Perché continuiamo a sculacciare (colpire) i bambini? Il problema con la punizione fisica (corporale)

Perché continuiamo a sculacciare i bambini? La solita risposta è di indurli a fare ciò che pensiamo sia meglio per loro – vale a dire ottenere conformità comportamentale. E, tuttavia, la risposta è molto più complicata. Trattare con i bambini può suscitare sentimenti molto cari e vecchi. Gli argomenti e le urla di un bambino possono spingere gli stessi pulsanti che i propri genitori o fratelli hanno spinto molto tempo fa. O forse uno fa al figlio quello che è stato fatto a se stesso: "Sono stato sculacciato da bambino, e sono andato tutto bene." – Sì, ma forse sei andato tutto bene nonostante la sculacciata, non per questo … e forse le cose sarebbero andate ancora meglio se fossero state utilizzate le alternative efficaci alla sculacciata che esistono.

Panoramica della punizione fisica

Si scopre che la punizione fisica è un serio problema di salute pubblica negli Stati Uniti e influisce profondamente sulla salute mentale dei bambini e della società in cui viviamo. Gli studi dimostrano che oltre il 60% delle famiglie usa ancora la punizione fisica per disciplinare i bambini. Tuttavia, la ricerca mostra che: la punizione fisica è associata ad un aumento della delinquenza, del comportamento antisociale e dell'aggressività nei bambini; e la punizione fisica è associata a una diminuzione della qualità della relazione genitore-figlio, alla salute mentale e alla capacità del bambino di interiorizzare comportamenti socialmente accettabili. Gli adulti che sono stati sottoposti a punizioni fisiche da bambini hanno maggiori probabilità di abusare del proprio figlio o del proprio coniuge e di manifestare comportamenti criminali (vedere Letture, 1).

Spanking è un eufemismo per colpire. Non è permesso colpire il coniuge o un estraneo; queste azioni sono considerate violenza domestica e / o aggressione. Né dovrebbe essere permesso di colpire un bambino più piccolo e ancora più vulnerabile. Colpire un bambino suscita esattamente i sentimenti che non si vogliono generare in un bambino: angoscia, rabbia, paura, vergogna e disgusto. Gli studi dimostrano che i bambini colpiti si "identificano con l'aggressore" e hanno maggiori probabilità di diventare loro stessi colpevoli, cioè di prepotenti e futuri molestatori dei loro figli e dei loro coniugi. Tendono ad imparare a usare comportamenti violenti come modo per affrontare le controversie.

Cos'è un castigo fisico? Cos'è l'abuso fisico?

La punizione fisica è stata definita come "l'uso della forza fisica con l'intenzione di indurre un bambino a provare dolore o disagio fisico in modo da correggere o punire il comportamento del bambino" (vedi Letture, 1, 9). Ciò include: sculacciare, colpire, pizzicare, stringere, remare, frustare, battere, schiaffeggiare, schiaffeggiare, lavare la bocca di un bambino con sapone, far inginocchiare un bambino su oggetti dolorosi e costringere un bambino a stare in piedi o sedersi in posizioni dolorose per lunghi periodi di tempo. L'abuso fisico può essere caratterizzato da "l'inflizione di lesioni fisiche come risultato di pugni, percosse, calci, mordere, bruciare, scuotere o altrimenti danneggiare un bambino" (vedi Letture, 5, come citato in 4, p 540). I comportamenti che causano dolore ma non danno fisico sono considerati punizioni fisiche, mentre i comportamenti che rischiano lesioni fisiche sono definiti abuso fisico. Sia la punizione fisica che l'abuso fisico dovrebbero cessare. Esistono alternative che sono più efficaci nel migliorare lo sviluppo sano dei bambini.

