Perché amiamo la dottoressa Laura

Qualcosa è servito dai progressisti che continuano a picchiare il conduttore radiofonico di destra, "I'm-Only-A-Pretend-Doctor" Laura Schlesinger? (Nota: Schlesinger ha suonato in modo veloce e sciolto con regole etiche quando aveva una licenza di consulenza ma si è tenuta da dottore, quando in realtà il suo dottorato di ricerca era in fisiologia) sembra che abbiamo fatto un buon lavoro nel corso degli anni. Le prove sono schiaccianti sul fatto che Pretend-Dr. Laura è un'omofobia, misogina, incolpa regolarmente la vittima ed è implacabilmente crudele sia nei toni che nei contenuti per le persone che chiamano il suo spettacolo per chiedere aiuto. L'ultima goccia – il suo uso della N-Word in una recente trasmissione – era una naturale estensione della sua personalità e della sua politica. Quando una donna nera chiamò e si lamentò dell'uso di un epiteto razziale da parte dei suoi amici del marito bianco, era come lanciare carne a un cane affamato. (L'oltraggio di Cue Schlesinger). Il buon dottore ha deriso e umiliato il chiamante ripetendo ripetutamente la parola offensiva in questione.

Ciò che mi preoccupa non è Pretend-Dr. Laura sta facendo il cheerleading per il peggio dell'agenda sociale di destra, ma l'appello di massa della sua mentalità da biasimo-vittima. Il pubblico del suo programma radiofonico e dei suoi libri è enorme. Le persone apparentemente risuonano con gli attacchi ripetitivi di Schlesinger a chiunque sia "abbastanza bisognoso" da chiedere aiuto o una considerazione speciale. Se sei una madre adolescente e vai al lavoro, non far sapere a Schlesinger che lasci tuo figlio in un asilo o, come li chiama Schlesinger, "centri di orfanotrofio". Se non puoi stare a casa con tuo figlio Schlesinger ritiene che dovresti darglielo in adozione. Se i tuoi figli fanno droghe, tagliale; se fai la droga, fermati. Se tuo marito ti picchia, probabilmente è colpa tua. Se i tuoi genitori ti hanno abusato, superalo. Se sei disoccupato, trova un lavoro. Una madre di un ragazzo di 17 anni una volta ha chiamato per chiedere cosa fare sul fatto che suo figlio aveva impregnato una ragazza di 17 anni che poi aveva insistito per avere il bambino. Nel mezzo di questa storia molto triste, piena di dolore da tutte le parti, Pretend-Dr. Laura interruppe e disse qualcosa come: "Tuo figlio l'ha fatto saltare in aria. La sua vita, come tu lo sai, è finita. Non può andare via al college, non può realizzare nessuno dei suoi sogni, perché deve rimanere e sostenere questo bambino. Avrebbe dovuto pensarci prima di agire in modo così irresponsabile! "Le persone buone e intelligenti potrebbero non essere d'accordo sulle varie opzioni disponibili per questa giovane coppia e le loro famiglie, ma per Schlesinger, è sempre in bianco e nero, giusto o sbagliato. Nessuno ottiene simpatia. Nessuno merita aiuto. Per Schlesinger, la responsabilità personale è sempre soffusa di colpa e giudizio severo.

Versioni più lievi della semplicistica rigidità morale di Schlesinger si possono trovare in alcuni dei consigli "d'amore duro" dati ai genitori degli adolescenti con limiti di esame, nonché nel sottotesto di alcuni degli spettacoli del Dr. Phil. Ai pubblici piace quando i genitori rilassati o sopraffatti sono sottoposti a un duro rimprovero e si dice che si tirano indietro e si impegnino con i loro figli. Sebbene sia stato pensato bene e spesso utile, questo approccio attrae il pubblico in modo speciale. Non è molto lontano da lì a destra, come James Dobson, che sostiene la punizione corporale e alla dottoressa Laura che non ha mai incontrato un bambino problematico che non è stato creato da un genitore indulgente, debole o egocentrico. Rinnova. Assumersi la responsabilità. Smetti di lamentarti. Scendi dalla tua soapbox. Il battito della batteria continua a pulsare.

Non fraintendermi – anche un orologio fermo è giusto due volte al giorno, ea volte un confronto con genitori che non sono in grado di controllare i bambini o con le persone che si avvolgono in sentimenti di vittimizzazione e diritto è proprio quello che il dottore – un vero dottore- ordinerebbe Ma Schlesinger, Dobson e altri della scuola dei valori della famiglia fuoco e zolfo hanno un programma più profondo. Nel loro cuore hanno un disprezzo appassionato per le vittime, i deboli, gli indifesi e gli indifesi, sia reali sia immaginati. Dico reale o immaginato perché, naturalmente, anche i rigorosi moralisti come Schlesinger e Dobson preferirebbero simpatia per i gruppi più ovvi e deboli della nostra società, ad esempio i disabili gravi, i giovanissimi o gli anziani, ecc. Tutti gli altri che incolpano e condannano. E milioni di persone sembrano condividere questo atteggiamento.

Cosa motiva i golosi per la punizione che in realtà chiamano il finto dottore? E perché il suo "consiglio" meschino è qualcosa che milioni di persone apparentemente vogliono sentire?

