Perché festeggiamo davvero il capodanno

Pressmaster / Shutterstock

A mezzanotte e un secondo dopo l'1 gennaio, il giorno cambierà da mercoledì a giovedì, di solito una transizione insignificante senza alcun significato speciale. Ma in qualche modo abbiamo deciso che questo cambiamento, che terminerà un anno e inizi il prossimo, è diverso. Questo straordinario segno del tempo ci ha sempre spinti a festeggiare e ad uscire dall'attività quotidiana con cui siamo sempre molto occupati: riflettere, guardare indietro, fare il punto, valutare come abbiamo fatto e risolvere fare meglio andando avanti. Forse per i nostri compleanni, nessun altro momento dell'anno riceve questo tipo di attenzione.

Perché l'inizio del nuovo anno porta un tale simbolismo speciale? E perché la sua celebrazione è così comune in tutto il mondo, come è stato per almeno finché ci sono stati i calendari? Il comportamento questo onnipresente deve sicuramente essere legato a qualcosa di intrinseco dell'animale umano, qualcosa di profondamente significativo e importante, data tutta l'energia e le risorse che investiamo non solo nella celebrazione, ma anche i nostri sforzi per rimediare a una nuova serie di risoluzioni (anche se per lo più non riusciamo a tenerli). Può darsi che il simbolismo che attribuiamo a questo momento sia radicato in una delle più potenti motivazioni di tutti: la nostra motivazione a sopravvivere.

La parte della celebrazione è ovvia: come fanno i nostri compleanni, il capodanno ci dà la possibilità di festeggiare di averlo fatto attraverso altri 365 giorni, l'unità di tempo in base alla quale teniamo il punteggio cronologico delle nostre vite. Accidenti! Ancora un anno e siamo ancora qui! È ora di alzare gli occhiali e brindare alla nostra sopravvivenza! (Il rovescio della medaglia è rappresentato dai riepiloghi dei necrologi di fine anno di coloro che non ce l'hanno fatta, rassicurando quelli di noi che l'hanno fatto).

Ma che dire di quelle risoluzioni? Non si tratta anche di sopravvivenza, vivendo più sani, migliori, più a lungo? Le risoluzioni del nuovo anno sono esempi del desiderio umano universale di avere un certo controllo su ciò che ci aspetta, perché il futuro è inconoscibilmente inconoscibile. Non sapere cosa accadrà vuol dire che non sappiamo cosa dobbiamo sapere per essere al sicuro. Per contrastare quella preoccupante impotenza, facciamo cose per prendere il controllo. Decidiamo di dieta ed esercizio fisico, di smettere di fumare e di iniziare a risparmiare. Non importa nemmeno se manteniamo la nostra risolutezza e ci adattiamo a queste promesse. Impegnarsi con loro, almeno per un momento, ci dà una sensazione di maggiore controllo sui giorni incerti a venire.

Uno studio del 2007 dello psicologo britannico Richard Wiseman ha rilevato che per molti di noi, quello che ha cantato U2 è vero: "Nulla cambia nel giorno di Capodanno." Di 3.000 persone seguite per un anno, l'88% non è riuscito a raggiungere gli obiettivi delle loro risoluzioni, sebbene Il 52% era sicuro che lo avrebbe fatto quando li ha fatti. Ecco un riassunto di quella ricerca, che include alcuni suggerimenti su come fare del bene sul tuo.

È interessante notare che le risoluzioni di Capodanno includono anche cose come curare meglio le persone, fare nuove amicizie e pagare i debiti. È stato così nel corso della storia. I babilonesi avrebbero restituito oggetti presi in prestito. Gli ebrei cercano e offrono perdono. Gli scozzesi vanno "ai primi posti", visitano i vicini per augurarli bene. In che modo tutta questa "risoluzione" sociale si collega alla sopravvivenza? Semplice. Siamo animali sociali. Ci siamo evoluti per dipendere dagli altri, letteralmente, per la nostra salute e sicurezza. Trattare bene le persone è un buon modo per essere trattati bene. "Fai agli altri quello che vorresti fosse fatto a te", si scopre, è una grande strategia di sopravvivenza.

E molte persone decidono di pregare di più. Ciò ha senso anche in termini di sopravvivenza. Pregate di più e una forza onnipotente è più propensa a tenervi al sicuro. Gli ebrei pregano all'inizio del loro nuovo anno per essere inscritti nel "Libro della vita" per un altro anno. E anche se la morte è inevitabile, nel corso della storia gli umani hanno affrontato la paura della morte affiancandosi alle religioni che promettono lieti finali. Pregate di più, e la morte è meno spaventosa.

Ci sono centinaia di rituali di buona fortuna intessuti tra le celebrazioni per l'anno nuovo, praticate anche in nome dell'esercizio di un piccolo controllo sul destino. Gli olandesi, per i quali il cerchio è un simbolo di successo, mangiano le ciambelle. I Greci cuociono una speciale torta di Vassilopitta con una moneta all'interno, dando buona fortuna nel prossimo anno a chi la trova nella sua fetta. I fuochi d'artificio di Capodanno sono iniziati in Cina millenni fa come un modo per scacciare gli spiriti maligni. I giapponesi tengono Bonenkai di Capodanno, o "feste dell'anno in cui si dimenticano" , per dire addio ai problemi e alle preoccupazioni dell'anno passato e prepararsi per uno nuovo migliore. Disaccordi e incomprensioni tra persone dovrebbero essere risolti e i rancori messi da parte. Nel rituale di un nuovo anno per molte culture, le case vengono pulite per spazzare via le vibrazioni negative e far posto a quelle migliori.

È affascinante, davvero, vedere quanto sia comune così tanto: fuochi d'artificio. Rituali di buona fortuna Risoluzioni per darci la pretesa di controllo sul futuro. Ovunque, Capodanno è un momento per considerare le nostre debolezze e il modo in cui possiamo ridurre le vulnerabilità che rappresentano – e per fare qualcosa contro l'impotenza spaventosa che deriva dal pensare allo sconvolgente ignoto di ciò che ci aspetta. Com'è comune come questi comportamenti condivisi attraversano sia la storia che la cultura, è affascinante rendersi conto che i modi speciali in cui le persone notano questo passaggio unico di un giorno all'altro sono probabilmente tutte manifestazioni dell'imperativo fondamentale dell'animale umano per la sopravvivenza.

Quindi, come ti rassicuri contro la cosa più terrificante che riserva il futuro, l'unica cosa sicura che ci aspetta, la realtà ineluttabile che un giorno morirai? Passa le ciambelle, la Vassilopitta e l'uva, accendi i fuochi d'artificio e alza un bicchiere per brindare: "Per sopravvivere!"

Solutions Collecting From Web of "Perché festeggiamo davvero il capodanno"