Perché alcuni quartieri diventano estremamente omogeneizzati?

Fonte: Tonis Pan / Shutterstock

Viviamo in un periodo di disuguaglianza economica senza precedenti. A partire dalla grande recessione del 2008, la divisione tra "ricchi" e "non abbienti" è cresciuta sempre più. Un nuovo studio, pubblicato oggi, riporta che alcuni quartieri del paese stanno diventando sempre più omogeneizzati e segregati per reddito. È interessante notare che questo sta avvenendo prevalentemente tra le famiglie con bambini.

Perché alcuni quartieri stanno diventando meno diversi? È interessante notare che l'ultima forma di segregazione è guidata dalla disuguaglianza dei redditi combinata con un fattore precedentemente trascurato, che è la qualità del distretto scolastico di un quartiere.

I buoni distretti scolastici sono una priorità assoluta per ogni famiglia, ma le famiglie più ricche divorano il patrimonio immobiliare in codici postali con scuole pubbliche di prim'ordine, mentre le famiglie più povere vengono escluse. Per i genitori che vivono in grandi città, con più distretti scolastici, la suddivisione in zone delle scuole pubbliche è diventata la principale forza trainante di dove le persone più ricche scelgono di acquistare proprietà immobiliari.

Lo studio dell'aprile 2016, "Disuguaglianza nei contesti infantili: separazione dei redditi delle famiglie con e senza figli", è stato pubblicato dalla rivista American Sociological Review .

L'autore principale di questo studio, Ann Owens, è attualmente professore associato presso il Dipartimento di sociologia e scienze spaziali della University of Southern California. Ha condotto un'estesa ricerca basata sui dati del censimento di 100 importanti aree metropolitane degli Stati Uniti, da Los Angeles a Boston e ovunque nel frattempo, mentre era all'Università di Harvard.

Il nuovo studio riporta che la segregazione dei redditi tra quartieri all'interno delle maggiori aree metropolitane della nazione è aumentata in media del 20 percento dal 1990 al 2010. Tuttavia, la segregazione del reddito per i quartieri con migliori distretti scolastici è aumentata di quasi il doppio.

In una dichiarazione, Owens ha detto che l'aumento della segregazione sul reddito di quartiere che il suo studio rivela è un segnale preoccupante per le famiglie a basso reddito. Molti studi precedenti hanno dimostrato che ambienti di apprendimento diversi e integrati sono particolarmente utili per i bambini provenienti da famiglie economicamente svantaggiate. Owens ha anche detto,

"Il crescente divario di reddito e l'aumento della segregazione economica possono portare a disuguaglianze nei punteggi dei test dei bambini, al livello di istruzione e al benessere. Il vicinato e la povertà scolastica sono grandi fattori trainanti per i poveri risultati educativi dei bambini a basso reddito, quindi l'aumento della segregazione del reddito perpetua la disuguaglianza e può ridurre la mobilità dei bambini poveri ".

Uno dei risultati inaspettati di No Child Left Behind (NCLB), entrato in vigore nel 2002, è che ha provocato un aumento della concorrenza spietata su vari livelli basati esclusivamente su classifiche numeriche. Con più dati a portata di mano, è più facile individuare quali scuole sembrano avere i migliori insegnanti e il più alto risultato degli studenti.

Owens crede che NCLB abbia accresciuto l'attenzione sulle classifiche che hanno spinto i genitori – che naturalmente vogliono il meglio per i loro figli – a far diventare il loro bambino una scuola eccellente (ad ogni costo) una priorità assoluta. Sfortunatamente, solo i genitori con le risorse finanziarie per risiedere in questi distretti scolastici possono permettersi di vivere in questi codici postali.

