Perché dovremmo perdonare?

A meno che non viviate sotto una roccia, ormai avrete probabilmente sentito parlare dell'ultimo trionfo di Beyoncé, Lemonade , un album visivo che cattura abilmente una cruda evoluzione emotiva. L'album è audace nei suoi affari frontali con temi di tradimento, ogni traccia sembra tracciare un percorso progressivo dalla furia al perdono. Per tutto il tempo, Beyoncé stessa sembra cavalcare incessanti ondate di forza e vulnerabilità, due qualità che sono probabilmente cruciali per il suo ultimo senso di pace. Molto è stato detto sulle implicazioni specifiche di Lemonade riguardo l'infedeltà, ma tra i suoi numerosi e potenti temi giace un messaggio cruciale sul perdono.

Nel suo ultimo tour, il palcoscenico di Beyoncé si è illuminato con la citazione, "Il perdono è l'atto finale dell'amore." Maya Angelou lo definì "uno dei più grandi doni che puoi dare" mentre Gandhi lo chiamava "l'attributo del forte". Per secoli, grandi menti e artisti hanno cantato le lodi della pratica del perdono, e ora la scienza sembra aver raggiunto ciò che l'anima ha sospettato a lungo: il perdono fa bene a noi . È un atto di amore e forza – un dono dal quale nessuno giova più di noi stessi.

Quindi, cosa otteniamo dal perdonare? Nella sua ricerca, il dott. Frederic Luskin, direttore del progetto perdono della Stanford University e autore di Forgive for Good , ha scoperto scoperte illuminanti sui benefici personali del perdono. Questi benefici includono la riduzione della rabbia, del dolore, della depressione e dello stress, mentre aumentano i sentimenti di ottimismo, speranza, compassione, vitalità fisica, auto-efficacia, capacità di risoluzione dei conflitti e sicurezza. Il perdono può anche migliorare la nostra salute fisica con alcuni studi che suggeriscono che riduce l'ipertensione. Un articolo pubblicato su IDEA Fitness Journal ha mostrato risultati di studio che indicano che "le persone che perdonano tendono ad avere non solo meno stress ma anche migliori relazioni, meno problemi di salute generale e minore incidenza delle malattie più gravi, tra cui depressione, malattie cardiache, ictus e cancro."

Con tutti gli apparenti lati positivi del perdono, la domanda diventa rapidamente non se dovremmo perdonare, ma come? Perché siamo resistenti o timorosi di lasciar andare le nostre lamentele? Una ragione ha a che fare con un malinteso importante, anche se comune, sul perdono, che è il perdono per qualcun altro. Come ha spiegato il dottor Luskin, lo scopo principale del perdono è in realtà quello di aiutare la nostra guarigione e il nostro benessere. Persino l'espressione "tenere un rancore" ha una pesantissima pesantezza che cade su di noi. Pensa all'oscura spirale in basso in cui entriamo quando sopportiamo le forti emozioni di odio, risentimento e rabbia su ciò che non possiamo cambiare. Il perdono significa liberarci da quel peso. Riguarda noi e non l'autore del reato. L'obiettivo del perdono non è quello di dimenticare o negare il dolore, né è necessariamente la riconciliazione con colui che ha sbagliato. Si tratta di prendere il potere su come risponderemo. Come. La dott.ssa Luskin dice che si tratta di diventare l'eroe piuttosto che la vittima nelle nostre vite.

Sia che stiamo reagendo al rifiuto precoce di un genitore, l'infedeltà di un partner o la violazione del traffico di un conducente odioso, non possiamo controllare il passato o le azioni degli altri. Quello che possiamo fare è scegliere come costruiremo la nostra narrativa. Possiamo allontanarci dalle storie che ci raccontiamo che restiamo bloccati a ripetizione e compromettono tutto, dal nostro umore alla qualità delle nostre vite. Per fare questo, dobbiamo interrompere un processo di pensiero distruttivo noto come "voce interiore critica". Questo dialogo interno negativo ci alimenterà un flusso costante di pensieri che ci tengono infelici. Abbaierà contro di noi, "Sei stato offeso. Non sarai mai più tornato al tuo vecchio io. Sei danneggiato Non puoi mai essere libero dal dolore. Ti hanno rovinato. Non sei abbastanza forte. Questo non può essere risolto. Resisti alla rabbia. Mai lasciare andare."

