Perché i CEO hanno bisogno di abbracciare la consapevolezza

"E 'solo al top" sembra essere più vero che mai, e questo ha gravi implicazioni per le prestazioni e il benessere dei CEO. Le pratiche di consapevolezza possono essere una potente strategia per affrontare questo problema crescente.

L'immagine che la maggior parte delle persone di tutto lo spettro ha dei CEO è abbastanza coerente: il loro compenso e i loro benefici sono esorbitanti; esercitano il potere assoluto; e godono di uno status elevato e spesso celebrità. Secondo il dottor Thomas J. Saporito, presidente e chief executive officer di RHR International, una società globale impegnata nello sviluppo della leadership del top management: "Da pacchetti di compensi stravaganti a scontri di sala riunioni riscaldati a uscite drammatiche, dirigenti amministrati male hanno dominato i titoli di gestione “.

Poche persone si sentono particolarmente dispiaciute per gli amministratori delegati in questo momento, ed è improbabile che cambino. I CEO hanno potere, prestigio, influenza e ricchezza – la percezione generale è che ce l'abbiano fatta. E c'è del vero in quelle percezioni. Quindi perché provare simpatia per quegli amministratori delegati che potrebbero sentirsi soli? Una risposta: perché potrebbe avere un effetto negativo sulle loro prestazioni e sulla loro organizzazione. Saporito dice: "L'idea che sia solitario in cima non è solo una frase banale. Sono stato a questo per oltre 30 anni, e ho parlato con oltre 200 amministratori delegati – ci sono pochi preziosi che non hanno, nella privacy delle nostre discussioni, parlare di solitudine ".

Secondo uno studio condotto dal Center for Leadership Development and Research (CLDR) presso la Stanford Graduate School of Business, il Rock Center for Corporate Governance della Stanford University e il gruppo The Miles molti CEO si sentono soli e isolati e quasi i due terzi dei CEO non lo fanno ricevere consigli di coaching o leadership da consulenti esterni o coach, e quasi la metà dei dirigenti non ne riceve nessuno.

M. Ena Inesi della London Business School e Adam D. Galinsky della Kellogg Graduate School of Business hanno scritto sul Wall Street Journal "Tuttavia, la natura stessa del potere e i suoi effetti psicologici spesso lasciano il sentimento potente solo ai vertici".

Secondo un recente sondaggio della società di consulenza RHR International, essere il cane migliore in una società non è tutte le decisioni critiche e la vita ad alto numero di ottani. Il sondaggio di 83 amministratori delegati di aziende pubbliche e private con entrate annuali da $ 50 milioni a $ 2 miliardi ha rilevato che la metà dei massimi dirigenti ha riferito di provare un senso di isolamento che può potenzialmente ostacolare la loro capacità di svolgere il proprio lavoro.

Il sondaggio prosegue concludendo: "L'intensità del lavoro del CEO, unita alla scarsità di coetanei di fiducia, crea potenzialmente pericolosi sentimenti di isolamento tra gli amministratori delegati. Il cinquanta per cento di tutti gli amministratori delegati dichiara di soffrire di solitudine nel ruolo e il 61 percento ritiene che l'isolamento ostacoli le loro prestazioni ", afferma il comunicato dello studio. I neo-amministratori delegati ne sono particolarmente colpiti, con quasi il 70% di coloro che si lamentano di sentirsi soli nella loro ammissione che il loro isolamento influisce negativamente sulla loro capacità di svolgere il proprio lavoro. Il 32 per cento dei CEO intervistati dall'Harris Interactive Service Bureau nel 2012 ha detto che hanno sperimentato sentimenti di solitudine nel loro ruolo.

L'isolamento dell'amministratore delegato e la solitudine sono il riflesso di una tendenza nella popolazione generale. Come ha documentato Robert Putnam nel suo famoso libro Bowling Alone: ​​il declino del capitale sociale americano , passiamo sempre meno tempo l'uno con l'altro. Come la tecnologia ci collega, cambia i tipi di relazioni che abbiamo. Abbiamo più "amici" che mai, ma ci manca il profondo legame che desideriamo. Il problema non è solo aneddotico. Nel 2014, la National Science Foundation ha riportato nella sua General Social Survey che un numero senza precedenti di americani è solo. Quasi un quarto degli intervistati ha riferito di non avere "nessuno con cui parlare dei propri problemi personali o trionfi".

Il fallimento del CEO è in aumento negli ultimi tempi. La longevità media degli amministratori delegati in Nord America è inferiore a 3 anni. Gli amministratori delegati sono assediati dalla costante pressione degli azionisti, dei consigli di amministrazione, dei regolatori governativi, dei media e dei gruppi di interesse speciali. E la lista continua.

Il lavoro di CEO è unico da diverse prospettive: nessun altro ha bisogno di ascoltare la verità di più e la prende meno dai dipendenti; nessun altro è al centro delle critiche quando le cose vanno male; nessun altro è il decisore finale su decisioni difficili e spesso perdenti.

Shasta Nelson, scrivendo su Psychology Today.com, dice "C'è una ragione per cui dicono che è solitario in cima. Se la persona in cima inizia a sentirsi troppo sorprendente per connettersi con coloro che sono sotto di loro, o quelli sotto di loro cominciano a trattare la cima come se fossero su un piedistallo; una dinamica dolorosa sembra isolare quelli che eccellono in altre aree ".

Questo senso di isolamento è uno dei temi più ovvi che emergono da uno studio – Stepping Up To CEO – pubblicato oggi dalla School for CEOs. In effetti, il 93% dei leader aziendali interpellati ha affermato che i potenziali CEO necessitavano di una preparazione più specifica per il ruolo principale. Questo è forse sorprendente data la quantità di tempo e di costi che la maggior parte delle organizzazioni ha dedicato alla formazione esecutiva. Oltre a sentirsi poco preparati alla solitudine e alla fine responsabili, i leader hanno citato l'aspetto unico del ruolo.

