Perché colpire è dannoso per i bambini

Come genitore ami tuo figlio più di ogni altra cosa al mondo. E soprattutto, vuoi che il tuo bambino cresca sentendosi amato e felice. Ma i bambini sono molto difficili da capire e il loro comportamento è difficile da gestire. I bambini possono essere aggressivi, rifiutarsi di ascoltare e infrangere le tue regole. Quando i bambini recitano, i genitori tendono a sentirsi impotenti e spaventati dal comportamento ("Forse c'è qualcosa di sbagliato in mio figlio"), e la paura porta alla rabbia. Questo spesso fa sì che i genitori rispondano impulsivamente. Inconsapevolmente, i genitori possono dire o fare qualcosa che nuoce all'autostima del loro bambino. A volte i genitori colpiranno i loro bambini per la frustrazione.

È con una profonda comprensione dei genitori e quanto sia difficile il lavoro che affronto il problema del colpire. Il mio obiettivo in questo articolo è quello di aumentare la consapevolezza, in modo non critico, dei negativi di colpire i bambini e suggerire di utilizzare invece l'impostazione del limite positivo, che discuterò passo dopo passo. Questo metodo ti aiuta a comunicare a tuo figlio ha bisogno di cambiare il suo comportamento negativo mentre gli insegna le abilità per sviluppare l'autocontrollo e salvaguardare la sua autostima.

Per secoli alcune percezioni negative dei bambini, molto obsolete, sono state il vangelo accettato. La vecchia credenza secondo cui i bambini sono innatamente cattivi e nascono con cattivi impulsi, è ancora presente nella psiche di molti genitori. Così è la convinzione che l'unico modo per far sì che i bambini si comportino "correttamente" è punire duramente i bambini ogni volta che si comportano male, ad esempio sculacciandoli. I genitori che sono stati cresciuti in questo modo, gravitano naturalmente a questa risposta. I genitori spesso rimpiangono profondamente la loro azione ma non sanno cos'altro fare. Mancando la conoscenza di altre abilità vitali, si trovano a continuare a rispondere nello stesso modo familiare più e più volte.

Lasciami spiegare perché colpire è così dannoso per i bambini. Quando un bambino si comporta male e la colpisci, non solo la ferisci fisicamente, ma in realtà la ferisci anche a livello emotivo. (Questo vale anche per l'uso di parole negative). Il bambino si preoccupa che se puoi farle del male, non lo fai la amo davvero. La conclusione naturale è che lei deve essere una persona terribile e che non è amabile. Di conseguenza, potrebbe crescere con una bassa autostima. Questo senso negativo di sé può danneggiare le sue relazioni e la sua capacità di riuscire.

Colpire i bambini inoltre comunica loro che è OK essere aggressivi con gli altri. (L'opposto della lezione che stai cercando di trasmettere). Non puoi dire ai bambini di non ferire gli altri, se li ferisci. I bambini sono più inclini a fare quello che fai, non quello che dici. È comune per i bambini colpiti, colpire i loro fratelli, altri bambini e persino i loro genitori.

Quando colpisci tuo figlio, comunichi anche che va bene ferire una persona che ami. Man mano che crescono, la relazione genitore / figlio diventa un modello per il modo in cui si sente una relazione d'amore. Di conseguenza, il bambino potrebbe inconsciamente essere attratto da relazioni aggressive, anche nel suo matrimonio.

Colpire anche può danneggiare la relazione genitore / figlio. Quando un bambino viene colpito, diventa paurosa dei suoi genitori e infuriata con loro. In poco tempo, una relazione genitore / figlio negativa può evolversi e il bambino può combattere il genitore su tutto. Ogni battaglia di solito lascia sia il genitore che il bambino sentendosi miserabili.

A volte i bambini seppelliscono la rabbia e si deprimono. O trasformeranno la rabbia contro se stessi. Questo processo sostiene che il genitore (di cui ha disperatamente bisogno per la cura) è buono, il bambino è responsabile di tutto. Sfortunatamente, quando ciò accade, il bambino può sviluppare pensieri autodistruttivi. All'estremo, questi pensieri possono causare gravi comportamenti, come il taglio.

