Perché ci piace il nostro capo bullo?

Mio padre Hans Winter trascorse la sua infanzia da bambino ebreo nella Germania pre-nazista e corse per la sua vita in Palestina un anno dopo che Hitler prese il potere. Fino al suo ultimo giorno la parola "nazista" era sinonimo di malvagità suprema, ma quando gli venivano chiesti i suoi insegnanti di scuola durante questo periodo sarebbe stato sopraffatto dalla nostalgia e dal romanticismo. Quando veniva premuto, ammetteva che la maggior parte dei suoi insegnanti sosteneva il partito nazista e descriveva persino le parate organizzate e le canzoni naziste che era costretto a cantare insieme al resto della classe – anche prima che Hitler prendesse il potere. Quando notavo il mio stupore, sosteneva spesso: "Sì, erano nazisti, ma mi trattavano bene." Mio padre non era a suo agio a parlarne e si sentì abbastanza imbarazzato mentre asciugava la piccola lacrima che gli scorreva lentamente lungo la guancia. Credo che sia stato influenzato da quello che io chiamo il "pregiudizio di Stoccolma", una versione delicata della sindrome di Stoccolma, meglio conosciuta.

Il 23 agosto 1973, un gruppo di ladri entrò e requisì una filiale della banca Kreditbanken in piazza Norrmalmstorg a Stoccolma, in Svezia. Nei successivi cinque giorni, alcuni impiegati della banca furono tenuti in ostaggio in una camera blindata dai ladri, che alla fine si arresero alle autorità. Quello che successe dopo fu un fenomeno molto particolare. La maggior parte degli impiegati della banca che hanno subito l'incubo della prigionia hanno espresso sostegno e simpatia per gli acquirenti di ostaggi nelle interviste alla stampa. Alcuni addirittura si offrirono di fungere da testimoni del carattere in loro difesa durante il successivo processo. L'evento spinse psicologi e psichiatri a identificare un nuovo fenomeno psicologico definito "sindrome di Stoccolma".

flickr
Fonte: flickr

La sindrome di Stoccolma è un eccellente esempio di "emozioni razionali". Un ostaggio che sviluppa empatia per il suo sostenitore di ostaggi aumenta sostanzialmente le probabilità che sopravviva alla prova. Una genuina empatia è più sicura e più efficace di una fabbricata, ma può persistere anche dopo che l'ostaggio è stato rilasciato. Il "pregiudizio di Stoccolma" è una versione lieve della sindrome e la maggior parte di noi la sperimenta quasi quotidianamente. Il suo evento più importante è sul posto di lavoro, dove interagiamo con colleghi, capi e subordinati. Quando l'equilibrio del potere è particolarmente sfavorevole per noi, il nostro meccanismo emotivo coopera con il nostro meccanismo cognitivo per moderare i nostri sentimenti di insulto e rabbia. Questo è di nuovo un comportamento razionale, che in misura adeguata può ridurre l'attrito dannoso. In situazioni estreme, tuttavia, come nel caso delle donne maltrattate, lo stesso modello comportamentale può essere estremamente dannoso per noi. Il nostro meccanismo emotivo esagera anche la misura in cui proviamo gratitudine verso figure di autorità in cambio di piccoli gesti positivi insignificanti. Questo può portarci ad attribuire troppa importanza a tali gesti ea sviluppare una fiducia non comprovata nella gentilezza e nella decenza della figura dell'autorità – proprio come accadde a mio padre nei confronti dei suoi insegnanti nazisti. Il successo della buona poliziotta / cattiva poliziotta di interrogare i sospetti di polizia si basa proprio sulla stessa debolezza umana: dopo che il poliziotto cattivo ha recitato la sua parte e non è riuscito a ottenere una confessione, il buon poliziotto appare all'improvviso, come un angelo che ha il sospetto i migliori interessi a cuore, offrendo caffè o sigarette. La circostanza più probabile per suscitare il pregiudizio di Stoccolma è la nostra relazione con il nostro capo. L'effetto benefico di questa parzialità è, ad esempio, il fatto che una battuta raccontata dal nostro capo in un incontro rilassato genera più risate di una battuta simile raccontata dal nostro pari. Ma il pregiudizio può facilmente essere dannoso. Una disillusione riguardo al nostro rapporto con il capo può portare il suo pedaggio più tardi lungo la strada quando la realtà si impone nella nostra coscienza sotto forma di una promozione negata o di un aumento di stipendio negato. Affrontare un comportamento offensivo del nostro capo può incoraggiare un tale comportamento in futuro, danneggiare il nostro status nei confronti dei nostri colleghi e potrebbe avere un effetto importante sulla nostra salute mentale. Heinz Leymann, un pioniere ricercatore svedese sul bullismo sul posto di lavoro, stimò nel 1992 che un suicidio adulto su sette in Svezia era il risultato del bullismo sul posto di lavoro. Nel sondaggio del Workplace Bullying Institute del 2014, basato su 1000 impiegati statunitensi, il 72% dei lavoratori ha riferito di aver assistito al bullismo sul posto di lavoro. Il 27% è stato personalmente e direttamente colpito dal bullismo (principalmente dai loro capi). Ma la scoperta più interessante e allarmante di questo sondaggio fornisce una chiara indicazione per il pregiudizio di Stoccolma: il 72% degli intervistati nega, sconta, incoraggia, razionalizza o difende il bullismo sul posto di lavoro.

