Perché funziona la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza?

Gli psicologi clinici hanno sviluppato una serie impressionante di trattamenti supportati empiricamente negli ultimi decenni. Mentre questi nuovi trattamenti hanno portato sollievo a molte persone, persiste un problema scientifico ostinato. Mi riferisco al fatto che gli psicologi non capiscono, e quindi non possono spiegare, come o perché uno di questi trattamenti funziona. La Cognitive Therapy basata sulla consapevolezza (MBCT) è un'altra nuova terapia che è efficace ma gli psicologi non possono spiegare come funziona. Il numero di marzo 2015 del Monitor sulla psicologia pubblicato dall'American Psychological Association conteneva un articolo di Stacy Lu intitolato " La consapevolezza è promettente per il trattamento della depressione ". Questo articolo afferma: "Mentre le prove suggeriscono che la consapevolezza lavora per aiutare a prevenire la recidiva della depressione, i ricercatori non sanno ancora come" (pagina 53).

Teo (2012) ha distinto le spiegazioni dalle interpretazioni. Le spiegazioni delle scienze naturali si basano su principi, mentre le interpretazioni no. Mentre alcune interpretazioni sono basate su dati più e / o migliori di altre, rimangono tutte solo l'opinione personale dell'interprete. Qualcun altro potrebbe fornire un'interpretazione diversa. La spiegazione scientifica va oltre l'interpretazione. I principi scientifici sono generalizzazioni di fatti stabiliti. Mentre un particolare aeroplano potrebbe volare, il principio di Bernoulli obbliga gli aeroplani di un progetto specifico a volare e in tal modo spiega perché lo fanno. Mentre una particolare imbarcazione d'acciaio può fluttuare, il principio di Archimede obbliga le navi in ​​acciaio di una certa configurazione a galleggiare e spiega così perché lo fanno. Questo è il motivo per cui preferiamo le spiegazioni scientifiche alle interpretazioni.

Tutte le terapie cognitive comportamentali (CBT) si basano sulla premessa che il modo in cui pensiamo influenzi il modo in cui ci sentiamo e ci comportiamo. Mentre questa premessa ha guidato lo sviluppo di trattamenti empiricamente supportati, non fornisce informazioni sul meccanismo che possono spiegare come o perché dovrebbe essere così. Questo problema esplicativo fa parte del più ampio problema esplicativo cui ho fatto riferimento nel mio precedente blog intitolato The Missing Link Between Psychology and Biology dove ho sottolineato che i campi della psicobiologia e della biopsicologia non possono spiegare come la mente influenza il corpo e viceversa. Ho scritto Cognitive Neuroscience and Psychotherapy: Network Principles for a Unified Theory per fornire alcune di queste informazioni sui meccanismi mancanti. Ciò include un sistema esplicativo Bio <-> Psychology Network (BPN) basato su quattro principi fondamentali e ora nove corollario. Nel mio precedente blog abbiamo appreso che l'anello mancante tra psicologia e biologia coinvolge sinapsi, giunzioni tra neuroni e meccanismi di plasticità dipendenti dall'esperienza che producono apprendimento e memoria modificando la misura in cui le sinapsi facilitano o inibiscono le attivazioni passando da un neurone a altri. Il resto di questo blog fornisce una spiegazione del perché la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza funziona.

Neuroplasticità e priming

Il cervello è una rete o reti neurali. Quindi, è necessaria una qualche forma di teoria della rete per spiegare come funziona MBCT. Il sistema di spiegazioni «Rete psicologica« Bio identifica i principi di base e di rete corollario ampiamente supportati dalla ricerca empirica. Il primo principio fondamentale sostiene che le attivazioni neurali associate ai nostri pensieri e sentimenti si propagano attraverso questa rete di reti neurali. Il secondo principio fondamentale sostiene che ogni percorso di elaborazione adottato attraverso questa rete attiva meccanismi di plasticità dipendenti dall'esperienza che lo rafforzano, rafforzano biologicamente. Ciò si traduce nella formazione e apprendimento della memoria. Il fenomeno psicologico ben replicato dell'innesco della ripetizione è la prova che questa spiegazione è corretta. L'innesco ripetuto comporta ripetute presentazioni di stimoli. Queste presentazioni preparano, rinforzano biologicamente, elaborando percorsi in modi prevedibili. Ad esempio, se hai qualcuno che pronuncia la parola BOKE ripetutamente e rapidamente 20 o 30 volte e poi chiedi loro "ciò che chiamiamo la parte bianca dell'uovo", probabilmente pronunceranno YOKE anche se questa è la parte gialla dell'uovo. Attivando ripetutamente le lettere OKE ripetutamente e rapidamente pronunciando la parola BOKE primi dicendo la parola YOKE perché condividono tre lettere in comune. La precedente storia della persona di dire il giogo dell'uovo li innesca anche per dire YOKE. L'idea chiave qui è che la neuroplasticità del cervello significa che il cervello cambia in risposta all'esperienza e quei cambiamenti influenzano pensare, sentire e comportarsi. Questi cambiamenti sono rapidi e dinamici, motivo per cui l'esercizio sopra menzionato funziona in meno di un minuto.

