Perché andare a terapia di coppia da soli può ancora aiutare

Questo blog cura le voci della Division of Psychoanalysis (39) dell'American Psychological Association. Darren Haber, MA, MFT, psicoterapeuta a Los Angeles, presenta questo post.

Olimpik/Shutterstock
Fonte: Olimpik / Shutterstock

Succede spesso: un potenziale cliente, di solito femmina, chiama per vedere se faccio consulenze per coppie. Dico di sì, fissiamo un appuntamento, lei richiama per annullare. La ragione? Il suo partner ritiene che la consulenza non sia necessaria o non sia disposta a venire. Si rimetterà in contatto se il suo compagno ha cambiato idea.

Di solito è la fine, ma a volte seguo, e mi è stato detto che la relazione è finita.

Ora sono giunto alla conclusione definitiva che la persona che chiama trarrebbe beneficio dall'entrare in ogni caso, con o senza il suo partner.

Ma perché? Dopotutto, non è quello che vuole. Vuole lavorare sulla relazione – e come può accadere se il suo partner non la raggiunge?

Tranne il fatto che lei è metà del rapporto, quindi qualsiasi cambiamento che potrebbe apportare a se stessa – si tratti di nuovi comportamenti, sentimenti o atteggiamenti – avrà un impatto diretto sull'altra persona, potenzialmente spingendolo ad adattarsi a una nuova dinamica.

Il mito americano dell'individualismo è solo questo: un mito. Abbiamo autonomia, sì, ma non siamo "unità" distaccate e libere. Viviamo relazioni con amici, familiari, colleghi, partner, persino il mondo naturale stesso. Come trattiamo la natura, il modo in cui guidiamo o ci comportiamo in pubblico, tutto ha un impatto sugli altri. E tendiamo ad attrarre ciò che "promuoviamo", consapevolmente o meno. Il modo migliore per portare più gentilezza e sensibilità alle nostre relazioni è trattare gli altri con gentilezza ed empatia, e stabilire i limiti appropriati quando gli altri non riescono a trattarci con rispetto. Più facile a dirsi che a farsi, specialmente quando senti che il rispetto non ti sta tornando, nonostante i tuoi sforzi. Ecco perché parlare di questi sforzi con qualcuno, di come e perché dovrebbero o non dovrebbero continuare, può essere utile. Perché il terapeuta (o amico fidato o consulente) ora fa parte del "sistema" come sbocco e può aiutare a diffondere la tensione.

Viviamo in interrelazione l'uno con l'altro nel mondo interconnesso di oggi. Per fare un semplice esempio, ricorda una situazione in cui ti sentivi arrabbiato con un amico o una persona amata, anche se non riuscivi a capire in quale fosse il problema. Diciamo che hai prestato un po 'di soldi ad un amico. Lui o lei non riesce a restituirlo. Di chi è la colpa? È l'altra persona, che spesso prende in prestito e non ripaga, o te stesso, dimenticando che questa persona non paga mai e si aspetta un risultato diverso? Hanno approfittato, o eri generoso? Forse sembra di essere irrigidito, tranne che quest'altra persona sta davvero lottando. Quindi significa che sei avaro? Tranne che i soldi non vanno sugli alberi. E così via. . .

Un esempio più complesso riguarda il sesso con il tuo partner: forse c'è troppo poco di recente, dovuto (diciamo) a ciò che sembra essere la tua mancanza di desiderio; per qualche motivo non ti senti particolarmente attratto dal tuo partner. Ma forse è perché il loro desiderio sembra stranamente assente, agendo come un freno al tuo. Oppure il loro desiderio è basso perché ti senti più distante? Chi l'ha iniziato? Chi può "aggiustarlo"? E cosa deve essere risolto esattamente? E così via. . .

Gran parte del mio lavoro riguarda il trattamento di coloro che lottano con qualche forma di dipendenza. Ogni volta che una persona mi chiama perché il loro partner ha un possibile problema con droghe, alcol, pornografia e così via, la prima cosa che faccio è spingerli a entrare e parlarne, anche se il partner non può o non vuole . Il più delle volte, questa idea incontra una forte resistenza: "Sto bene, è lui (o lei) …"

Quindi qual è il problema con questo?

Prima di tutto, la persona che chiama è spesso più motivata a cambiare, almeno più di quella con la dipendenza o la potenziale dipendenza. Inoltre, qualunque cosa stia facendo il chiamante per migliorare o interrompere la dipendenza, non funziona, o non chiamerebbero, anche se si sentono stranamente obbligati a continuare a provare. È quasi come se questo comportamento fosse esso stesso avvincente, nel tentativo di migliorare o controllare la dipendenza del partner. Questo, a sua volta, rende arrabbiato il partner tossicodipendente, che diventa un fattore scatenante per abuso di alcol o droghe. Ciò rende l'altra persona ferita e arrabbiata, che causa più discussioni, quindi più bevute o usi, quindi più biasimo e rabbia – e il ciclo continua.

Lo stesso è vero quando una persona ha un problema con rabbia, PTSD, depressione, ansia o altre lotte emotive che influenzano la relazione. Infatti, poiché siamo così attratti dal familiare (in termini sia pro che contro), potremmo cercare partner che corrispondano alla nostra esperienza storica; allora il nostro partner potrebbe innescare involontariamente le ferite della nostra infanzia che volevamo tanto evitare e / o "correggere".