Basandomi sul mio lavoro negli ultimi trent'anni con molte persone che condividono questa sensibilità, credo di capire la dinamica psicologica di base qui. La maggior parte di noi cresce con la convinzione inconscia che non ci si dovrebbe prendere cura di noi, che essere dipendenti o indifesi e aver bisogno di qualcosa che assomigli a una considerazione e protezione speciale sia oneroso e tossico per gli altri o semplicemente impossibile. Che si tratti di trascuratezza, valori genitoriali o eventi casuali, tali credenze sono estremamente comuni.

Per adattarci e sopravvivere, tutti facciamo una necessità in virtù. Cioè, prendiamo ciò che è e lo trasformiamo in "nel modo in cui le cose dovrebbero essere". Abbassiamo le nostre aspettative. Facciamo molto con un po '. Potremmo persino propagandare il nostro stoicismo come durezza e autosufficienza. Per esempio, quante volte hai sentito dire, irritabile e critico Zio Robert o Auntie Roberta indicato come un "vecchio uccello duro?" Noi, tuttavia, non rinunciamo a volere più cura, attenzione, protezione o amore. Smettiamo di chiedercelo, tranne in circostanze estreme. Ci adattiamo, proprio come i cammelli si sono adattati per millenni a percorrere lunghe distanze senza acqua.

Recentemente una paziente mi ha detto che aveva un piacevole sogno ad occhi aperti su suo marito che stava morendo. Aveva avuto qualche problema di salute di recente, ma fondamentalmente andava bene. Amava suo marito e non voleva affatto che morisse. Il piacere derivava dall'attenzione e dalla cura che immaginava avere come sua vedova in lutto. Nella sua esperienza, ci vorrebbe un trauma estremo per guadagnarsi il diritto di essere curato e liberato dalla responsabilità anche per un breve periodo. Un altro paziente mi disse all'inizio della terapia che suo padre era severo ma che gli insegnava le buone maniere. Più tardi emerse che suo padre era brutale e spaventoso. Suo figlio aveva razionalizzato questa brutalità con una storia che lasciava il padre fuori dai guai e metteva la responsabilità su se stesso.

Questo è quello che fa la maggior parte delle persone. Non possono affrontare la realtà della loro sofferenza per mano degli altri e quindi incolpare se stessi. Uno psicoanalista una volta disse che i bambini preferivano essere "peccatori in paradiso che non santi all'inferno", un riferimento al bisogno che i bambini devono mantenere una visione idealizzata dei loro assistenti, anche a loro spese. Non possono farsi riconoscere di avere bisogni di dipendenza legittimi che non sono soddisfatti, che hanno bisogno di maggiore protezione o che si sentono invisibili e vogliono essere più importanti per gli altri. Sopprimono queste percezioni, desideri e bisogni. Tuttavia, non vanno via. Devono essere inconsciamente tenuti sotto controllo tutto il tempo.

Mentre questo è un conflitto interno, lo trasformiamo in uno esterno, ed è in questo cambiamento che possiamo vedere la spiegazione dell'appello di Schlesinger, di Dobson, del Dr. Phil e di altri sostenitori dell'autorità partriarcale, della responsabilità personale e dell'amore duro . Sono gli altri che si lamentano, chiedono al mondo una considerazione speciale, sollevano la loro vittimizzazione in un tentativo di aiuto. Li condanniamo proprio come le nostre coscienze condannano desideri o bisogni simili in noi stessi.

In effetti, iniziamo a vedere questo "problema" ovunque. Lo vediamo nella donna di colore che sostiene la dispensa per la sua sensibilità alla N-Word. Lo vediamo nelle razionalizzazioni di persone che hanno fatto qualcosa di egoista e irresponsabile e vogliono essere salvate. Lo vediamo nelle persone che si presentano come vittime che necessitano di essere restituite o riparate, o come deboli e bisognose di protezione, o come aiuto dipendente e in cerca. E ci arrabbiamo e condanniamo queste persone perché rappresentano i nostri bisogni di desideri proibiti e vulnerabilità. Giudichiamo e vogliamo punirli nello stesso modo in cui giudichiamo e puniremo noi stessi per i nostri desideri segreti di simpatia, cura e aiuto. Esternalizziamo i nostri conflitti e li interpretiamo con coloro che possiamo incasellare e stereotipare nelle incarnazioni viventi dei nostri desideri proibiti.

È per questo che ci piace sentire Schlesinger dare la colpa alle donne violentate, alle madri adolescenti che hanno bisogno di assistenza, oa una moglie che si sente incompresa e mal compresa. Ecco perché queste persone povere la chiamano con le loro pretese di impotenza. Credono inconsciamente di meritare di essere portati alla legnaia per non essere cammelli migliori. Questo è il motivo per cui ci piace sentire il dottor Phil tenere un padre sulla sua incapacità di stabilire dei limiti con il suo figlio delinquente. Il crimine del padre è che si sente impotente e non ci piace l'impotenza negli altri nella misura esatta in cui lo odiamo in noi stessi.

Mentre le persone si sentono più ferite, più dipendenti, più bisognose di protezione, cura e aiuto, cercano paradossalmente rimproveri come Schlesinger o patriarchi aggressivi come Dobson. Saranno prontamente capri espiatori di altri gruppi con pretese di assistenza nel tentativo di differenziarsi da queste incarnazioni esterne di ciò che sperimentano in se stessi. Laura Schlesinger potrebbe essere andata per ora, ma ci sarà purtroppo un numero crescente di altri per prendere il suo posto.

Solutions Collecting From Web of "Perché amiamo la dottoressa Laura"