Perché gli utenti di cannabis sono suscettibili alla distorsione della memoria?

M.C. Escher/Creative Commons
Fonte: MC Escher / Creative Commons

Un nuovo studio pubblicato su Molecular Psychiatry riporta che i consumatori cronici di cannabis hanno maggiori probabilità di sperimentare falsi ricordi. Siamo tutti suscettibili di falsi ricordi e percezioni distorte della realtà, ma l'uso eccessivo di marijuana sembra compromettere la capacità di differenziare tra ricordi veri e falsi.

Un altro studio recente ha rilevato che nel mondo della percezione visiva e del funzionamento motorio il cervello crea due diverse mappe del proprio ambiente: una mappa incline all'illusione utilizzata per creare percezioni coscienti del mondo e una mappa resistente all'illusione utilizzata per guidare i movimenti.

Gli utenti di Cannabis cronici sono più sensibili ai falsi ricordi

Lo studio sulla cannabis è stato condotto in Spagna da una coalizione di ricercatori. Lo studio dell'aprile 2015 intitolato "Raccontare vero da falso: gli utenti di cannabis mostrano una maggiore suscettibilità a false memorie", è stato pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry .

Uno degli effetti collaterali più comuni del fumo di troppa marijuana è che crea problemi di memoria. Statisticamente, gli utenti cronici di cannabis hanno più difficoltà rispetto alla popolazione generale, consolidando nuovi ricordi e recuperando vecchi ricordi.

Il nuovo studio spagnolo ha scoperto che l'uso cronico di marijuana aumenta le probabilità che i ricordi immaginari o falsi sembrino reali. Questi risultati non dovrebbero sorprendere. In molti modi, l'intero punto di alzarsi è di solito modificare le proprie percezioni della realtà.

Fumi marijuana? Ho smesso di usare cannabis o droghe dopo aver avuto un classico "brutto viaggio" sui funghi psichedelici da adolescente. Hai mai avuto un brutto viaggio? Ho descritto l'effetto straziante che la psilocibina aveva nella mia mente in The Athlete's Way dicendo,

Non so se hai mai avuto un brutto viaggio, ma sembra che tutti i tumbler nel tuo cervello stiano girando e riconfigurando-sbloccando le porte della percezione che dovrebbero rimanere chiuse, chiudendo le finestre che dovrebbero rimanere aperte-tutto il tempo -scopando le cianografie della tua psiche e il fondamento della tua anima … fondendo le tue sinapsi in nuove configurazioni e riorganizzando in modo permanente l'architettura della tua mente.

Avere un brutto viaggio ha fatto sembrare il mondo una surreale litografia di Escher in un modo da incubo. Ho dovuto smettere di fare qualsiasi tipo di droga dopo che ho avuto quel brutto viaggio perché anche un colpo di piatto mi dà dei flashback su quanto drammaticamente le droghe possano distorcere la realtà. Il pensiero di essere molto ricco di droghe rimane terrificante per me.

I neuroscienziati scoprono che le duali illusioni possono creare una realtà alternativa

"Rotating Snakes" by Akiyoshi Kitaoka/Wikimedia
Fonte: "Rotating Snakes" di Akiyoshi Kitaoka / Wikimedia

Un altro studio del mese di aprile 2015 sulle percezioni alterate dal titolo "Il modello a due errori spiega la percezione – Dissociazione d'azione per le illusioni guidate da distorsioni della cornice di riferimento egocentrica" ​​è stato pubblicato su Frontiers in Human Neuroscience .

Per questo studio, i ricercatori dell'Università dell'Oregon hanno presentato ai partecipanti un'illusione ottica che ha reso tutti gli angoli di porte e finestre in una stanza fuori luogo. Poi hanno osservato come il cervello ha cercato di riconfigurare una nuova realtà fuori dal paesaggio disorientante che aveva senso.