Ruminazione

Il comando "Define: Rumination" restituisce la seguente definizione: "L'atto di pensare a qualcosa in modo sostenuto". Gli psicologi distinguono la ruminazione dal problem solving produttivo in quel ruminare che caratterizza quella che è nota come triade depressiva. Cioè, le attribuzioni riguardanti le cause degli eventi nelle nostre vite sono: a) interne , b) globali , e c) stabili . Le attribuzioni interne sono quelle che tengono la persona responsabile di eventi negativi anche se potrebbero non aver avuto alcun controllo su ciò che è accaduto loro. Noi non controlliamo completamente tutto ciò che ci accade tranne che la mente depressa pensa di sì. Il termine globale significa che queste attribuzioni interne sono fatte per tutto, a prescindere da quanto siano sciocche tali attribuzioni. Non sembrano essere sciocchi per la mente depressa. Le persone depresse possono ritenersi personalmente responsabili di qualsiasi cosa. Il termine stabile significa che la mente depressa vede poca o nessuna speranza per un futuro migliore. Il suicidio deriva dalla profonda disperazione.

Il problema con la ruminazione è che innesca, rinforza biologicamente, il cervello per elaborare i pensieri in modi interni, globali e stabili. La ruminazione recluta meccanismi di neuroplasticità per rafforzare ed elaborare biologicamente le reti neurali per elaborare le attribuzioni come interne, globali e stabili. Ad esempio, è stato dimostrato che più la corteccia motoria è dedicata alla manovra della mano sinistra del violinista rispetto a quella dedicata alla manovra della mano destra. Questo perché le dita della mano sinistra hanno più da fare mentre si suona il violino di quanto non facciano le dita della mano destra. Il cervello cambia il modo in cui assegna le risorse in base alle necessità. La ruminazione rialloca le risorse cerebrali in modi che possono predisporre uno a diventare depressi, esacerbare una depressione esistente e / o promuovere la ricaduta nella depressione.

Consapevolezza

La meditazione di consapevolezza era una volta presentata come qualcosa che monaci e maestri dello yoga impiegavano decenni di formazione dedicata per imparare a fare. Il mistero intorno alla meditazione è gradualmente diminuito fino a dove Lu (2015) ha presentato " La definizione più semplice di attenzione mentale sta prestando attenzione alla propria esperienza nel momento presente " (p. 52, corsivo aggiunto). Collocata nel contesto della neuroplasticità e del priming, possiamo vedere che la meditazione della mindfulness funziona perché sconvolge la ruminazione. Concentrare l'attenzione sulla propria esperienza nel momento presente è incompatibile con, preclude, l'elaborazione della triade cognitiva, che spiega le sue proprietà antidepressive.

Le persone depresse spesso scambiano la loro elucubrazione per la risoluzione dei problemi che non è perché la soluzione dei problemi è positiva e focalizzata sulla soluzione. La ruminazione è negativa e denigratoria di tutte le soluzioni proposte. MBCT funziona perché devia tutte le elaborazioni cognitive indietro all'esperienza presente. Questa deviazione costante preclude la trasformazione ruminativa. Una componente importante della meditazione della consapevolezza è lasciare che i pensieri vadano e tornino mentre restituite la vostra attenzione all'esperienza presente. Tryon (2014) ha riferito che " Noi siamo i redattori, non gli autori dei nostri pensieri " (pagina 176, grassetto enfatizzato nell'originale). Mentre non si può impedire che la ruminazione inizi, essi possono rifiutarsi di partecipare e quindi rafforzare biologicamente la ruminazione richiamando l'attenzione sull'esperienza presente.

Quindi, come può non essere utile partecipare alla ruminazione? Perché mai la partecipazione alla ruminazione non cambierebbe nulla? I cambiamenti del cervello causati dalla ruminazione sono reversibili? La risposta breve è sì. Non rinforzare biologicamente le vie ruminative consente alle sinapsi coinvolte in questi percorsi di elaborazione di moderare. L'esempio di violino della neuroplasticità sopra menzionato sottolineava che le richieste di pratica inducevano il cervello ad allocare più corteccia motoria per gestire le dita della sinistra che della mano destra. Questa asimmetria diminuirà e scomparirà se il violinista non pratica. Ciò accade perché le reti neurali consumano molta energia e il cervello abbatte i circuiti inutilizzati per risparmiare energia. Il principio "usalo o perdilo" è operativo qui. Quindi, non rinforzare biologicamente l'elaborazione ruminativa è il modo migliore per distruggere le reti neurali che mediano tale pensiero.

In breve, la ruminazione attiva e quindi sviluppa vaste reti neurali che elaborano le attribuzioni interne, globali e stabili che favoriscono la depressione e che queste reti neuronali si dissiperanno se non vengono rinforzate biologicamente attraverso l'uso continuato. La MBCT fornisce una tregua dalla ruminazione e consente quindi di eliminare le reti ruminative. Ciò si traduce in cognizione ed emozione più sane. Il seguente video TED della dott.ssa Sara Lazar fornisce ulteriori informazioni su come la meditazione modifica il cervello.

Riferimenti

Lu, S. (2015). La consapevolezza è promettente per il trattamento della depressione: una nuova ricerca suggerisce che praticare la consapevolezza può aiutare a prevenire una ricaduta. Monitoraggio su Psicologia, 46, (3), 50-54.

Teo, T. (2012). La psicologia è ancora una scienza problematica e il pubblico lo sa. Psicologo americano, 67 (9), 807-808.

Tryon, WW (2014). Neuroscienze cognitive e psicoterapia: principi di rete per una teoria unificata . New York: Academic Press. http://store.elsevier.com/9780124200715

Solutions Collecting From Web of "Perché funziona la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza?"