C'è un corpus di conoscenze nella genitorialità oggi che supporta l'idea che un genitore deve essere un mentore gentile, di sostegno e adottare un approccio educativo con i bambini. Questo aiuta i bambini a crescere fino a sentirsi amati e sicuri di sé. L'utilizzo del limite positivo consentirà di raggiungere questi obiettivi principali.

Ecco come funziona. Supponiamo che entri nella stanza e vedi il tuo figlio più piccolo che colpisce suo fratello maggiore. Questi sono alcuni passi efficaci da compiere.

Imposta un limite al comportamento aggressivo. Puoi dire a tuo figlio con voce calma e ferma, "Fermati. Non colpiamo nessuno in famiglia. "I limiti sono importanti perché i bambini vengono sopraffatti dalla loro aggressività. Se gli è permesso di ferire gli altri o rompere i mobili, diventano spaventati dai loro impulsi rabbiosi.

Spiega il tuo limite. Potresti dire: "Quando colpisci tuo fratello, lo ferisci. Non feriamo nessuno in famiglia. Non permetteremo a nessuno di farti del male. "È utile ricordare ai bambini quando sono stati colpiti, in modo che possano identificarsi con l'esperienza dell'altro. Una volta capito il motivo della tua regola e ha senso, saranno più cooperativi e disposti a cambiare il loro comportamento.

Riconosci e accetta le emozioni di tuo figlio. Dille: "Va bene essere arrabbiati, ma non puoi ferire nessuno". Questo la aiuta a distinguere tra rabbia e aggressività. Promuove anche l'accettazione della rabbia, un'emozione umana naturale, e man mano che cresce si sentirà a suo agio nel parlarti dei suoi sentimenti, piuttosto che metterli in pratica. Questo ti darà l'opportunità di fornirle il supporto di cui ha bisogno e aiutarla a risolvere i problemi.

Connetti le emozioni di tuo figlio alla situazione. Spiega a tuo figlio: "Sei arrabbiato con tuo fratello perché non ti ha permesso di essere l'insegnante." Mentre fai queste connessioni per il tuo bambino, lo aiuterai a capire le sue motivazioni per le sue azioni, e col tempo svilupperà migliore autocontrollo.

Incoraggiala a usare le parole. Potresti dire: "Quando sei arrabbiato devi usare le parole. Di ': "Sono arrabbiato". (I bambini non sanno naturalmente quali parole usare). Una volta che usa le parole, non ha più bisogno di comportarsi in modo fisico. Questa diventa un'abilità che inizierà a utilizzare in qualsiasi conflitto.

Affrontare il problema di fondo. In ogni situazione, c'è generalmente una fonte più profonda del problema da affrontare. Nell'aneddoto con i due fratelli, ad esempio, potresti dire: "È difficile essere il figlio più giovane di una famiglia. Il bambino più grande ama sempre essere il capo. Puoi dire a tuo fratello: "È il mio turno di essere l'insegnante", o venire da me per chiedere aiuto. "" In questo modo, approfondisci la sua comprensione dei suoi sentimenti e gli insegni le abilità per gestire situazioni simili.

Tieni presente che i bambini imparano le competenze attraverso un processo nel tempo. Uno che racconta le regole quando si comporta in modo sgradevole, non fa il lavoro. Imparare un'abilità emotiva come l'autocontrollo richiede anni. In qualche modo puoi confrontare il processo con l'insegnamento dell'alfabeto ai bambini. Devi pazientemente ripetere te stesso più e più volte nel tempo, fino a quando non prende piede. Alla fine, per molti anni, tuo figlio interiorizzerà le tue regole e svilupperà l'autocontrollo. Nel frattempo, i genitori devono funzionare come educatori pazienti, gentili, solidali. Se ripensi alla tua infanzia, queste erano le qualità degli insegnanti da cui hai imparato di più.

Solutions Collecting From Web of "Perché colpire è dannoso per i bambini"