Migliorare le scuole potrebbe creare cambiamenti a monte e ridurre l'omogeneizzazione

Ovviamente, risolvere i problemi della disuguaglianza economica è estremamente complesso e porta ad un acceso dibattito, come tutti abbiamo visto nelle attuali elezioni presidenziali. Una cosa che trovo innovativa in questo studio è che Ann Owens offre un'opzione unica, che è quella di spostare l'attenzione sul miglioramento di tutte le scuole con la convinzione che l'accessibilità economica delle abitazioni alle famiglie si stabilizzerà. Molti ricercatori ritengono che la politica abitativa possa guidare la politica dell'istruzione, ma Owens crede: "La politica scolastica può anche essere una politica abitativa".

In genere, i responsabili delle politiche hanno affrontato le disuguaglianze economiche attraverso proposte come l'aumento degli aumenti dei salari minimi, ma, come spiega Owens,

"Se le scuole svolgono un ruolo importante nella segregazione residenziale, interrompere questo legame e renderlo meno importante e alleviare i timori dei genitori su dove i loro figli andranno a scuola ridurrebbe la segregazione del reddito. Cambiare le politiche di frequenza scolastica potrebbe essere più fattibile che ridurre la disuguaglianza dei redditi, aumentare il salario minimo, istituire una governance metropolitana o creare alloggi a prezzi accessibili per affrontare la segregazione residenziale ".

In conclusione, Owens ha raccomandato ai leader educativi di considerare di ridisegnare i confini per ridurre il numero e la frammentazione dei distretti scolastici nelle principali aree metropolitane. Potrebbero anche prendere in considerazione la possibilità di progettare piani di scelta inter-distrettuale e rafforzare i piani attuali all'interno dei distretti per affrontare le disuguaglianze.

L'importanza di creare ambienti di apprendimento arricchiti e diversi

Ognuno ha un'esperienza di vita unica e una storia su quale quartiere sei cresciuto e dove sei andato a scuola. Mentre stavo leggendo questi risultati della ricerca sul caffè stamattina, ho avuto un afflusso di flashback sulle mie esperienze educative della mia infanzia in relazione al nuovo studio di Owens.

La prima cosa che mi è venuta in mente è che ho vissuto a Boston alla fine degli anni '70, quando i tentativi di trasportare i bambini dai quartieri neri più poveri verso quartieri bianchi più ricchi stavano facendo notizia nazionale. La città esplose in scontri violenti che sembravano andare avanti per oltre un decennio.

"The Soiling of Old Glory" di Stanley Forman durante la crisi di segregazione degli autobus di Boston.
Fonte: Stanley Forman / Wikimedia Commons

L'immagine a sinistra cattura l'essenza di alcuni dei conflitti avvenuti durante la desegregazione degli autobus di Boston (1974-1988). Se la storia ci insegna lezioni … uno che è uscito dalla crisi degli autobus di Boston è che i confini del ridisegno nelle principali aree metropolitane possono essere molto difficili. Detto questo, come genitore di un bambino di 8 anni, credo che sia estremamente importante evitare di creare quartieri e sistemi scolastici omogeneizzati basati sullo status socioeconomico.

La lettura di questo studio ha anche riportato un'ondata di ricordi del mio migliore amico in 7 °, 8 ° e 9 ° grado. Il suo nome era Geoff Sanders. Era un afro-americano di Roxbury, che era uno dei quartieri neri più poveri di Boston quando vivevo lì tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80. A quel tempo, la mia famiglia viveva a Chestnut Hill, una ricca enclave a sei miglia dal centro di Boston.

Sia Geoff che io abbiamo frequentato The Park School, una scuola privata diurna K-9 a Brookline, nel Massachusetts. Geoff era al Park con una borsa di studio e ogni giorno prendeva un autobus con una manciata di altri studenti da Roxbury. Tragicamente, Geoff fu assassinato nel suo quartiere di Boston subito dopo il liceo e divenne un'altra statistica. Ero un portabandiera al suo funerale.