Il cervello umano è progettato per rimodellare la realtà per adattarla a determinate regole prospettiche. Questo può portare alla creazione di falsi ricordi basati su illusioni ottiche. La memoria è un processo malleabile che viene creato progressivamente come un arazzo che ha sempre nuovi fili intrecciati nella scena. Qualsiasi memoria, vera o falsa, è soggetta a distorsioni nel tempo.

L'autore principale dello studio, Paul Dassonville, professore di psicologia e membro dell'Istituto di neuroscienze, ha descritto la sua ricerca in un comunicato stampa dicendo:

Nel laboratorio, esploriamo i tipi di ipotesi che il cervello fa sul mondo che ci circonda. Nel mondo reale, i giudizi sull'orientamento di un oggetto sono aiutati da indizi visivi che aiutano ad ancorare la percezione del verticale, come la vista di un telaio della porta, una cornice della finestra o dove due pareti si incontrano. In laboratorio, questi segnali sono stati rimpiazzati da indizi fuorvianti sul telaio inclinato, che ha generato l'illusione.

L'illusione percettiva causata dalla nostra cornice inclinata è analoga a una mappa del tesoro creata utilizzando la bussola difettosa. La mappa è tecnicamente scorretta, ma finché usi la combinazione della mappa difettosa e la bussola difettosa per navigare, sarai in grado di trovare il tesoro con precisione, perché gli errori si annullano.

Nel compito sperimentale, la cancellazione degli errori ha permesso ai soggetti di fare movimenti precisi nonostante l'illusione. Potrebbe essere che alcuni dei falsi ricordi creati attraverso l'uso cronico di cannabis derivino dallo stesso effetto?

I risultati di questo studio sfidano il modello tradizionale della funzione visiva che suggerisce che la percezione cosciente della posizione di un oggetto si forma in una parte completamente diversa del cervello rispetto all'area utilizzata per guidare le azioni.

Conclusione: l'uso cronico di marijuana potrebbe peggiorare la perdita di memoria correlata all'età

Le ultime ricerche sulla cannabis suggeriscono che gli utenti pesanti di marijuana sono suscettibili alle distorsioni della memoria, anche settimane dopo il consumo del farmaco. L'uso cronico della cannabis ha effetti prolungati sui meccanismi cerebrali che possono rendere impossibile per qualcuno distinguere tra eventi reali e immaginari.

Recentemente, sono andato a vedere il film Still Alice in cui Julianne Moore interpreta una donna con Alzheimer ad esordio precoce. Anche se il film non ha nulla a che fare con la cannabis fumante, ha catturato la tragica perdita di memoria sia per l'individuo che per la sua famiglia. Personalmente, il film mi ha ispirato a fare tutto ciò che è in mio potere per fare scelte di vita quotidiana che preserveranno la mia memoria nel futuro.

Se sei un fumatore di marijuana pesante, potresti voler considerare di fumare meno per preservare i tuoi veri ricordi. Da un punto di vista clinico, i risultati di questo studio riaffermano che l'uso cronico di cannabis può peggiorare i problemi legati alla perdita di memoria legata all'età. Se ti piace fumare erba, ricorda che l'ultima ricerca mostra che la moderazione è la chiave per mantenere la salute del cervello a lungo termine e la funzione cognitiva.

Se vuoi leggere di più su questo argomento, controlla i post del mio blog Psychology Today :

  • "L'uso pesante della marijuana altera la struttura cerebrale degli adolescenti"
  • "La cannabis a lungo termine usa la motivazione del trofeo?"
  • "I bersagli della cannabis recettori nell'amigdala legati all'ansia"
  • "Il ritorno a un posto immutato rivela come sei cambiato"
  • "L'immaginazione può cambiare le percezioni della realtà"
  • "L'immaginazione e la realtà fluiscono viceversa attraverso il tuo cervello"
  • "Consapevolezza: il potere di" Pensare al tuo pensiero ""
  • "5 modi basati sulla neuroscienza per cancellare la mente"

© Christopher Bergland 2015. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "Perché gli utenti di cannabis sono suscettibili alla distorsione della memoria?"