Perché dovresti uscire per il National coming out Day 10/11

Il percorso personale di Barney Frank verso l'omosessualità è una storia affascinante di come un gay si sia trasferito dal vivere una specie di esistenza schizoide, separando la sua identità privata di omosessuale dalla sua vita di lavoro altamente pubblica, in un luogo di completa integrazione . Come in molte delle nostre storie, la morale di questa risiede nella grande felicità personale, nel successo professionale e anche nel miglioramento della salute che seguì l'uscita di Frank nel 1987. Da quel momento in poi, il deputato del Massachusetts, ora in pensione, ha vissuto completamente apertamente – ed è ancora ampiamente considerato il politico gay più in vista negli Stati Uniti.

Essere gay e sposarsi con un marito solidale – Frank ha sposato Jim Ready il 7 luglio 2012 – è stato estremamente positivo per la salute di Frank e per la sua carriera. "Mangio per affrontare lo stress e ho la tendenza ad aumentare di peso", mi ha detto in un'intervista. "Quando ho deciso per la prima volta di poter vivere da gay anche senza uscire pubblicamente, ho iniziato a esercitare e perdere peso. Penso che se fossi rimasto chiuso non sarei stato in buone condizioni fisiche ".

Il National Coming Out Day, l'11 ottobre, è stato fondato nel 1988 dallo psicologo del New Mexico Robert Eichberg e dall'attivista lesbico di New York Jean O'Leary, in occasione dell'anniversario dell'11 ottobre 1987, National March on Washington per Lesbiche e Gay Rights. I due credevano che invece di rispondere in modo difensivo all'omofobia, un giorno in cui celebrare l'omosessualità fosse un modo molto più potente per dimostrare che il personale è veramente politico.

Certamente, ogni giorno qualcuno sceglie di abbracciare il suo "diverso" orientamento sessuale è un degno giorno di coming out. Di solito segna anche l'inizio di un maggiore potere personale e, spesso, politico.

Gregory M. Herek, professore emerito di psicologia all'Università della California a Davis, è un'autorità riconosciuta a livello internazionale sui pregiudizi nei confronti di gay e lesbiche, reati di odio e violenza contro i gay e stigma relativo all'AIDS. In un'intervista mi ha detto: "Sicuramente in passato, quasi tutti erano portati a pensare che l'omosessualità fosse sbagliata, una malattia, un peccato e che chiunque fosse gay o lesbico fosse una persona cattiva. Essendo cresciuto in un ambiente in cui quelle idee erano onnipresenti, è quasi inevitabile che molte persone accettassero o credessero in loro. "

Fortunatamente oggi oggi meno che mai accettano o credono in loro. "Quello che penso sia sorprendente", ha detto Herek, "è il numero di persone che stanno bene e sono mentalmente in buona salute, e conducono una vita intera e produttiva. Come fanno a farlo, visto tutto quello che hanno contro? Come sono riusciti a uscirne? La risposta è la resilienza . Una volta superato il loro auto-stigma interiorizzato, hanno più risorse sociali e psicologiche per rispondere in modo adattivo ad altre forme di stress ".

Combattere la stigmatizzazione dentro di noi – l'auto-stigma – è la sfida che deve affrontare ogni gay.

Ilan H. Meyer, condirettore con Mary E. Northridge della salute delle minoranze sessuali , è un erudito della politica pubblica presso l'Istituto Williams per l'orientamento sessuale e la legge sull'identità di genere e la politica pubblica presso la scuola di diritto dell'UCLA. La sua ricerca come psicologo sociale e epidemiologo psichiatrico si è concentrata sugli aspetti di salute pubblica della salute delle minoranze sessuali. Uno dei suoi studi, il Project Stride finanziato dal NIH, ha esplorato l'impatto degli stress sociali sulla salute mentale di quelli di noi con "identità svantaggiate" legate al genere, alla razza / identità o all'orientamento sessuale.

Meyer mi ha detto in un'intervista che anche l'uso della parola resilienza è nuovo in relazione alla popolazione LGBT. Nella ricerca, ha spiegato, una persona può essere descritta come resiliente solo in presenza di stress, come perdere un lavoro. "Coping" implica uno sforzo di fronte allo stress, ma non è necessariamente un coping positivo o di successo. Il modo in cui affrontiamo questi traumi è ciò che ci mostra di essere resilienti o meno. Bere può essere usato per far fronte allo stress, ma nessuno prenderebbe in considerazione di bere se stessi sciocco per essere un modo efficace per far fronte alla situazione. "La resilienza implica che tu abbia avuto successo nel tuo sforzo", ha detto Meyer. "La resilienza più direttamente indica che il risultato è stato positivo."

Anche se i suoi amici gay e lesbiche erano "ovviamente felici" quando è uscito, Barney Frank ha detto che i suoi amici etero "hanno cercato di dissuaderlo". "I miei amici alla Camera che erano i migliori sostenitori dei diritti degli omosessuali volevano che non venissi fuori, per vivere la mia vita", ha detto. "Hanno detto che se vieni fuori, sarai emarginato".

Frank disse loro che si rendeva conto di quello che dicevano potesse accadere, ma non voleva più vivere la sua vita nell'armadio. Ha detto che, quando alla fine uscì, "non c'era nulla di negativo di cui le persone avevano paura." Non solo, ma ha detto, "I miei colleghi liberali mi hanno detto: 'Siamo contenti di te fatto perché sei migliore nel tuo lavoro. " Ero più felice Avevo molta più energia emotiva per il lavoro, e il lavoro richiede molto. "

Forse il segno più sicuro che Frank era un uomo cambiato venendo fuori e per amore era quello che gli altri dicevano di lui quando non era presente. "Più tardi", mi disse, "quando ero presidente del comitato [House Financial Services] nel bel mezzo della crisi finanziaria, Jim ripeté che gli veniva spesso detto che erano contenti di essere qui perché Barney era più facile da gestire. ”

Keith Haring/Human Rights Campaign
Fonte: Keith Haring / Campagna per i diritti umani

Solutions Collecting From Web of "Perché dovresti uscire per il National coming out Day 10/11"