Perché ci piacciono (o non mi piacciono) gli alimenti di comodità

La maggior parte delle abitudini alimentari delle persone sono influenzate dallo stress, dal perdere l'appetito prima di una presentazione lavorativa, dal mangiare senza pensieri dal barattolo di gelatina al lavoro, o dal trovare conforto in una vaschetta di gelato dopo una discussione con il tuo altro significativo.

La relazione tra stress e alimentazione ha radici nel nostro passato evolutivo. La vita non era un picnic per i nostri antenati. Si ritiene che gli esseri umani si siano evoluti in ambienti in cui il cibo potrebbe essere scarso e la sua disponibilità fluttuava secondo le stagioni. Per far fronte a questa imprevedibilità, abbiamo sviluppato una strategia "meglio prevenire che curare". Siamo inclini a mangiare troppo quando il cibo è disponibile e possiamo immagazzinare l'energia in eccesso come grasso che possiamo attingere alla prossima volta che il cibo si esaurirà.

Inoltre, è stato sostenuto che lo stress potrebbe innescare comportamenti di foraggiamento. Lo stress acuto sopprime l'appetito, forse perché sarebbe controproducente cercare il cibo mentre si sta sviando una minaccia immediata. Al contrario, lo stress cronico aumenta il nostro appetito. Lo stress cronico si manifesta quando vi sono avversità continue nell'ambiente, come le preoccupazioni sulla sicurezza alimentare e la sicurezza personale. Pertanto, lo stress cronico ci rende affamati – e tuttavia incoraggia anche la preferenza per il cibo denso di energia. Gli alimenti densi di energia, che sono spesso, e non sorprendentemente, ricchi di grassi e zuccheri, sono un alimento da consumare in caso di stress cronico. Non c'è da meravigliarsi, poiché innescano la produzione di dopamina nel centro di ricompensa del cervello, portando sentimenti di piacere e ristabilendo l'umore.

Ora, uno studio condotto da Jim Swaffield e S. Craig Roberts indaga su come le condizioni ambientali possano modificare le preferenze alimentari in un'ampia gamma di prodotti alimentari di varia natura nutritiva. Nello specifico, i ricercatori hanno ideato un esperimento per testare come la percezione di un ambiente duro rispetto a un ambiente sicuro potrebbe alterare la preferenza per diversi tipi di alimenti nelle sei principali categorie di alimenti (verdure, frutta, cereali, latticini, carni e dolci).

Ecco cosa hanno fatto Swaffield e Roberts. In primo luogo, hanno visto i partecipanti guardare le immagini del cibo che sono state visualizzate sullo schermo di un computer. Successivamente, i partecipanti hanno valutato il grado in cui volevano mangiare ogni prodotto alimentare. Lo hanno fatto due volte. Ma ecco la svolta: i partecipanti hanno valutato quanto volevano mangiare questi alimenti prima e dopo che gli è stato chiesto di leggere un passaggio progettato per manipolare la loro percezione dell'ambiente come "sicura" o "dura". Il passaggio è iniziato, "Immagina che questa sia la tua situazione". Ha continuato descrivendo le condizioni di vita di una giovane donna in termini di prospettive occupazionali e salariali, sostegno sociale e condizioni di sicurezza personale. L'aspro scenario descriveva un abbandono scolastico con relazioni familiari altamente conflittuali e risiedeva in un quartiere pericoloso. Al contrario, lo scenario sicuro era molto più roseo: la giovane donna aveva un lavoro stabile e un risparmio salutare, genitori solidali e una residenza in un'area sicura e pulita.

Che cos'hanno trovato i ricercatori? Come previsto, gli spunti di durezza ambientale hanno accentuato la desiderabilità di prodotti alimentari densi di energia, in particolare carni e dolci. In particolare, pancetta, biscotti, cioccolato e burro erano molto graditi ai partecipanti. Questi risultati supportano l'idea che le dure condizioni ambientali aumentano la percezione della scarsità di cibo, che a sua volta innesca comportamenti di foraggiamento, con particolare attenzione ai cibi ipercalorici. Allo stesso tempo, tuttavia, gli investigatori hanno scoperto che lo scenario sicuro ha diminuito la preferenza per gli alimenti densi di energia. Quindi quando l'ambiente è percepito come sicuro, il desiderio di cibi ipercalorici diminuisce.

Gli autori osservano che sebbene il loro studio abbia scoperto che gli stimoli delle condizioni ambientali possono alterare le preferenze alimentari, ciò non significa che le manipolazioni dell'ambiente come sicure o dure possano necessariamente cambiare l'effettivo apporto calorico di una persona. Indagare ciò che le persone mangerebbero letteralmente in questo tipo di condizioni sperimentali è foraggio per studi futuri, dicono. Ma la prossima volta che vai per una fetta di torta di cui non hai davvero bisogno, potrebbe valerne la pena considerare se è lo stress a parlare.

Puoi trovare gli altri post di Psychology Today di Dr. Mehta qui. Entra in contatto con Dr. Mehta sul web all'indirizzo: drvinitamehta.com e su twitter e Pinterest!

Vinita Mehta, Ph.D. è uno psicologo clinico con licenza a Washington, DC, e un esperto di relazioni, gestione dell'ansia e dello stress e costruzione di salute e resilienza. Il dott. Mehta offre impegni linguistici per la vostra organizzazione e psicoterapia per gli adulti. Ha lavorato con successo con persone che soffrono di depressione, ansia e transizioni di vita, con una crescente specializzazione nel recupero da traumi e abusi. È anche l'autrice del libro in uscita, Paleo Love: come i nostri corpi dell'età della pietra complicano le relazioni moderne.

Solutions Collecting From Web of "Perché ci piacciono (o non mi piacciono) gli alimenti di comodità"