"Dalla mia esperienza e parlando con centinaia di CEO nel corso degli anni, penso che la cosa per cui le persone non sono preparate è che il ruolo di CEO è molto diverso dall'essere il numero due o un direttore funzionale di supporto. Devi prendere le decisioni, stabilire il ritmo e la strategia e assicurarti che tutto venga fatto in tempo, tenendo insieme le persone. Le persone spesso non sono preparate per il lavoro psicologico che ne consegue ", afferma Michael Bader, scrivendo in Psychology Today.

I CEO possono sentirsi più soli e isolati per una serie di motivi rispetto al passato, in parte perché i riflettori sono molto più nitidi. Per i leader di oggi, "la più grande differenza è che i CEO di quest'epoca stanno attraversando un livello incredibile di controllo", afferma Saporito. "Sono sotto la pistola da praticamente ogni angolo. Gli azionisti, i regolatori e gli analisti si aspettano un livello molto più elevato di trasparenza ".

In che modo i CEO hanno affrontato il problema dell'isolamento e della solitudine?

Bill George, professore di management presso la Harvard Business School, ha scritto libri sulla sua filosofia "True North", raccomanda di incontrarsi con colleghi che, nel tempo, formano un gruppo affiatato di supporto emotivo. Alcuni amministratori delegati appartengono a gruppi formali o informali che condividono esperienze e percezioni, sebbene la questione della riservatezza possa diventare un problema. Alcuni, in particolare i nuovi CEO, hanno trovato mentori esperti che hanno avuto le loro esperienze e consigli da condividere. E altri ancora hanno assunto allenatori dirigenti, che su base confidenziale hanno fornito conversazioni e consigli fidati, onesti e diretti non disponibili in nessun altro modo.

Uno dei problemi principali della mitigazione della solitudine sottolinea quello che Saporito definisce come la gestione della propria vulnerabilità. "Ecco dove arriva la solitudine", dice. I CEO stanno provando a manovrare tra stakeholder, dipendenti e autorità di regolamentazione "e mentre cercano di fare tutto questo, dove possono dire cosa pensano o parlano delle loro opzioni? Per poche persone preziose ", dice.

Gli amministratori delegati con cui ho lavorato hanno trovato il coaching il modo più efficace per affrontare la vulnerabilità.

Quindi, in che modo la consapevolezza può aiutare con l'isolamento e la solitudine?

Se è così, allora la consapevolezza è un altro approccio da considerare. Nelle pratiche di consapevolezza consapevole enfatizziamo di prestare attenzione alla vostra esperienza momento per momento, inclusa l'attività emotiva e mentale interna e, quando si è in dialogo con altre persone, in sintonia con loro e con le dinamiche mutevoli della vostra interazione. Questi sono paragonabili alle abilità che gli ultimi interventi di cognizione sociale si sforzano di sviluppare. È stato dimostrato che l'empatia deriva anche dalle pratiche di consapevolezza. La consapevolezza è anche intrinsecamente, anche quando non intenzionalmente, di natura terapeutica in quanto aiuta ad espandere lo spazio tra ciò che sta accadendo e ciò che potrebbe essere una reazione automatica ad esso – che si tratti di un pensiero o di un comportamento – che è diventato abituale nel tempo, quindi quelli nuovi, più utili, più sani possono emergere. All'interno di quegli spazi ci sono più opportunità per rompere il ciclo di solitudine.

Un nuovo studio condotto da J. David Creswell della Carnegie Mellon University ha scoperto che la meditazione di consapevolezza riduceva i sentimenti di solitudine e abbassava i livelli di infiammazione, che si ritiene possa favorire lo sviluppo e la progressione di molte malattie.

Esistono altri modi in cui le pratiche di mindfulness possono mitigare il problema dell'isolamento e della solitudine per i CEO. Nel corso di quasi quattro decenni, la ricerca di Ellen Langer sulla consapevolezza ha notevolmente influenzato il pensiero in una vasta gamma di settori, dall'economia comportamentale alla psicologia positiva. Rileva che prestando attenzione a ciò che sta accadendo intorno a noi, invece di operare sul pilota automatico, possiamo ridurre lo stress, sbloccare la creatività e aumentare le prestazioni. Sostiene le pratiche di consapevolezza:

  • Migliora la capacità di prestare attenzione aumenta, che migliora le prestazioni;
  • Migliora la memoria;
  • Riduce il comportamento "reattivo";
  • Migliora la creatività;
  • Aumentare la capacità di concentrarsi sul presente;
  • Migliorare le relazioni;
  • Migliora il carisma positivo;
  • Riduce la tendenza a giudicare gli altri e se stessi;
  • Consente una migliore gestione dello stress;
  • Migliora l'apertura mentale;
  • Riduce il comportamento insensato, "pilota automatico".

Nel mio lavoro con i dirigenti, ho osservato che coloro che hanno adottato pratiche di mindfulness sono stati più capaci di essere buoni ascoltatori e conversatori; organizza riunioni migliori; e forse, cosa più importante, includere la pianificazione dei tempi di inattività, "non fare nulla" e il tempo di riflessione nella loro vita quotidiana.

Di conseguenza questi dirigenti hanno acquisito maggiore autoconsapevolezza e regolazione emotiva e il controllo del comportamento reattivo è spesso un prodotto di pratiche di consapevolezza, che sono tutte strategie potenti per contrastare gli effetti negativi dell'isolamento e della solitudine.

Solutions Collecting From Web of "Perché i CEO hanno bisogno di abbracciare la consapevolezza"