Perché giudichiamo i giudici

Quando il mese scorso il presidente Obama ha annunciato la nomina di Sonia Sotomayor alla Corte Suprema degli Stati Uniti, ha esaltato le sue numerose qualifiche per sedersi nella più alta corte del paese. È stata educata in due delle migliori università del paese (Princeton come studente universitario, Yale per la facoltà di giurisprudenza). Ha praticato la legge in una varietà di contesti sia nel settore pubblico che in quello privato. E attualmente ha più esperienza seduta sulla panchina federale di quanto non abbia fatto qualsiasi giustizia corrente quando si è unito alla Corte Suprema. Credenziali impressionanti davvero. Ma, apparentemente di pari importanza per il Presidente, e anche nel dibattito in corso sulle sue qualifiche, è che lei è una donna, ispanica, e ha una storia di vita che include il superamento di molti tipi di difficoltà.

Ora la domanda: per il lavoro di Associate Justice della Corte Suprema degli Stati Uniti – perché dovrebbe essere importante qualcuna delle qualità menzionate in quest'ultima frase?

Qual è il lavoro del giudice in una corte d'appello? Una risposta ovvia è: capire la legge e applicarla ai fatti del caso in questione. Data questa affermazione obiettiva del compito, perché le caratteristiche personali dovrebbero essere rilevanti?

Una ragione, ovviamente, è simbolica. Potrebbe essere importante mostrare al popolo americano o al mondo che gli Stati Uniti apprezzano la sua diversità di cittadini nell'interpretazione delle sue leggi. Quando Ronald Reagan nominò Sandra Day O'Connor alla Corte Suprema nel 1981, la copertina di una delle maggiori testate giornalistiche mostrò una sua immagine elegante con la didascalia "Justice – At Last". (Un giorno scriverò su come ho odiato quella didascalia.) In relazione a ciò, la ricerca mostra che le persone mostrano più rispetto per le leggi che credono siano state fatte in modo equo e che il loro "gruppo" abbia avuto voce in capitolo.

Ma così tanto per ragioni simboliche per avere "seggi" ebraici, cattolici, afroamericani, femminili e ora, forse, ispanici sul campo. Perché dovrebbe essere importante per il contenuto dei casi?

L'opinione che TUTTI i giudici d'appello facciano applicare la legge ai fatti del caso in questione (e quindi scrivere un parere che esprima come è stato fatto) rappresenta un fine su un continuum di credenze su ciò che fanno i giudici. Dall'altro lato del continuum è un punto di vista (più comunemente associato a un movimento chiamato "Realismo giuridico americano") che ciò che i giudici d'appello fanno è esaminare il caso, decidere cosa vogliono che il risultato sia, e POI cercare giustificazioni ( ad esempio, in precedenti pareri o altre autorità competenti come la Costituzione, gli statuti o la storia legislativa).

Secondo questa visione, i giudici scelgono cosa seguire e cosa ignorare per giustificare l'esito che preferiscono in un caso particolare. La preferenza potrebbe essere una delle politiche, o ideologia, o una convinzione su ciò che sarebbe giusto in quel caso. Se questo è, in effetti, ciò che i giudici fanno, allora certamente le caratteristiche personali sarebbero rilevanti per ciò che un giudice preferirebbe che il risultato fosse.

Risulta, tuttavia, che probabilmente nessuna delle due viste estreme è corretta. Le persone, compresi i giudici, non devono tentare deliberatamente di contorcere la legge in modo che menti diverse, con background, conoscenze e convinzioni diverse, possano giungere a conclusioni diverse. Ci sono molti termini importanti e vaghi che necessitano di interpretazione, tra cui: "protezione uguale", "processo dovuto", "ricerca e sequestro irragionevoli", "punizione crudele e inusuale". Prendiamo come esempio "semplice" la lingua del Secondo Emendamento: "Una milizia ben regolamentata, essendo necessaria per la sicurezza di uno stato libero, il diritto della gente di tenere e portare armi, non deve essere violata." Questo significa che le persone hanno un diritto illimitato di portare armi, o che il diritto è limitato perché è solo al servizio di avere una milizia necessaria? Non importa da che parte scendi, devi ammettere che la lingua da sola non è chiara.

I tribunali d'appello molto spesso si occupano di tali indeterminazioni nella lingua. E, naturalmente, tali indeterminazioni nella lingua si verificano spesso nei casi in cui i valori si scontrano. Il governo dovrebbe essere in grado di prendere la casa di un cittadino attraverso il suo potere di dominio eminente ai fini dello sviluppo economico? (Kelo contro City of New London). Il quinto emendamento afferma che la proprietà privata non deve "essere presa per uso pubblico, senza un giusto compenso". Tipicamente, i governi usano terreni presi da eminenti domini per progetti per il bene pubblico come i bacini idrici e le linee ferroviarie. Ma cos'è "uso pubblico"? E qual è il "giusto compenso" per la piccola casa che è stata nella tua famiglia per generazioni?

Si noti che qualsiasi cosa vada per i tribunali d'appello, in genere, va soprattutto per la Corte Suprema degli Stati Uniti. Pensa un secondo, quanti casi all'anno indovinerai la Corte Suprema? 100? 200? In effetti, negli ultimi anni, la Corte Suprema ha una media di circa 70 casi all'anno. E, naturalmente, i casi che la Corte decide non sono una selezione casuale di casi. La Corte, a sua volta, li sceglie tra circa 9000 casi all'anno che è richiesto di rivedere. Un criterio tipico e importante per la selezione è che i vari tribunali del circuito federali in tutto il paese si sono divisi sul caso presentato e casi simili in passato. E anche quando il motivo per cui accettate di ascoltare un caso non è una cosiddetta "divisione del circuito", quasi tutti gli altri casi sono quelli in cui è possibile formulare argomentazioni giuridiche rispettabili sotto il profilo tecnico da entrambe le parti. Quindi, questi sono casi che non sono chiari, non facili e non rappresentativi.

In realtà, potrebbero essere esattamente quei casi in cui contano esperienze e background diversi, senza alcun intento malevolo.

Solutions Collecting From Web of "Perché giudichiamo i giudici"