Perché alcune donne maltrattate rimangono?

Carlin Flora ha scritto nel suo post precedente sul puzzle della violenza domestica. Data l'enorme salute e i costi somatici dell'abuso sponsale, la domanda sul perché molte donne maltrattate stanno con i loro mariti o fidanzati violenti è una sconcertante. Mentre la maggior parte delle donne maltrattate alla fine lasciano i loro abusatori, una sostanziale minoranza (le stime vanno da un quarto a un terzo) rimangono nelle loro relazioni abusive. Il problema è doppiamente sconcertante da una prospettiva psicologica evolutiva, perché enfatizza l'importanza della vita, della sopravvivenza e del benessere individuale. Perché così tante donne maltrattate rimangono nelle loro relazioni violente?

Ciò che aggiunge al mistero è che la maggior parte delle donne sono esse stesse disorientate dalla loro stessa scelta. Quando viene premuto, tuttavia, molti rispondono dicendo "Perché lo amo"; l'attaccamento emotivo all'abusante è uno dei motivi principali per cui le donne maltrattate danno perché scelgono di rimanere. Da una prospettiva psicologica evolutiva, l'amore e altre emozioni sono meccanismi prossimi che costringono gli organismi a impegnarsi in comportamenti che, nel contesto dell'ambiente ancestrale, avrebbero aumentato la loro idoneità inclusiva. Il fatto che le donne stesse siano confuse da una loro scelta quando seguono le loro emozioni e rimangono con i loro partner violenti sembra suggerire la possibile operazione di logica evolutiva a cui le donne non hanno accesso completo e consapevole. Ma quali possibili benefici riproduttivi possono rimanere con i compagni violenti, quando queste donne sono spesso gravemente ferite, a volte uccise?

Dalla visione genocentrica della vita dawkinsiana (o, più propriamente, hamiltoniana), c'è una cosa più importante della vita stessa, e questo è il successo riproduttivo. La vita è importante, la sopravvivenza è importante, solo perché non puoi essere licenziato se sei morto. La vita è semplicemente un mezzo per la riproduzione. Gli organismi (come gli umani) sono solo veicoli per i loro geni, e sono i geni, non gli organismi, che sono al posto di guida. Sottolineerebbe quindi il potere della visione genetica della vita, se stare con un partner violento ha dei benefici per i geni delle vittime, mentre comporta enormi costi per le vittime stesse.

Uno di questi benefici è che, sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito, le donne accoppiate con partner abusivi hanno più figli. Nel campione britannico, le donne che sono accoppiate ai mariti abusivi hanno in media un undicesimo figlio in più rispetto a quelli che non lo sono (0,792 vs 0,7007). La differenza aumenta fino a un ottavo di un figlio (.1324) in un'analisi di regressione multipla che include controlli statistici adeguati per potenziali confondimenti. Tuttavia, le donne vittime di abusi non hanno più figlie delle donne non abusate (.6787 vs .6836). E la tendenza alla violenza, che è in gran parte una funzione dei livelli di testosterone di base degli uomini, è altamente ereditabile. In altre parole, i padri violenti tendono a generare figli violenti.

Gli uomini violenti tendono a non fare bene nelle società postindustriali civilizzate come la nostra; tendono ad essere sovrarappresentati nelle popolazioni carcerarie. Tuttavia, il nostro cervello non lo sa. Il cervello umano, inclusi tutti i suoi meccanismi psicologici evoluti, sono progettati e adattati alle condizioni del nostro ambiente ancestrale. Nel nostro ambiente ancestrale, gli uomini violenti probabilmente hanno fatto molto bene nella loro competizione intrasessuale per lo status, e quindi per le opportunità di accoppiamento. Il padre più prolifico nella storia documentata, Moulay Ismail the Bloodthirsty, che aveva almeno 1.042 (ma probabilmente più vicino a 1.400) bambini nella sua vita, era anche noto per aver ucciso 30.000 persone con le sue stesse mani. Aggressivi, violenti e spietati hanno spesso fatto i migliori guerrieri e leader politici nella storia evolutiva umana, fino a poco tempo fa.

