Perché colpisce: la psicologia di un violentatore

L'atto è semplice. Ma tutto ciò che lo circonda non lo è. Il pugno incontra la carne; la forza rende il contatto Le terminazioni nervose sparano via nel dolore; capillari scoppiano; i tessuti si gonfiano

Il fisico muta il momento. La violenza crea mentre distrugge. Come sappiamo dal recente anniversario dell'11 settembre, l'asse della psiche di qualcuno si sposta dopo che accade qualcosa di traumatico. Domani non è mai più lo stesso. Nella scia della violenza, nasce una creazione selvaggia. Un mostruoso mélange di angoscia, dolore, confusione, vergogna, rabbia – e guardarlo è guardarsi in uno specchio infranto, una grottesca di quello che pensavi fosse amore, famiglia, intimità.

Per avere quel momento e la sua placenta mostrati a tutto il mondo, il mostro che prospera nelle ombre e negli angoli della rispettabilità personale e della civiltà, è ciò che è finalmente successo con l'incidente di Ray Rice. Grazie all'era delle fotocamere dei telefoni cellulari e dei media istantanei e Youtube, il personale non può più rimanere privato. E mentre potrebbe esserci qualcosa da dire per l'agenzia della vittima nello scegliere quando rivelare l'orrore privato agli altri, Janay Rice è diventata l'inconsapevole e non voluta figlia di poster per una conversazione importante.

A parte la miriade di discussioni sul comportamento di una vittima di abusi e il feed #WhyIStayed cruciale, qui ho deciso di concentrarmi sul perpetratore. Perché come qualcuno cresciuto con un padre che ha commesso violenza domestica, è una domanda che mi ha tormentato per tutta la vita. Perché qualcuno che ami, qualcuno che ti dovrebbe amare incondizionatamente, tratta crudelmente te o la tua amata? Che cosa è andato storto in quella persona per diventare uno strumento di violenza, sia fisico che inevitabilmente emotivo?

A un certo livello, questa domanda ha definito la mia intera identità e la mia scelta di carriera. Non diversamente dalle ossessioni di un detective guidato alla ricerca di un assassino, o di John Wayne nel film classico I ricercatori in cerca di anni per la nipote scomparsa, anch'io sono ossessionato da quella domanda. Ho studiato letteratura, cercando le risposte nel comportamento umano e le motivazioni, la natura del bene e del male. Sono diventato uno psichiatra, dedito ad aiutare le persone che hanno subito il trauma mentale del trauma, che lascia la devastazione in molte forme, che si tratti di incubi, isolamento, depressione, ansia, odio per se stessi, comportamenti autodistruttivi e altro ancora. Ma mi sono anche interrogato sulla psiche dell'aggressore, del criminale, del sociopatico, che a volte sarebbe anche rientrato nel mio ambito.

Gli abusanti soffrono spesso delle proprie malattie mentali; un disturbo dell'umore può renderli più inclini a irritabilità e rabbia. Sia la depressione che la mania possono manifestarsi in accresciuta rapidità e rapidità di attacco, specialmente se associate all'insonnia. (E nei casi più gravi e rari, anche la paranoia psicotica può contribuire.) Disturbo da stress post-traumatico (come a volte osservato nelle persone in carriere ad alto stress, alta minaccia come l'esercito) può far sì che le persone rimangano in modalità combattimento-o-volo , portando a un nervosismo cronico e alla volontà aggressiva di sopravvivere. Un disturbo del controllo degli impulsi può significare che la persona ha difficoltà a tenere sotto controllo i comportamenti ribelli, ha compulsioni ripetitive che esacerbano lo stress. Una lesione cerebrale traumatica o altri danni cerebrali organici (associati spesso con sport come il calcio e il pugilato) possono interessare parti del cervello come il lobo frontale, causando la disinibizione o cambiamenti di umore. Dipendenze da sostanze come l'alcol possono anche esacerbare fortemente questi comportamenti. Alcune ricerche hanno ipotizzato che il testosterone possa a volte peggiorare i comportamenti violenti, antisociali e aggressivi e influire negativamente sull'empatia.

Anche l'ambiente e il comportamento appreso contribuiscono all'abuso. Spesso gli autori di abusi hanno assistito a comportamenti simili nelle loro famiglie e inevitabilmente imitano i loro modelli di ruolo originali, maschili o femminili. Possono nutrire un forte risentimento nei confronti del genere che attaccano a causa di problemi irrisolti con i propri genitori, che possono essere stati fisicamente o emotivamente crudeli o non amorosi. Non è raro finire "identificandosi con l'aggressore", un meccanismo di difesa dell'ego in cui interiorizzi il ruolo della potente figura della famiglia, perché vedi l'abuso e il dominio come potere. Vedete questa aggressività come il modo di comportarsi nelle relazioni e nei lavori successivi, come il modo migliore per sopravvivere, altrimenti si è invece quello vittimizzato. Uccidere o essere uccisi è l'unica lingua di riferimento che capisci.

