Perché continui a commettere gli stessi errori delle relazioni?

Le prime parole di Lisa Ann per me erano: "L'ho fatto di nuovo. Ho scelto l'uomo sbagliato ancora una volta. "Spiegò che l'uomo con cui usciva da tre mesi aveva appena rotto con lei. "Mi dice che mi ama, ma non può stare con me", ha detto. "Dice che sono troppo intenso. Voglio troppo. "

"Non è la prima volta che ho sentito questo", ha detto. "Sono una persona intensa. Lavoro duro e gioco duro. Quando amo qualcuno, lo amo intensamente. "

Si è scoperto che tutti i suoi fidanzati, a un certo momento o in un altro, l'avevano spinta a ridimensionare la sua intensità. Uno ha detto che voleva troppo da lui. Un altro ha detto che prendeva le cose troppo sul serio. E l'ennesimo ha detto che non era abbastanza giocosa.

Sua sorella le disse che aveva bisogno di cercare un tipo diverso di ragazzo, che c'erano molti uomini che avrebbero trovato quell'intensità amabile e desiderabile, ma Lisa Ann disse: "Pensavo che fosse diverso. Lui era diverso. Come potevo sapere che avrebbe avuto lo stesso problema di ogni altro uomo con cui sono stato? E come posso aiutare chi sono attratto? "

Questo suona familiare? O hai altri errori di relazione che continui a fare?

Continui ad avere lo stesso argomento con il tuo ragazzo / fidanzata / coniuge?

Continui a cadere nella stessa relazione?

Pensi di essere cambiato solo per scoprire che hai appena ripetuto un familiare

modello?

iStock_000016470002_Small.jpg
Fonte: iStock_000016470002_Small.jpg

Se lo fai, non sei solo. Nonostante la citazione familiare (forse o forse non da Albert Einstein) che la definizione di follia sta facendo sempre la stessa cosa e aspettandosi un risultato diverso, la verità è che noi esseri umani siamo creature abitudinarie. Ci piacciono le routine e i comportamenti familiari, anche quando disturbano e ci angosciano. Quindi li ripetiamo.

Freud chiamò questa necessità di ripetere un'esperienza familiare nonostante le spiacevoli conseguenze "la coazione a ripetere". Credeva che fosse causato da un impulso che era di natura sia fisica che psicologica. Anche se ci sono stati molti problemi con le sue concettualizzazioni, in questo caso particolare, potrebbe aver colpito il chiodo sulla testa.

La neuroscienza contemporanea ha fornito la stessa spiegazione: la ripetizione del comportamento problematico è sia psicologica che fisiologica (in particolare, neurologica).

La parte psicologica, siamo arrivati ​​a capire, può essere il desiderio di dominare situazioni difficili. Se lo facciamo ancora e ancora, la nostra psiche pensa che una volta capiremo come rendere un evento doloroso o spiacevole andare diversamente.

Ma la nostra neurologia spiega perché la scoperta di un nuovo modello richiede uno sforzo più consapevole da parte nostra. Secondo la ricerca attuale, il nostro comportamento è spesso dettato dai neuroni che il nostro cervello spara. E quei neuroni amano i percorsi familiari quanto la psiche e le emozioni!

Una volta ho sentito Daniel Siegel, autore di diversi libri sull'argomento, parlare sull'argomento. Ecco l'immagine meravigliosa che ha offerto per descrivere ciò che sta accadendo nel cervello:

Immagina di andare in un parco per nutrire le anatre sul lago. Parcheggia la tua auto in cima a una collina. C'è erba alta che scende giù per la collina verso il lago. Non vedi un sentiero attraverso l'erba, quindi cammini attentamente attraverso l'erba alta. Date da mangiare alle anatre e poi tornate su per la collina. Certo, cammini sullo stesso sentiero attraverso l'erba alta che hai appena creato. Non avrebbe senso lottare attraverso l'erba per fare una nuova strada.

Poi qualcun altro viene a dare da mangiare alle anatre. Seguono lo stesso percorso che hai seguito. E poi qualcun altro segue lo stesso percorso. In poco tempo, questo è il percorso che ognuno abbatte per dar da mangiare alle anatre.

I nostri neuroni sparano allo stesso modo – una volta che un sentiero è scolpito attraverso l'erba alta del nostro cervello, è solo il percorso seguito dai neuroni.