Possiamo proteggerci dal pregiudizio di Stoccolma? La prima domanda qui dovrebbe essere se dovremmo necessariamente. Se ci piace il nostro capo nonostante lui o lei non riescano a ricambiare con una simile simpatia e desideriamo evitare il conflitto, allora il pregiudizio di Stoccolma può essere una benedizione. L'unica alternativa per evitare un conflitto potrebbe essere quella di lasciare insultare e rabbia mangiare da noi dall'interno. Ma voler evitare anche un lieve conflitto a tutti i costi è uno scenario raro ed estremo. Nella maggior parte dei casi, quando sperimentiamo il pregiudizio di Stoccolma, sarebbe meglio correggerlo verso la realtà e affrontarlo. Diverse strategie di rilevamento si presentano a questo effetto.

(1) Ottieni aiuto dai colleghi. Sarebbero in grado di offrire una valutazione più obiettiva e obiettiva del comportamento del capo e della relazione generale. Anche quando il tuo pari non ha assistito alle tue discussioni con il capo, una breve descrizione e la sua conoscenza con le parti coinvolte consentirà al tuo pari di interpretare l'interazione in modo più realistico possibile.

(2) Se lavori in un'organizzazione gerarchica e hai un capo, è probabile che tu abbia un subordinato che potrebbe essere prevenuto a Stoccolma nei tuoi confronti. Se ti rendi conto (spesso a posteriori) di aver mostrato un comportamento offensivo nei confronti del tuo subordinato, questa potrebbe essere un'indicazione di una "palla del bullo" che rotola giù per i pioli della scala gerarchica causando a ciascun lavoratore che è frustrato riguardo al suo / suo capo bullismo per adottare un comportamento simile nei confronti del suo subordinato.

(3) Spesso il nostro comportamento ci fornisce indicazioni per cose di cui non siamo a conoscenza. Se ti senti infelice la domenica sera a pensare alla tua settimana di lavoro, o se cerchi di evitare di vedere il tuo capo, non concludere immediatamente che qualcosa non va con te.

Il pregiudizio di Stoccolma è una delle tante situazioni in cui la nostra razionalità dà forma al nostro stato emotivo. Ma spesso quando le emozioni prendono il sopravvento tendiamo a lasciare la razionalità alle spalle. Per evitare le tristi conseguenze di questo pregiudizio, dovremmo assicurarci che il nostro cervello razionale e quello emotivo camminino sempre mano nella mano.

Questo articolo sul mio è apparso su Forbes l'8 aprile 2015

forbes
Fonte: forbes

Solutions Collecting From Web of "Perché ci piace il nostro capo bullo?"