Perché diamo ancora a un uomo un pesce

"Dai a un uomo un pesce e dagli da mangiare per un giorno; insegnare a un uomo a pescare e lo nutri per tutta la vita. "

Ogni truismo come questo è una mezza verità, e se vuoi arrivare all'altra metà chiediti perché, se è così dannatamente vero, la gente continua a ripeterlo?

La famosa truismo di "Dai un pesce a un uomo" suona come una ricetta infallibile per il successo. Nutrire la gente per tutta la vita è molto meglio che nutrirli per un giorno, quindi, naturalmente, dovremmo insegnare a tutti come fare tutto. Sarebbe molto più efficiente di dover dare loro delle dispense quotidiane.

Ma ovviamente non insegniamo a tutti come fare tutto. Diamo ancora pesce e altre cose. Perché? È perché siamo stupidi? No, è perché insegnare a una persona la formula per la pesca richiede tempo. Una versione più accurata del proverbio sarebbe:

Dare alla gente pesce e sono nutriti oggi. Insegna alle persone a pescare e forse possono nutrirsi per tutta la vita a partire da pochi mesi …

… e solo se il pesce rimane la cosa da mangiare. Se non lo fanno, allora le persone dovranno adattarsi.

Vedi, ci sono in realtà tre livelli per questo:

  1. Dare pesce
  2. Dare la formula per la pesca.
  3. Dare la formula per l'adattamento, o più specificamente per l'interpretazione adattiva.

L'interpretazione è percepire le differenze e rispondere in modo diverso a loro. Dobbiamo interpretare bene o moriremo. L'interpretazione è ciò che la vita fa a quelle cose inanimate. Rocce, galassie, orologi a quark e computer non interpretano. Cambiano quando vengono cambiati dall'esterno. Solo gli esseri viventi interpretano per proprio conto, ad esempio facendo ciò che serve per ottenere la nostra dose giornaliera di pesce.

E con tutti noi che interpretiamo, cambiamo le circostanze in cui avviene l'interpretazione. Insegna a tutti a pescare e presto il pesce se ne sarà andato; tempo di passare ad altro cibo.

Se dai alla gente il pesce, stai sostituendo la tua interpretazione alla loro. Non hanno bisogno di sapere come interpretare dove trovare il pesce, come pescarlo, come pulire e cucinare il pesce. Devono solo rispondere aprendo la bocca e masticando quando sentono il pesce.

Sostituiamo le nostre interpretazioni per i lotti degli altri. Lo facciamo per i bambini o moriranno, ma lo facciamo anche per gli altri adulti: "Ecco, lascia che lo faccia per te". In effetti, lo faremmo di più se potessimo farcela.

Probabilmente riconosci l'impulso: "Senti che stai interpretando tutto storto. Lasciatemi solo prendere il sopravvento sui tuoi pensieri e sentimenti e metterli a posto. Posso fare un ottimo lavoro interpretando la tua situazione " o semplicemente " Hey, sai cosa dovresti fare? So cosa dovresti fare. "

Interpretare per gli altri è così dannatamente efficiente nel breve periodo, molto più veloce e più facile che dargli le istruzioni per percepire e rispondere in modo da poter catturare i propri pesci.

Insegnare alle persone a pescare richiede più tempo del dare il pesce, ma non tanto quanto insegnare alle persone come adattare le loro interpretazioni alle mutevoli circostanze, ad esempio insegnando il pensiero critico o il metodo scientifico.

Quindi, quando non possiamo dare le dispense, diamo invece delle formule, molte formule. Queste pagine del blog sono piene di loro, istruzioni, ricette, chiavi e formule per vivere bene, non per l'interpretazione adattativa ma più come il GPS: i dieci passi che devi compiere per arrivare al successo.

Le formule per compiti specifici sono grandi, ma particolarmente grandi quando alla fine la gente inizia a riconoscere che queste formule non si sommano a una formula per vivere.

Non esiste un GPS per la vita perché le strade continuano a cambiare mentre noi e tutti gli altri le percorrono. La chiave del successo in una situazione è la chiave del fallimento in un'altra. Né Dio, i nostri genitori, i nostri leader senza paura né altri esperti possono darci formule che garantiscano il successo nella vita.

Alla fine dobbiamo essere in grado di pescare per interpretazioni migliori e poi spostarci su di esse, scommettendo su cosa sapere e su come rispondere date le mutevoli circostanze. E questo richiede più tempo per imparare.

In questi giorni, il consumismo e il marketing spingono non solo la nostra economia ma anche la nostra politica. Ci sono molti "pescatori di uomini" e sanno come farti prendere la loro esca. In politica, non ti cattureranno istruendoti verso abilità interpretative adattive. Invece, ti prenderanno promettendoti il ​​pesce di cui hai bisogno oggi ("Jeb può aggiustarlo."). Oppure ti attirano con formule ideologiche sicure per come siamo sicuri di raggiungere il successo, ad esempio i fondamentalisti religiosi che insistono sul fatto che se seguiremo le Scritture, tutto andrà bene.

Si spera che le persone stiano iniziando a riconoscere che c'è qualcosa di sospetto sulle formule per la vita. Questo è l'inizio di quel lento lavoro di apprendimento permanente per adattarsi, spostando le interpretazioni con tempi e circostanze mutevoli.

E come primo passo in questo apprendimento, ricorda questa formula per il pensiero adattivo: ogni verità è una mezza verità, e se vuoi arrivare all'altra metà chiediti perché, se è così dannatamente vero, le persone devono continuare a dirlo?

Tenetelo a mente e piuttosto che sviare per la semplicità del truismo, sarete più inclini a esplorare le eccezioni, trovando contro-formule che mettono insieme le mezze formule l'una contro l'altra. Questa è una grande formula per coltivare un'interpretazione più adattabile.

Solutions Collecting From Web of "Perché diamo ancora a un uomo un pesce"