C'è anche il problema correlato della mancanza di forza dell'ego; perché qualcuno dovrebbe controllare costantemente e sminuire qualcun altro per sentirsi meglio con se stessi? Talvolta gli abusatori provengono da ambienti in cui spesso venivano sminuiti o mancavano all'autostima. Di solito l'abuso è diretto verso qualcuno che sarebbe comunque considerato più debole di loro, qualcuno che è vulnerabile, come una femmina fisicamente più piccola che è spesso più giovane, meno istruita o meno finanziariamente indipendente, più facilmente manipolata. L'aggressore è un vigliacco segreto, mai sicuro del proprio potere, anche quando impilano pesantemente il mazzo a loro favore. (E certamente ci possono essere anche vittime maschili di abusi, con implicate forme ancora più complesse di vergogna e manipolazione.)

Eppure, anche con queste intuizioni biologiche e psicologiche su ciò che rende vulnerabile qualcuno a diventare violento, mi chiedo ancora cosa vada storto in quel momento chiave, in cui qualcuno decide di attraversare quella linea che la maggior parte di noi ancora riconosce e appropriatamente sussulta di repulsione. Dove qualcuno lascia perdere quel pugno, quella cintura, quell'arma, decide di tirare quel grilletto. A volte penso ancora che ci sia una domanda morale più grande da porre anche a chi abusa. Che cosa sta causando quel punto cieco, che dice che colpire qualcuno va bene?

Forse c'è una corsa, un brivido che accompagna la trasgressione. C'è una perversa ricompensa sui circuiti, che l'uccisione è avvenuta. Non è così diverso da altri istinti di violenza addestrati che incoraggiamo nella nostra società: nei videogiochi o negli sport aggressivi o nella caccia o nelle guerre senza fine. Forse c'è ancora una sete di sangue che è gratificante, piacevole, ed è una linea sottile da attraversare quando arriva a una persona amata che è facilmente e facilmente accessibile, facile da nascondere.

Questo incrocio di linee può differenziare un sociopatico dal resto di noi. E sì, forse, un livello di sociopatia o psicopatia è in definitiva parte del quadro per un violentatore; una mancanza di empatia, persino il piacere di infliggere crudeltà o dolore, un disprezzo per le conseguenze. Sebbene il dottor Robert Hare Ph.D., lo psicologo che ha creato il gold standard per la diagnosi della psicopatia, la Hare Psychopathy Scale, stima che solo l'1% della popolazione generale soddisfa i criteri per la diagnosi ufficiale, ha notato che i numeri più alti possono avere tratti psicopatici e possono essere trovati in aziende aziendali e altri percorsi di vita tradizionali.

E sebbene molti possano tendere a considerare l'abuso domestico come un "crimine di passione" o meno calcolato rispetto al tuo stereotipato omicidio a sangue freddo, non è proprio così. Spesso c'è un modello di manipolazione e controllo di lunga data inflitto dall'abusante. Le loro tattiche non sono fugaci e isolate; loro governano e padroneggiano le loro vittime abbastanza abilmente; le insensate esplosioni di violenza fanno parte di una più ampia campagna per dominare e paralizzare emotivamente le loro vittime, così perdono la loro indipendenza e la loro volontà di andarsene. In questo senso, dati gli alti tassi di violenza domestica nella nostra società (fino a un terzo delle donne sono state sottoposte ad esso secondo un recente studio del CDC), i tassi di tratti sociopatici potrebbero essere molto più alti di quanto pensiamo.

Certo, ognuno di noi ha una certa capacità di crudeltà o violenza. Thanatos combatte con l'eros per le nostre anime: il diavolo e l'angelo millenari che chiacchierano sulle nostre spalle per il controllo. Molti di noi tengono sotto controllo i nostri istinti più basici. Le circostanze e la biologia possono rendere più facile l'attraversamento della linea, può portarti più vicino al precipizio. Ma è ancora la tua scelta per liberare il mostro. Ed è una scelta che dobbiamo continuare a riconoscere, a perseguire e condannare con veemenza.

Ma quella condanna ha un prezzo che dobbiamo riconoscere. Gli aggressori arrivano in tutti i ceti sociali, a tutti i livelli della società e in vari gradi di comportamento. (Ci sono sicuramente anche abusanti di donne, ma non dovremmo minimizzare la realtà statistica che più uomini sono inclini a commettere violenza domestica). Anche loro sono umani, possono essere amati e amorevoli, possono fare del bene e del male. Non è sempre così facile "lasciarli" o odiarli. Dovremmo anche tirarci indietro e vedere sia l'aggressore che la vittima con una certa compassione e apprezzamento della complessità umana e circostanziata.

Dobbiamo continuare a esaminare e affrontare i fattori socioeconomici che contribuiscono all'abuso, come la guerra, la povertà, lo stress, le malattie mentali, l'intrattenimento violento e altri fattori che contribuiscono alla violenza. Dobbiamo incoraggiare il rispetto reciproco nella società e modelli di comportamento sani per le relazioni. Dobbiamo promuovere anche l'amore e il perdono, ma in parte ciò implica il riconoscimento di un crimine, il riconoscimento della brutalità di un atto violento, non la negazione. Solo quando l'atto è riconosciuto può iniziare la guarigione.

Solutions Collecting From Web of "Perché colpisce: la psicologia di un violentatore"