Perché è così difficile cambiare la mente?

Gli specialisti delle dipendenze hanno capito molto tempo fa che insegnare a un tossicodipendente tutte le cose terribili che la droga e l'alcool possono fare è improbabile che funzioni. Dire ad un alcolizzato "dovresti smettere di bere perché rovina il tuo fegato" è improbabile che porti ad un'astinenza a lungo termine o anche a una riduzione a breve termine del numero di bevande consumate. Infatti, in alcuni casi, ammonire qualcuno con una dipendenza può farli sentire senza speranza e indifesi e persino renderli più inclini a comportamenti più rischiosi e autodistruttivi.

Shutterstock
Fonte: Shutterstock

Perché questo caso? Perché ricordare alle persone tutti i danni dell'abuso di sostanze stupefacenti non li spaventa nell'agire per frenare la loro dipendenza? La realtà è che le persone non abusano di sostanze a causa di processi di pensiero razionale su come vogliono essere le loro vite.

Il valore di ricompensa delle sostanze per i tossicodipendenti è schiacciante e la sofferenza dal ritiro di sostanze è intollerabile. Tra le altre cose, tutte le sostanze abusabili stimolano uno dei principali percorsi di ricompensa del cervello, un percorso che va dai neuroni dopaminergici nell'area tegmentale ventrale (VTA) nel tronco cerebrale al nucleo accumbens (NAc) nello striato ventrale. L'arresto di una sostanza non solo nega all'utente la profonda ricompensa dell'aumento del rilascio di dopamina, ma porta anche alla stimolazione di altre aree del cervello associate alle emozioni disforiche e all'attivazione dolorosa del sistema nervoso autonomo, tra cui l'amigdala e l'insula anteriore. Queste regioni cerebrali sono più primitive di quelle che usiamo per prendere decisioni razionali; sono la base per l'abitudine e l'emozione, non la ragione.

Si scopre che trattenersi su un'idea irrazionale che è la base per l'appartenenza a un gruppo funziona allo stesso modo di una droga che crea dipendenza. Concordare con il gruppo stimola il percorso della ricompensa; tentare di sfidare il gruppo stimola molte delle stesse regioni cerebrali che sparano durante l'astinenza dalla droga. Questo ci aiuta a capire la neurobiologia dietro credenze errate come insistere sul fatto che i vaccini causano l'autismo quando si è membri di un'organizzazione anti vaxx o si reclamizzano i "benefici" della proprietà personale delle armi quando si è sostenitori dell'ANR e di armi da fuoco gruppi sociali correlati.

La neurobiologia ci aiuta a capire perché non possiamo aspettarci che dire a un tossicodipendente da oppioidi i fatti gli facciano smettere di abusare di droghe e perché i fatti non cambieranno le menti di persone che hanno idee irrazionali e anti-scientifiche. Forse dovremmo guardare a cosa funziona per aiutare i tossicodipendenti a cambiare il loro comportamento e vedere se tali interventi potrebbero aiutare a convincere le persone a rinunciare a idee anti-scientifiche o ad altre idee irrazionali.

Una di tali tecniche è l'intervista motivazionale (MI), un intervento supportato da prove considerevoli per il trattamento dell'abuso di sostanze e di altre condizioni di salute mentale. Piuttosto che attaccare i tossicodipendenti con i fatti sui pericoli legati all'assunzione di sostanze che creano dipendenza, il MI funziona stabilendo il livello di motivazione di un individuo per il cambiamento. L'IM procede incoraggiando un paziente dipendente a esprimere i propri valori, convinzioni e obiettivi fino a quando non viene concordato un approccio condiviso per il cambiamento del comportamento tra terapeuta e paziente.

Leggendo il lavoro di William R. Miller, che ha sviluppato l'infarto miocardico, siamo colpiti da molte osservazioni che sembrano rilevanti per cercare di affrontare un individuo che è "dipendente" da una convinzione anti-scientifica che è rafforzata dall'appartenenza al gruppo. In un articolo, Miller e la coautrice Theresa B. Moyers spiegano che gli aspetti formali di un intervento terapeutico spesso spiegano relativamente poco il motivo del trattamento (1). Più importante del tipo di terapia applicata sono i seguenti fattori:

  1. Stile terapeuta: alcuni terapeuti hanno risultati migliori di altri. I terapisti di successo sono generalmente ottimisti riguardo alle possibilità che i loro clienti miglioreranno e assumeranno un atteggiamento non direttivo e non giudicante con loro.
  2. Empatia terapeuta: Sebbene ci siano stati recenti tentativi di svilire il valore dell'empatia nelle interazioni sociali (2), la ricerca mostra che i terapeuti che possono entrare in empatia con i loro pazienti ottengono risultati migliori.
  3. Entrare in un social network più positivo : è chiaro che i tossicodipendenti le cui uniche associazioni sono con altri tossicodipendenti saranno più difficili da trattare, ma semplicemente incoraggiare un tossicodipendente ad abbandonare il suo gruppo è insufficiente. È importante offrire al paziente un social network alternativo. Questo fa parte di ciò che fanno i programmi in 12 passaggi.
  4. Prestare attenzione al processo e ai cambiamenti : la motivazione e l'auto-efficacia sono variabili importanti nel determinare se un tossicodipendente risponderà a un intervento terapeutico. Questi non sono attributi statici, tuttavia, ma piuttosto cambiano man mano che la terapia progredisce. L'attenzione alle fluttuazioni continue nella volontà di un individuo (motivazione) e nel credere nelle sue capacità (autoefficacia) di cambiare è tanto importante quanto assicurare che tutte le scatole in un manuale di trattamento siano spuntate.

