Perché gli atti casuali di gentilezza sono importanti per il tuo benessere

Madre Teresa una volta disse: "Non possiamo fare grandi cose su questa terra, solo piccole cose con grande amore".

Piccoli atti di gentilezza risuonano in tutte le nostre vite. Per esempio,

  • Permettere a qualcuno di tagliarsi di fronte a te in un ingorgo.
  • Fermati a parlare con un vicino anziano, anche se sei di fretta.
  • Dare una mano a un collega che è indietro nel loro progetto, anche se questo significa che dovrai rimanere in ritardo al lavoro.
  • Dando un buono regalo per una cena a una coppia che conosci si trovano ad affrontare tempi difficili.

Gentilezza significa una risposta comportamentale di compassione e azioni che sono disinteressate; o una mentalità che pone la compassione per gli altri davanti ai propri interessi. Nell'eseguire l'atto altruistico, una persona può indebolire i propri interessi egoistici.

La gentilezza è un valore che spesso viene ignorato. Perché la gentilezza è così sottovalutata? In parte, è perché le persone gentili possono essere viste come "facilitatori" da alcuni, o peggio, come "poppanti" dal cinico. Pertanto, la visione del cinico secondo cui uno è un "succhiatore" se uno si comporta in modo gentile verso gli altri, riflette un sistema di credenze secondo cui il successo si ottiene solo attraverso il calpestamento o l'ignoranza degli altri. Tuttavia, il comportamento del cinico raramente si traduce in vera felicità – quel senso di sentirsi amati, che il vero destino e il proprio scopo sono soddisfatti, e che ciò che si sta facendo è importante nel senso più profondo.

In effetti, la gentilezza è legata inestricabilmente alla felicità e alla contentezza, sia a livello psicologico che spirituale. Oltre un decennio fa, in uno studio condotto da studenti universitari giapponesi, ricercatori, Otake e colleghi, è emerso che le persone felici erano più gentili delle persone che non erano felici. Il loro studio ha anche rivelato e il senso di felicità di una persona è aumentato dal semplice atto di contare il numero delle proprie azioni di gentilezza. Contare le proprie azioni di gentilezza ha anche portato le persone felici a diventare più gentili e riconoscenti.

Perché gli atti casuali di gentilezza aumentano il senso di felicità di una persona? Perché la gentilezza può promuovere la gratitudine. Sei gentile con gli altri che hanno bisogno; avere questa consapevolezza aumenta quindi il senso della propria fortuna. La gentilezza favorisce l'empatia e la compassione; che a sua volta porta ad un senso di interconnessione con gli altri. La gentilezza può trasmettere la volontà di vivere in individui depressi che si sentono isolati e diversi; questo è il motivo per cui svolgere un lavoro di volontariato è così potente. Quando ti senti connesso con gli altri, diminuisci l'alienazione e aumenti il ​​senso che siamo più simili che diversi nelle nostre esperienze. Sentirsi connessi ci unisce insieme piuttosto che dividerci. La gentilezza è potente nel rafforzare il senso di comunità e appartenenza.

La ricercatrice, Barbara Fredrickson, ha avuto un punto di vista interessante – che la gentilezza, in particolare l'amorevolezza, ha spostato una persona dal regno egoista. Detto in modo diverso, ne ha tolto uno dal tapis roulant edonico. La compassione e la gentilezza riducono anche lo stress, aumentano il nostro sistema immunitario e aiutano a ridurre le emozioni negative come la rabbia, l'ansia e la depressione.

Quando pratichiamo atti casuali di gentilezza,

  • Rilascia energia. Ci sentiamo meglio e i destinatari dei nostri atti si sentono meglio, il che li rende più propensi a essere gentili con le altre persone.
  • Può rilasciare sostanze neurochimiche che provocano un senso di benessere – il "supremo aiutante" – come Allan Luks e Peggy Payne descrivono il potere curativo del fare bene. Infatti, i circuiti neuronali che sono coinvolti negli "alti" chimici sono gli stessi attivati ​​dalla gentilezza e dalla compassione.
  • Può ridurre il dolore. La dopamina, la serotonina e gli oppioidi endogeni sono rilasciati per comportamento gentile.
  • Migliora il rilascio di ossitocina nelle interazioni in cui due o più persone sono coinvolte nel comportamento gentile. A loro volta, i legami tra coloro che sono gentili l'uno con l'altro sono rafforzati.
  • Migliora la salute fisica e mentale. Molti disturbi fisici sono precipitati o aggravati dallo stress. La gentilezza riduce lo stress.

La gentilezza è un'abitudine a dare – di voler sollevare pesi dagli altri, o semplicemente fornire una mano o una spalla su cui piangere. Ci umanizza; ci solleva spiritualmente. E va bene per noi.

È interessante notare che la semplice testimonianza che gli altri sono gentili possono rilasciare le stesse sostanze chimiche "buone" che possono produrre un atto di gentilezza. Tuttavia, si può ottenere un beneficio maggiore essendo l'esecutore di atti di gentilezza. Cerca le opportunità per essere gentile e conta i tuoi atti di gentilezza. Sperimenterai i premi quasi immediatamente. Un atto di piccola gentilezza può rilasciare un'enorme catena di eventi positivi. Il miracolo della bontà è che è contagioso e qualcosa che dovremmo tutti trasmettere e diffondere a molti altri.

Solutions Collecting From Web of "Perché gli atti casuali di gentilezza sono importanti per il tuo benessere"