è sempre male?

In The Enigma of Reason Hugo Mercier e Dan Sperber difendono l'idea che il pregiudizio myside non è sempre una cosa negativa. In effetti, pensano che il bias di myside sia una delle caratteristiche essenziali di Reason. E sostengono che il ragionamento umano funziona bene se usato nel suo contesto naturale.

Quindi qual è la funzione corretta della Ragione? E qual è il "contesto naturale" della Ragione? E come possono dire che il pregiudizio di myside è una buona cosa, visti tutti gli ovvi problemi che vediamo con esso?

Secondo Mercier e Sperber, la funzione propria della Ragione è di aiutarci a trovare ragioni che convinceranno gli altri e ci permetteranno di giustificarci con loro. E il contesto naturale per il ragionamento è nelle discussioni cooperative in gruppo.

È facile vedere come ragionare con il bias di myside può essere un bene per l'individuo. Se passiamo il tempo a cercare ragioni che minano la nostra causa, creeremo un caso più debole per noi stessi. E, se presentiamo prove su entrambe le parti, potremmo persino minare il nostro caso. Se il nostro obiettivo è quello di giustificare una delle nostre azioni al gruppo, allora avrà spesso senso presentare solo i motivi per cui la nostra azione è stata una buona cosa da fare e tralasciare qualsiasi motivo per cui sia stata una brutta cosa da fare.

Ma Mercier e Sperber vanno oltre questo. Suggeriscono che a volte il bias myside è in realtà un bene per il gruppo nel suo complesso. E la ragione di ciò è che facilita un'efficace divisione del lavoro cognitivo.

Se pensi che dovremmo cacciare l'antilope al mattino, e penso che dovremmo cacciare le antilopi nel pomeriggio, e se è più facile valutare i motivi che generarli, allora il gruppo ha più motivi per lavorare se si presentano solo ragioni per la caccia al mattino, e ho solo ragioni per la caccia nel pomeriggio.

Supponiamo di essere entrambi in grado di inventare sei motivi in ​​un dato periodo di tempo. Se cerchiamo di essere imparziali, e entrambi cerchiamo di fornire tre motivi per la caccia al mattino, e tre motivi per la caccia nel pomeriggio, potremmo inventare le stesse ragioni, e quindi il gruppo avrà solo sei ragioni totali lavorare con.

Se, d'altra parte, spendi la tua energia che genera la ragione per venire con sei ragioni per la caccia al mattino, e io uso la mia energia che genera la ragione per venire con sei ragioni per la caccia nel pomeriggio, allora il gruppo avrà dodici ragioni da considerare e presumibilmente sarà in grado di prendere una decisione migliore.

Ma la chiave qui è che le persone devono essere disposte a cambiare idea se il peso di tutte le ragioni va contro di loro.

E questo ci porta al tema del contesto naturale per il ragionamento.

Se siamo in una sessione toro tarda notte con amici fidati, a volte ci sentiamo liberi di spingere le nostre idee più lontano di quanto faremmo normalmente, fino al punto di stupidaggine, mentre altri le buttano giù. E questa è una buona cosa, perché alla fine della serata, siamo perfettamente OK a rinunciare alla nostra posizione se non regge. Confidiamo che i nostri amici non contengano l'idea contro di noi, e questo ci libera fino a spingere l'idea il più lontano possibile e a cambiare idea se non regge.

E questa è la chiave. Le sessioni toro notturne, come le riunioni di caccia tribale, sono iniziative cooperative. Stiamo tutti cercando la migliore strada da seguire, ci prendiamo tutti l'un con l'altro, e siamo in qualche modo persuasibili.

E in queste condizioni, non solo il pregiudizio di myside non è così male, è discutibilmente molto buono.

Sfortunatamente, spesso non siamo più in Kansas.

Bias e media sociali

In un gruppo misto sui social media che discute un argomento controverso, spesso ci sono persone che presentano una sola parte di un caso l'una all'altra. Non è niente fuori dall'ordinario. Vediamo le stesse cose nelle torsioni notturne e nelle riunioni di caccia tribale. Ciò che è diverso nel caso dei social media è che le persone si trovano spesso in un ambiente in cui non si sentono al sicuro essendo reciprocamente persuasibili.

I dibattiti politici sui social media non sono generalmente dialoghi cooperativi all'interno del gruppo. Sono dibattiti competitivi tra persone nel nostro gruppo e persone nel nostro gruppo esterno. E, poiché non possiamo nemmeno vedere i nostri avversari faccia a faccia mentre discutiamo, il gruppo più grande nel gruppo, che condividiamo con tutti gli esseri viventi e che respira, non è nemmeno particolarmente rilevante. Questa non è una collaborazione tra persone che si prendono cura l'una dell'altra. È una guerra tribale.

Anche la natura della politica non aiuta. Vogliono una politica e vogliamo una politica diversa e incompatibile. E il modo in cui è ambientato il gioco, qualunque tribù perda il dibattito, deve convivere con la politica dell'altra tribù. E, poiché non sono nella nostra tribù, la loro politica non tiene conto dei nostri interessi molto bene. Queste sono alte quote.

E quindi la nostra naturale tendenza a cercare ragioni su un lato di un problema non è controbilanciata molto bene dalla nostra capacità di riconoscere i buoni controsensi quando li vediamo. Nella toro tarda notte c'è una certa pressione sociale verso l'essere persuadibili. Nel dibattito politico sui social media misti, la maggior parte della pressione sociale sta nel resistere alle ragioni dell'altro tribù.

In effetti, cambiare la tua mente può essere visto dalla tua parte come sleale, o (da questa guerra) persino da un punto di vista del tesoro.

E così balliamo la discussione politica sui social media. Facciamo finta di impegnarci in un dialogo aperto, e tutti se ne vanno più convinti delle loro posizioni rispetto a quando hanno iniziato.

E adesso?

OK, quindi c'è qualcosa da fare su questo? Possiamo rendere più illuminanti le nostre discussioni sui social media? Possiamo cambiare il corso della polarizzazione politica e ricominciare a lavorare insieme?

Come una politica unilaterale che cerca di essere meno prevenuta potrebbe essere un bene per le nostre anime, ma probabilmente non farà molto per cambiare il comportamento degli altri. Prenderanno il nostro trattamento in mano come un segno di capitolazione.

Un approccio più promettente è cercare di cambiare il contesto del ragionamento da competitivo a cooperativo. E possiamo farlo sottolineando la nostra comune umanità, descrivendo come siamo arrivati ​​a sostenere le nostre opinioni e chiedendo loro di fare lo stesso.

Dico di più su questo qui.

Solutions Collecting From Web of "Perché i tuoi amici di Facebook hanno così tanto pregiudizi politici?"