Perché creiamo errori

Le cose non sono andate come speravi. Perché? Hai ignorato le tue intuizioni? Hai sfidato con arroganza il destino? Sei solo stupido o cattivo?

Forse, ma più probabilmente è un problema più universale, incompreso da quando Socrate.

Socrate sosteneva che tutti intendiamo avere successo, ma che non lo facciamo perché non conosciamo la formula per vivere. Attraverso i dialoghi di Platone, Socrate paragona la padronanza della formula per il successo a padroneggiare la formula per il calzolaio, un utile motivatore per cercare di fare meglio, ma una pessima metafora dato che fare scarpe è un'impresa molto più controllata di una buona vita.

Impariamo per tentativi ed errori, ma impariamo molto più velocemente quando le prove sono simili e gli errori sono più chiari. Le prove del ciabattino sono in gran parte le stesse cose, dalla scarpa alla scarpa, con gli stessi materiali, strumenti e spazio di lavoro, ei suoi errori sono facili da identificare: questa scarpa si sgretola; quello non andava bene.

La vita non è così. Le variabili che contribuiscono al tuo successo o fallimento sono innumerevoli e i tuoi fallimenti sono molto più difficili da leggere. La produzione di scarpe è un gioco di abilità più che fortuna. Ma la vita? Più fortuna che abilità.

Nei film d'incassi d'estate vediamo che gli eroi risolvono i problemi della vita con un punteggio perfetto, applicando formule come quelle che Socrate aveva in mente. Ma i film, non importa quanto vividi, non sono come la vita reale poiché i film possono essere scritti all'indietro. Come iniziare un labirinto fin dall'inizio, uno sceneggiatore può iniziare con la vittoria finale dell'eroe, e quindi assicurarsi che le "scelte difficili" del suo eroe portino ad esso. Non riusciamo a scrivere le nostre vite all'indietro in quel modo. Non possiamo dire in anticipo come andranno le cose.

I vincitori possono raccontare la loro storia fin dall'inizio, sicuri di conoscere la formula che ha portato al loro successo. Raramente sentiamo dei perdenti che hanno applicato le stesse formule ma non sono stati così fortunati.

Quando falliamo, ci rammarichiamo, riversando sugli eventi passati alla ricerca della scritta sul muro che abbiamo mancato, il destino che abbiamo ignorato. Dovremmo pentirci, e lo faremo comunque. Tuttavia, è meglio cercare con umile apprezzamento la nostra incapacità di individuare le lezioni di successo o fallimento.

La nostra incapacità di individuare le lezioni diventa ovvia quando pensiamo alla differenza tra il comportamento in fisica e la vita. Nella fisica classica – la fisica rilevante a livello della vita – il comportamento è affidabile, calcolabile, coerente. Non importa quante volte esegui un particolare esperimento, il risultato è sempre esattamente lo stesso. Il comportamento fisico coinvolge sempre cose particolari, questa palla da biliardo o atomo che colpisce quella da una particolare angolazione, producendo lo stesso risultato fisico.

Da questo, il filosofo francese Laplace concluse che con conoscenza illimitata e potenza calcolatrice, un mago che conosceva lo stato di ogni atomo dell'universo e tutte le formule fisiche per il loro movimento potevano calcolare ogni stato futuro. Per Laplace, l'universo era un sistema perfettamente predeterminato. Il destino era reale.

Laplace non ha notato che la vita non funziona con i particolari come fa la fisica, ma con tipi di cose, categorie vagamente delineate in flusso. Ti fermi ai semafori rossi, non perché determinati fotoni controllano il tuo piede in frenata dalle leggi determinate della fisica, ma dalle più ambigue leggi dell'interpretazione. Qualsiasi gamma di luci rosse richiede una serie di azioni di frenatura. La frenata di luce rossa che salva la tua vita in una situazione potrebbe farti uccidere in un'altra.

Anche i batteri interpretano, lavorando con categorie vagamente descritte. Un batterio sente qualcosa di simile allo zucchero e si muove verso di esso. La risposta interpretativa del batterio allo zucchero può essere ingannata con gli zuccheri falsi, poiché si adattano alla categoria vagamente descritta della fonte di nutrizione del batterio. I movimenti verso queste sostanze che lo mantengono in vita possono anche farlo morire di fame. Il comportamento interpretativo commette errori. Con un comportamento strettamente fisico non ci sono errori.

Qualsiasi tipo di mosse audaci o caute può salvarti o ucciderti. Qualunque varietà di interpretazioni di concetti vagamente delineati come l'amore e la fiducia può portare a crepacuori o per sempre felici e contenti.

Componi le ambiguità dell'interpretazione attraverso intere popolazioni di esseri viventi e ottieni il clusterflux della vita, l'opposto del destino, una situazione che nemmeno il magistero di Laplace può calcolare.

Socrate e innumerevoli filosofi e scienziati sociali hanno cercato una formula per il successo. I religiosi pensano che Dio abbia già questa formula. Rinuncia a lui, segui la sua formula e sei destinato ad avere successo. I successi riempiono il religioso con la certezza che hanno la formula, così come il successo negli affari rende il miliardario autodeterminato sicuro di averlo.

Assumere pieno credito per i tuoi successi è un affare del diavolo perché significa che dovresti prendere la piena colpa dei tuoi fallimenti. Meglio ammettere che la fortuna è una grande parte della storia. Per ogni persona di successo ci sono milioni di fallimenti che in circostanze clusterflux diverse avrebbero fatto altrettanto.

Quando commetti degli errori, vacci piano con te stesso. E quando sei vittorioso, non confondere il tuo successo per aver finalmente trovato quella formula che Socrate cercava. Dato il clusterflux, non esiste una formula infallibile, non c'è modo di calcolare la tua strada verso un certo successo, nessun destino e nessun modo per sconfiggere il destino.

Solutions Collecting From Web of "Perché creiamo errori"