Considerazioni internazionali

A livello internazionale, vi è un crescente consenso sul fatto che la punizione fisica dei minori viola la legge internazionale sui diritti umani. Significativamente, 24 paesi hanno proibito la punizione fisica in tutti i contesti, compresa la casa. Tra questi paesi vi sono Svezia, Germania, Spagna, Grecia e Venezuela. Più di 100 paesi hanno bandito le punizioni corporali nelle scuole. Gli Stati Uniti non hanno vietato la punizione fisica, ma l'approvazione della punizione fisica negli Stati Uniti è diminuita gradualmente e costantemente negli ultimi 40 anni. Gli Stati Uniti hanno firmato, ma non ratificato, la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (CRC), un trattato internazionale che proibisce espressamente ogni forma di violenza fisica o mentale (vedi Letture, 1).

Alternative efficaci alla punizione fisica

L'American Academy of Pediatrics conclude: "La punizione corporale ha una efficacia limitata e ha effetti collaterali potenzialmente deleteri. L'American Academy of Pediatrics raccomanda che i genitori siano incoraggiati e assistiti nello sviluppo di metodi diversi dalla sculacciata per la gestione di comportamenti indesiderati "(vedi Letture, 2, 723).

Esistono alternative efficaci alla punizione fisica per aiutare i bambini a tollerare frustrazioni, regolare la tensione, comportarsi in modi socialmente accettabili, sviluppare standard etici e morali appropriati e migliorare l'autostima. Queste alternative saranno oggetto del prossimo articolo.

Come Martin Luther King, Jr., ha dichiarato: "Sono malato e stanco della violenza … Sono stanco di guerra e conflitti nel mondo. Sono stanco di sparare. Sono stanco dell'odio Sono stanco dell'egoismo. Sono stanco del male. Non userò la violenza, non importa chi lo dice! "(Come citato in A Canaan's Edge di Brandon Taylor).

Se vogliamo veramente una società meno violenta, non colpire i nostri figli è un buon punto di partenza.

letture

1. Gershoff ET (2008). Relazione sulla punizione fisica negli Stati Uniti: quali ricerche ci parlano dei suoi effetti sui bambini. Columbus OH: Center for Effective Discipline.
2. American Academy of Pediatrics – Commissione per gli aspetti psicosociali della salute dei bambini e della famiglia (1998). Guida per una disciplina efficace. Pediatrics 101: 723-728.
3. Strauss MA (2001). Beating the Devil Out of Them: Punizione fisica nelle famiglie americane (2a edizione). Piscataway NJ: Transaction Publishers.
4. Gershoff ET (2002). Punizioni fisiche da parte dei genitori e comportamenti ed esperienze infantili associati: una revisione meta-analitica e teorica. Psychological Bulletin 128: 539-579.
5. National Clearinghouse on Child Abuse and Neglect Information (2000). Cos'è il maltrattamento sui minori?

Ricerca aggiuntiva

Gershoff ha esaminato centinaia di studi e ha presentato i risultati delle meta-analisi dell'associazione tra punizione fisica dei genitori e esiti di bambini e adulti. Ha scoperto che durante l'infanzia la punizione fisica era positivamente associata all'aggressività, al comportamento delinquente e antisociale e alla vittima di abusi fisici; era associato negativamente alla qualità della relazione genitore-figlio, alla salute mentale e all'internalizzazione morale (interiorizzazione del bambino di un comportamento socialmente accettabile); e le associazioni con conformità immediata erano miste. Quando misurato in età adulta, la punizione fisica era positivamente associata all'aggressività, al comportamento criminale e antisociale e all'abuso di adulti del proprio figlio o del proprio coniuge; la punizione fisica era associata negativamente alla salute mentale (Letture, 1, 4).

Gershoff ha anche riassunto i vari fattori demografici e di rischio che sono più probabili essere associati all'uso di punizioni fisiche: essere single, separati o divorziati; stress eccessivo da eventi di vita negativi; depressione materna; reddito più basso, istruzione e condizione lavorativa; parte meridionale degli Stati Uniti; e credenze religiose conservatrici e affiliazione (Letture, 1, 4).

Solutions Collecting From Web of "Perché continuiamo a sculacciare (colpire) i bambini? Il problema con la punizione fisica (corporale)"