L'influenza di Geoff sulla mia vita è commovente per molte ragioni. Fino a quando non ho incontrato Geoff, vivevo in una bolla omogenea e non ero stato esposto a persone di altre etnie o background socio-economici. Geoff ed io eravamo entrambi estranei al Park per diversi motivi … Ero un adolescente molto imbarazzato e insicuro che stava facendo i conti con l'essere gay. Io e Geoff ci siamo uniti al nostro amore per l'album delle Bad Girls di Donna Summer. Anche se era l'era "Disco Sucks", in homeroom, Geoff e io faremmo spudoratamente canzoni come "There But for the Grace of God Go I", che parlava direttamente delle insidie ​​dei quartieri omogeneizzati con "no neri, no Ebrei e nessun gay ".

Geoff era così sicuro e a suo agio nella propria pelle. Mi ha insegnato come sentirmi a mio agio anche nella mia pelle. Se non avessi stretto un legame con Geoff nel 1979, e avessi assistito a come si fosse adattato a sentirsi emarginato, probabilmente sarei rimasto nell'armadio fingendo di essere qualcuno che non ero per troppo tempo.

Dopo essermi diplomato al parco, Geoff e io abbiamo condiviso una pagina dell'annuario. Sebbene avessi solo 15 anni, ed era molto irritabile essere gay, gli aspetti "liberi di essere … tu ed io" di Park, e la mia amicizia con Geoff, mi hanno dato i cojones per stampare i testi del classico di Diana Ross " I'm Coming Out "nel mio annuario nono.

Sfortunatamente, lasciai Park e atterrai in un convitto molto pesante e omogeneizzato a Wallingford, nel Connecticut, con un preside che non amava particolarmente celebrare la diversità o avere un indizio su come gestire le questioni LGBT in modo appropriato. Una delle ragioni per cui ho una così forte reazione istintiva alla stratificazione sociale e all'omogeneizzazione di qualsiasi tipo è che credo che generi "noi" contro la mentalità di "loro".

Per dare una completa rivelazione, molto simile a me alla sua età, mia figlia attualmente vive in un codice postale ricco in qualche modo ermeticamente chiuso in un quartiere molto pittoresco. Detto questo, è estremamente importante per me non perdere il contatto con il resto del 99% degli americani. Questa è una delle ragioni per cui sono un chiaro sostenitore delle politiche che mantengono l'alloggio a prezzi accessibili in codici postali con buone scuole e livellando il campo di gioco in altri modi.

Conclusione: la stratificazione socioeconomica e l'omogeneizzazione ci feriscono tutti

In chiusura, nel corso degli anni ho scritto una vasta gamma di post sui blog di Psychology Today sull'impatto della povertà sullo sviluppo del cervello infantile e sull'importanza di finanziare ambienti di classe che siano puliti, sicuri, pieni di luce naturale e, idealmente, circondati da spazi verdi.

La nuova ricerca di Ann Owens offre un nuovo approccio innovativo per rompere l'omogeneizzazione dei quartieri concentrandosi sul miglioramento delle scuole in ogni distretto e codice postale. Si spera che queste scoperte servano da invito all'azione per i politici e i politici su entrambi i lati del corridoio.

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "Bambini e classi: perché l'ambiente è importante"
  • "Perché i bambini ricchi hanno punteggi di test standardizzati più alti?"
  • "La povertà infantile ha impatti dannosi sulla struttura cerebrale"
  • "La povertà infantile può danneggiare la connettività e la funzione del cervello"
  • "Lo svantaggio sociale crea usura e strappi genetici"
  • "Affrontare il" divario del vocabolario "tra bambini ricchi e poveri"
  • "I fattori socio-economici influenzano la struttura cerebrale di un bambino"
  • "Il tuo cervello può imparare a entrare in empatia con i gruppi esterni"
  • "'Amare il tuo vicino come te stesso" ci rende sani e felici "

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland

Solutions Collecting From Web of "Perché alcuni quartieri diventano estremamente omogeneizzati?"