Nelle specie caratterizzate da un elevato investimento genitoriale maschile (come gli umani), i maschi con una posizione dominante più alta guadagnano in media padri migliori a causa della loro maggiore capacità di proteggere e investire nella loro prole rispetto agli uomini nei ranghi inferiori di dominanza. I figli di questi uomini con gradi di dominanza più alta sono quindi migliori di quelli degli uomini di rango inferiore. Inoltre, se la donna maltrattata ha già figli con l'aggressore, potrebbe non essere in grado di trovare un compagno e un padre alternativi di livello superiore per i suoi figli, perché i patrigni rappresentano probabilmente il più grande pericolo fisico per i bambini. Neonati e bambini che non vivono con due genitori biologici affrontano da 40 a 100 volte una grande possibilità di essere feriti o uccisi all'interno della famiglia come quelli che vivono con entrambi i genitori biologici. Quindi, per quanto terribile vivere con un batterista possa essere per il benessere fisico della madre, l'alternativa (lasciarlo e vivere con un altro uomo che non è il padre genetico dei suoi figli) potrebbe persino essere peggiore per il benessere fisico e riproduttivo di i suoi figli (e quindi i suoi geni). Non è quindi del tutto irragionevole affermare che le donne potrebbero essere state selezionate per tollerare un certo livello di violenza non letale nei loro compagni al fine di proteggere i suoi figli e produrre figli intrasessualmente competitivi (se anche picchiatori di moglie).

Non sto enfaticamente suggerendo che le donne abbiano la preferenza di accoppiarsi con violenti molestatori invece di milionari gentili, gentili e intraprendenti. Data la scelta, qualsiasi donna sana di mente preferirebbe quest'ultima alla prima. Tuttavia, il processo di accoppiamento è tutt'altro che casuale o non ristretto; nessuna donna (o uomo) ha un'intera gamma di potenziali compagni tra cui scegliere. A causa della natura altamente socialmente strutturata e vincolata di incontrare persone, che si traduce in un accoppiamento assortito (non casuale), la scelta che alcune donne sfortunatamente affrontano è spesso tra disoccupati, ignoranti, non intelligenti, immotivati, alcolizzati che sono violenti e disoccupati, non istruiti , non intelligenti, immotivati, uomini alcolizzati che non lo sono. Il mio suggerimento è semplicemente che, in alcune circostanze, le donne potrebbero essere state selezionate per preferire il primo al secondo. Alcuni perdenti (oggi) potrebbero essere migliori di altri, specialmente nel contesto dell'ambiente ancestrale. Ci sono anche alcune prove da esperimenti sul campo di quattro città americane che impiegano uomini sono più propensi a colpire le loro mogli rispetto ai disoccupati.

La differenza nel numero medio di figli tra mogli abusate e non abusate (da circa un undicesimo a un ottavo di un figlio) è certamente molto piccola. Tuttavia, i modelli biologici evolutivi mostrano che anche un vantaggio dell'1% nel successo riproduttivo è sufficiente per far sì che il tratto si diffonda nella popolazione in un periodo di tempo relativamente breve. Quindi, anche un piccolo vantaggio di avere una frazione di un figlio che trasporta i geni violenti di suo padre e che supera i suoi rivali maschili nella competizione intrasessuale per status e compagni potrebbe essere sufficiente per la tendenza delle donne a stare con i loro mariti abusivi ad evolversi.

La tendenza per le donne maltrattate ad avere più figli di altre donne può potenzialmente spiegare il fenomeno altrimenti sconcertante del perché alcune donne maltrattate rimangono nelle loro relazioni abusive. Questa spiegazione, se almeno parzialmente vera, sottolinea il potere della psicologia evolutiva e la sua visione gene-centrica della vita. A volte gli organismi sacrificano il loro benessere e la loro vita per aumentare il loro successo riproduttivo.

Solutions Collecting From Web of "Perché alcune donne maltrattate rimangono?"