Quindi, vediamo se questi fattori possono essere applicati per coinvolgere un genitore che è "agganciato" all'idea che nutrire i suoi latticini non pastorizzati sia una cosa salutare da fare e appartenere a un gruppo online la cui missione è quella di opporsi a tutte le forme di agricoltura industriale . Partiamo dal presupposto che tattiche come la revisione dei fatti sulla pastorizzazione (no, non distrugga i nutrienti nel cibo) e l'innalzamento dello spettro dei pericoli del latte non pastorizzato (comprese infezioni terribili con nomi esotici come la brucellosi) siano stati provati e falliti.

Se seguiamo la guida di Miller, d'altra parte, prima chiediamo che chiunque interagisca con questo genitore sia qualcuno che è in grado di essere aperto e non giudicante. Abbiamo visto molti casi in cui un "esperto" che cerca di convincere un "laico" a credere in ciò che dice la scienza diventa rapidamente frustrato e arrabbiato con il suo interlocutore. Se non puoi essere calmo e lasciare che la persona esprima anche le idee più apparentemente non scientifiche, non dovresti essere nel tentativo di incoraggiare l'accettazione della scienza.

Shutterstock
Fonte: Shutterstock

Successivamente, il nostro "interventista della scienza" deve avere la capacità di entrare in empatia con il genitore. È molto facile vedere chiunque si impegni a nutrire i propri figli con prodotti non pastorizzati intenti a danneggiare i propri figli. Mentre i genitori sviluppano queste idee e comportamenti per una serie di ragioni, la stragrande maggioranza agisce per il desiderio genuino di fare il meglio che possono per i propri figli. Un terapeuta per abuso di sostanze che crede che tutti gli eroinomani siano criminali e che siano detenuti in carcere non avrà successo nel trattarli; allo stesso modo, a meno che non possiamo entrare in empatia con persone che lottano per accettare prove scientifiche, abbiamo poche possibilità di cambiare il loro modo di sentire.

In terzo luogo, dobbiamo riconoscere che il nostro genitore è affiliato ad un gruppo anti-scienza e da ora deriva un senso di identificazione personale e conforto dall'appartenenza al gruppo. Esistono gruppi simili di genitori e cittadini interessati che promuovono tecnologie moderne che hanno dimostrato di renderci più sicuri, come la pastorizzazione? La FDA, il CDC e molte altre agenzie governative hanno siti web che spiegano i pericoli dei latticini non pastorizzati, ma un cittadino non può aderire al CDC o alla FDA. Non è sufficiente dire ai nostri genitori di non andare più sul sito incriminato; dobbiamo offrire opzioni di appartenenza al gruppo alternative.

Infine, mentre interagiamo con questo genitore, dobbiamo valutare costantemente come stiamo facendo. Sta diventando sempre più recalcitrante o mostra qualche segno di interesse in quello che stiamo dicendo? Sembra che sia qualcuno che potrebbe essere in grado di andare contro un gruppo a cui appartiene, o la sfida appare troppo minacciosa? In altre parole, il nostro messaggio deve cambiare mentre il genitore interagisce con noi e cambia.

Troppo del nostro tentativo di convincere la gente a seguire ciò che la scienza ci dice si basa sul cambiamento delle menti. Ma se accettiamo l'analogia tra tossicodipendenza e idee scientifiche errate, allora sappiamo che i fatti da soli non influenzeranno il comportamento. Miller e Moyers sostengono che se ci rivolgiamo a un tossicodipendente con interventi in 12 fasi, MI, gruppo o singoli, importa meno che chi offre gli interventi sia una persona empatica, non giudicante e non direttiva e se possiamo offrire qualcosa meglio di un social network composto interamente da altri tossicodipendenti. "La ricerca clinica sul trattamento delle dipendenze è stata troppo focalizzata sugli alberi (contenuto specifico del trattamento) mentre spesso ignorava il più ampio contesto interpersonale e programmatico all'interno del quale viene erogato il trattamento (la foresta)", scrivono Miller e Moyers. "I due non sono facilmente separabili, e c'è una scienza solida che meriti attenzione ad entrambi" (1).

Per motivi teorici, MI ha senso. Ma ciò che rende MI un intervento così importante è che ha dimostrato di funzionare. In definitiva, dovremmo cercare la stessa rassicurazione dagli interventi che tentiamo quando tentiamo di influenzare le persone ad accettare qualsiasi aspetto delle prove scientifiche. Dobbiamo studiare ogni tentativo proposto di convincere le persone a seguire prove scientifiche e dimostrare che funziona o passare a una tattica diversa.

Mentre iniziamo a progettare interventi testabili per combattere la negazione della scienza, saremmo ben tenuti a capire che il tipo di relazione che abbiamo con le persone che stiamo cercando di persuadere, come quella tra terapeuta e paziente, è importante almeno quanto i fatti che becchiamo o le tecniche che usiamo. In altre parole, dobbiamo prestare almeno altrettanta attenzione ai cuori che cambiano e al cambiare le menti.

Solutions Collecting From Web of "Perché è così difficile cambiare la mente?"