Chi l'ha iniziato? Chi continua a farlo? Chi sta facendo cosa a chi?

È facile impantanarsi in queste domande e avere discussioni infinite sull'analisi delle risposte. Alla fine, la maggior parte delle coppie dice "A chi importa?", Ma la domanda migliore è: "Cosa posso fare io per migliorare questa situazione? In che modo contribuisco alla relazione generale, pro e contro? "Avere un impatto su questi contributi, con o senza il tuo partner, avrà un effetto.

Le relazioni intime sono complicate perché c'è così tanto da negoziare tra sovrapposizioni psicologiche ed emotive, sentimenti non espressi, differenze, messaggi impliciti o misti, e così via. Inoltre, una situazione carica porta alla reattività , in modo che ogni partner inizi a reagire alla reazione dell'altro, portando a confusione. Ogni nuovo comportamento individuale ha il potenziale per rompere il ciclo. Rompendo quel ciclo, anche una piccola quantità, la nostra storia viene riscritta, una lettera alla volta.

Questo è il motivo per cui il lavoro individuale a volte viene persino raccomandato prima che inizi il counseling delle coppie, in modo che ogni persona inizi a capire i propri sentimenti e reazioni emotive soggettive. Imparano quali nuovi comportamenti possono assumere per facilitare le soluzioni piuttosto che perpetuarne la colpa, la difensività e le critiche.

Questi comportamenti negativi sono distruttivi per l'intimità, che richiede vulnerabilità, tenerezza, tolleranza all'incertezza e pazienza. Spesso, le persone nuove al trattamento hanno reali difficoltà con quest'ultimo, data l'intensità di ansia, vergogna e altri sentimenti dolorosi che circolano nel sistema. (E non siamo una società paziente).

Ricorda i vecchi "uccelli di una piuma" che dicono? Così spesso il partner di una persona dipendente (o molto depressa o ansiosa) mi dirà: "Di chi è questa colpa davvero? Attiro questo tipo di persone più e più volte, quindi forse sono io quello che incolpa ". Tranne che, di nuovo, la colpa non fa altro che comprimere la comprensione e aumentare il disprezzo di sé.

Inoltre, qualcuno con sfide emotive o "oscillazioni" di umore / personalità spesso ha almeno alcuni momenti in cui sono presenti le parti stabili e amorevoli. Quindi il problema per il loro partner è, è doloroso essere intorno a loro un po 'di tempo, ma non sempre. La parte difficile è l'oscillazione, spesso volatile e incoerente, che è una tensione per l'intimità.

Tutto questo "cercare il familiare" è particolarmente vero quando il trauma infantile è nel mix. Il lavoro individuale può aiutare a raggiungere la radice di ciò che ci spinge a cercare partner indisponibili o ripetitivi e ad imparare nuovi confini e modi di elaborare sentimenti offensivi, ridurre lo stress e aumentare le opzioni relazionali.

Può essere molto difficile scuotere, tuttavia, l'idea che la vita sarebbe molto meglio se solo cambiassero per primi . Spesso un chiamante dice: "Sono un disastro e non posso essere in pace finché non lo fa insieme". E se ciò dovesse richiedere mesi o addirittura anni? Questa è una ricetta per il risentimento. La vita è sempre più difficile sotto costrizione, quindi perché non iniziare a prendersi cura di te ora, dal momento che il cambiamento è un processo? Anche se la persona di "custodia" entra in terapia da solo, quella stessa interrompe il ciclo, offrendo la possibilità di trovare nuove prospettive e soluzioni.

Impariamo la danza dell'intimità in tenera età e dimentichiamo che qualcuno ci ha insegnato. Tuttavia, se impari alcune nuove mosse da solo, il tuo partner dovrà tenere il passo, se lui o lei vuole rimanere unito. Ad esempio, una persona può dire, piuttosto che urlare biasimo o critica, "Hai ragione, ho avuto torto in modi e ho preso parte a tutto questo. Mi dispiace e lo sto affrontando. Probabilmente ci aiuterebbe se tu facessi lo stesso. "

Nota come "aiutaci" potrebbe essere molto più invitante che puntare il dito.

Ai terapeuti familiari piace spesso usare l'analogia mobile (come nei telefoni cellulari che pendono sulle culle dei bambini). Se colpisci un'estremità o una figura, anche gli altri pezzi si muovono. Quando una persona in un "sistema" di relazioni cambia, l'intera cosa cambia.

A volte le relazioni romantiche, meravigliose come spesso possono essere, si rivelano disincantanti. I nostri ideali e le nostre speranze possono essere infrante quando scopriamo che l'altra persona, dopo tutto, è solo umana. Potrebbero anche avere alcune delle qualità che meno volevamo trovare in un partner. Ma questo non deve sempre significare guai. Può significare che c'è un'opportunità per avere una nuova esperienza relazionale, per quanto difficile possa essere credere. Lo vedo spesso: quando un partner dà la terapia o consiglia il colpo migliore, si verificano dei cambiamenti e l'altro partner di solito accetta, nel tempo, di entrare o cercare aiuto in qualche modo.

Qualcosa cambia; deve.

di Darren Haber, MA, MFT, psicoterapeuta a Los Angeles

Solutions Collecting From Web of "Perché andare a terapia di coppia da soli può ancora aiutare"