Quando ci inondiamo di questi messaggi, ci costringiamo a continuare a vivere nel nostro dolore, a rivivere i ricordi inquietanti delle nostre vite, piuttosto che creare nuovi, positivi. Potremmo anche iniziare a pensare che l'evento o le circostanze che abbiamo sofferto fossero più grandi di quanto non fossero o permettessero loro di ferirci ancora e ancora. "Scegliere la tua storia è fondamentale per la soluzione di perdono", ha affermato il dott. Luskin. "Ricordo alla gente: non mentire; non minimizzare il dolore, ma non arpa. Dopo esserti addolorato, prova a cambiare la tua storia da una storia di vittima a una storia di eroi. Costruisci una storia che rifletta il modo in cui vuoi che la tua vita progredisca, non indugiare nel passato. "

Imparare a perdonare ci aiuta a controllare la nostra storia e i nostri sentimenti per evitare dolore inutile. Come individui potenti, possiamo scegliere tra vivere in una modalità vittima o in una modalità adulta. In quest'ultimo stato, riconosciamo e sentiamo il dolore pieno di ciò che ci è successo senza rimanere bloccati in uno stato innescato in cui sentiamo che sta ancora accadendo. Possiamo sentire i nostri sentimenti senza permettere loro di raggiungerci.

Può sentirsi vulnerabile a rinunciare alla rabbia e all'odio, ma queste emozioni ci piegano fuori forma molto più di chiunque altro. Se ci sono sentimenti suscitati che sembrano ribollire in superficie, la risposta non è di reprimerli, ma di trovare modi sani e adattivi per affrontare le emozioni primarie e primarie. Questo può significare dire arrabbiarsi in un ambiente sicuro dove stiamo liberando la sensazione piuttosto che essere annegati da esso. Idealmente, questo lavoro può essere fatto con un terapista o un amico fidato che ci aiuta ad orientarci verso il sollievo piuttosto che a stimolare le nostre emozioni.

Lasciando andare in questo modo, non stiamo dicendo che quello che è successo a noi è andato bene. Stiamo solo facendo la scelta di non essere governati da quello che è successo. Possiamo imparare che non importa cosa non possiamo essere rovinati, e la nostra intera vita non sarà rovinata da questi eventi. Ci stiamo permettendo di liberarci dalle parti del nostro passato che ci feriscono ancora nel presente. Stiamo riconoscendo che le emozioni che si innescano possono provenire dalla nostra storia e possiamo separarle delicatamente dalla nostra esperienza attuale.

È utile ricordare che questo processo di perdono è ciò che il dottor Luskin chiama un'abilità addestrabile, che discuterà direttamente nel discorso on line "Il potere del perdono". Perché le nostre vite includeranno inevitabilmente dolori fuori dal nostro controllo, il perdono è anche un'abilità inestimabile da portare con noi nel nostro viaggio. Come disse il dottor Luskin, "Sono stato sorpreso dalla quantità di dolore e orrore nel mondo … All'interno di quel dolore, le persone hanno ancora una notevole capacità di guarire. All'interno di questa sofferenza profonda e terribile, abbiamo la capacità di recuperare, fare pace e andare avanti. "Quando la vita ti dà i limoni … Data questa realtà, quale potrebbe essere uno strumento più potente per la guarigione che per perdonare?

Unisciti a Lisa Firestone e Fred Luskin per il talk online "The Power of Forgiveness".

Maggiori informazioni dalla Dott.ssa Lisa Firestone su PsychAlive.org

Solutions Collecting From Web of "Perché dovremmo perdonare?"