Cambiare il nostro comportamento significa cambiare i neuroni. Un compito non facile, ma non impossibile, come sai se hai mai provato a fare qualcosa di nuovo. Il grande psicoanalista Stephen Mitchell ci offre un'altra immagine per questo processo. Diciamo che sei un buon tennista, ma vuoi migliorare. Vai per le lezioni di tennis, e il professionista ti ha colpito la palla un paio di volte e poi ti dice che il tuo problema è il modo in cui stai tenendo la racchetta. Il professionista ti mostra una presa diversa e pratica con te per un'ora. Quindi il nuovo grip si sente un po 'imbarazzante, ma puoi sentire che i tuoi colpi sono più forti, più potenti quando lo fai nel modo giusto.

Ma poi vai a giocare, e sei completamente fuori. Perderai peggio di quanto tu abbia mai perso prima. Ti senti un idiota. Torna dai professionisti e descrivi rabbiosamente la situazione. Più che probabile, il professionista darà un'occhiata a come stai tenendo la racchetta, a fare un paio di piccole correzioni, e poi ti dirà che devi abituarti al nuovo grip, ma che presto giocherai meglio che mai

Se continui a praticare il nuovo grip (e se il professionista conosce la sua attività), scoprirai che ha perfettamente ragione. Ciò che inizialmente sembrava nuovo e scomodo diventa presto familiare, confortevole e potente.

Quando si tratta di relazioni, ovviamente, è un po 'più complicato. Ma i principi sono gli stessi:

  • Siamo a nostro agio con schemi familiari, anche quando ci causano stress o dolore. Continuiamo quindi a ripeterli, anche quando non ci portano dove vogliamo andare.
  • Spesso non riconosciamo quali sono i modelli e spesso non riusciamo a vedere dove ci inoltriamo nel percorso familiare.
  • Per cambiare, spesso abbiamo bisogno di buoni consigli, ma dobbiamo anche ricordarci di prendere dei cambiamenti in piccoli incrementi.
  • Piccoli passi, come un piccolo cambiamento nel modo in cui teniamo una racchetta da tennis, possono portare a cambiamenti significativi.
  • Dobbiamo anche ricordare che anche un piccolo cambiamento spesso si sente a disagio all'inizio.
  • E infine, la pratica rende familiare il cambiamento. E poi abbiamo un nuovo modello che i nostri neuroni possono seguire – senza nemmeno pensarci.

Per Lisa Ann, il cambiamento comportava uscire con uomini per i quali non provava un'attrazione istantanea. "Se sento che lo zing attraversa il mio corpo", ha detto con un sorriso, "significa che i neuroni stanno sparando sullo stesso percorso familiare".

In una discussione familiare e ripetitiva con un coniuge o un membro della famiglia, potrebbe voler dire semplicemente fermare l'azione prima di entrare nel fuoco. Daniel Goleman, nel suo libro classico Emotional Intelligence, ci dice che un argomento non può essere vinto dopo 20 minuti di discussione. Entrambi i partecipanti cadono in vecchi schemi di sparo dei neuroni e nessuno dei due può cambiare le proprie opinioni – o quelle dell'altro – dopo di ciò. Suggerirei che per modificare un pattern ripetuto, gli argomenti familiari dovrebbero essere fermati dopo cinque minuti. Alza la mano, dì qualcosa come "Non voglio più scendere su questa strada" e chiedi un periodo di riflessione. Anche se Goleman suggerisce di separarti fisicamente, ho trovato che funziona meglio se voi due provate a fare qualcosa di diverso, ma insieme. Guardare la tv, fare una passeggiata, lavare i piatti. Prova a farlo insieme, se possibile.

Il punto più importante di tutto, comunque, è ricordare che cambiare il percorso che i neuroni sparano spesso significa capire perché vuoi essere diverso. La maggior parte di noi vuole rimanere la stessa, ma cambiare le cose nella nostra vita. Ma per fare davvero un cambiamento nella tua vita, dovrai progressivamente riqualificare i tuoi neuroni. Sapere perché vuoi che si comportino diversamente può aiutarti.

* nomi e informazioni identificative modificati per proteggere la privacy

Ulteriori letture:

Daniel Siegel: The Developing Mind

Stephen Mitchell: Hope and Dread in Psychoanalysis

copyright @ fdbarth2015

Solutions Collecting From Web of "Perché continui a commettere gli stessi errori delle relazioni?"