Perché gli iPad finiranno i film

C'è una buona ragione per cui gli iPad rovinano i film o, più precisamente, l'esperienza di guardare film.

I nostri cervelli testano solo la realtà delle cose in relazione al nostro movimento dei nostri corpi attraverso il mondo. Se sappiamo che non possiamo agire su qualcosa – e intendo davvero non posso agire, nemmeno se portassimo una navicella spaziale – allora non giudichiamo la sua realtà. E questa è la situazione con film e altre opere letterarie e la maggior parte delle opere d'arte. Sappiamo che non agiremo su di loro. Sappiamo che non possiamo cambiarli. Non c'è bisogno che noi testiamo la loro realtà, perché non presentano alcuna minaccia, non offrono alcuna opportunità di cibo o sesso, e in breve non offrono nulla che possa migliorare le nostre possibilità evolutive.

Se sappiamo che non possiamo recitare in un film, allora possiamo avere quell'esperienza paradossale di crederci pur sapendo che "è solo un film". Possiamo credere per il momento in Iron Man o Mad Hatter. Per due secoli, i critici hanno seguito Samuel Taylor Coleridge e chiamato questa esperienza paradossale, la "sospensione volontaria dell'incredulità".

Ci sono alcune eccezioni: opere del museo postmoderno, arti performative o narrativa interattiva, dove agiamo sull'opera d'arte. Con queste opere d'arte, siamo acutamente consapevoli della loro realtà. Ti ricordi quei pezzi teatrali negli anni '60 quando dovevamo tutti toglierci i vestiti? Quel tipo di arte non offre la "fuga" che i film ci hanno dato in modo classico, e ci danno ancora.

Finché non li stiamo solo guardando su un iPad.

Con un iPad, il mondo e le sue distrazioni e la sua realtà è tutto intorno a noi. Dopotutto, stiamo tenendo in mano l'una e mezza libbra di iPad. Siamo lontani dall'essere inattivi per quanto riguarda questa forma cinematografica. Siamo pronti per l'azione.

E non sono solo gli iPad a rovinare l'esperienza cinematografica, ma anche i laptop, i lettori SONY, i telefoni cellulari, iTouch e tutti gli altri connettori di connessione al Web che possono mostrare film. Anche guardando lo streaming di Netflix sul mio computer, sono ancora immerso nelle mie preoccupazioni da nove a cinque. Scrivendo di film con improbabilità, il critico cinematografico newyorkese Anthony Lane nota, "Guarda [loro] in DVD e ti ritrovi a schernire le improbabili curve e interruzioni nella trama, mentre le stesse impostazioni, viste nella sognante prigionia di un cinema , sentiti come il meccanismo del destino. "

Guardando nel mio salotto o sul mio iPad, posso avviare e interrompere il film come mi pare. Ho il controllo Non lo è. E il risultato è che non "mi perdo". Non sono "trasportato". L'intera esperienza cinematografica è cambiata e non per il meglio. Hai il controllo!

Si noti che lo stesso problema si applica alla televisione. È la ragione per cui la televisione non sarà mai una grande arte. Anche la più bella televisione come The Singing Detective di Dennis Potter è progettata per essere guardata nel tuo salotto con i bambini che urlano in sottofondo e il telefono che squilla e tutto ciò che ti circonda per ricordarti tutte le cose che devi fare domani. Non è lo stesso materiale digitale che ruba la tv all'immortalità artistica, anche se il modo in cui viene creata la maggior parte della televisione non aiuta. È il fatto che non guarderai quel materiale digitale in un teatro ma circondato da distrazioni.

Purtroppo, l'argomento si applica anche ai DVD dei film. Anche loro formano la tariffa per il soggiorno, non per il teatro. Mentre il DVD è ottimo per un critico come me che vuole guardare e guardare e studiare un film, i telespettatori vengono sempre meno. Oppure si scambiano se stessi guardando i DVD a casa. Ma, naturalmente, dove altro guarderesti un DVD.

Purtroppo, mi sembra che la nostra nuova tecnologia, a partire dalla televisione, ma ora con questi spettatori cinematografici, vedremo la fine di quello che mi sembra il più grande modo di raccontare storie dall'invenzione della scrittura: i film.

Oggetti su cui sto disegnando:

Lane, Anthony. 2008. "Belle amicizie". New Yorker , 26 maggio.
Olanda, Norman N. 2009. Letteratura e cervello. Chs. 6-8.

Solutions Collecting From Web of "Perché gli iPad finiranno i film"