Perché Alan Alda gioca con la scienza?

"Personalmente ritengo che la formazione nelle arti prepara un bambino in crescita altrettanto bene per una carriera scientifica o tecnica come si allena nelle materie STEM, se non meglio, perché le arti addestrano una persona alla disciplina, all'azione indipendente, al pensiero e nella necessità di attenzione ai dettagli senza diventare prigioniero di quel dettaglio. Non penso assolutamente che ci sia bisogno di un precedente corso di matematica, c'è solo bisogno di allenare la mente in modo che diventi fertile per l'apprendimento futuro. "

Così dice Thomas Südhof, vincitore del premio Nobel per la medicina (in un'intervista che appare su Slipped Disc, un sito di commentatore culturale, romanziere e autore o numerosi libri sulla musica di Norman Lebrecht.) Sia lui che Südhof sembrano davvero dei ragazzi interessanti.)

Südhof non è l'unico scienziato o educatore interessato al modo migliore per interessare i giovani, in particolare le ragazze e le minoranze sottorappresentate, nelle carriere STEM (scienze, tecnologia, ingegneria, matematica). Né è il solo a riconoscere come la continua "giocosità culturale" aiuti nella creatività scientifica e nel lavoro di squadra.

C'è anche Alan Alda. L'attore, comico e appassionato di scienze è anche un appassionato di improvvisazione. Attraverso il Centro Alan Alda di Communicating Science presso la Stony Brook Univeristy di New York, gli studenti laureati della scuola seguono un corso di Improvvisazione per scienziati e altri studenti e docenti ricevono l'opportunità attraverso i seminari del Centro a conferenze e istituzioni scientifiche.

Alda è stata menzionata in un recente articolo su Nature , Communication: Spontaneous Scientists . Impariamo come ha messo insieme due amori della sua vita: "Dopo aver ospitato uno spettacolo chiamato Scientific American Frontiers dal 1993 al 2005, Alda sapeva di voler continuare a lavorare nella comunicazione scientifica. Ricordò come i suoi primi allenamenti in teatro improvvisato avessero potenziato le sue capacità comunicative e pensò che potesse essere prezioso per gli scienziati. Nel gennaio 2008, ha testato l'idea con un gruppo di studenti di ingegneria dell'Università della California meridionale a Los Angeles chiedendo loro di spiegare la loro ricerca prima e dopo aver giocato a giochi di improvvisazione. "La differenza è stata sorprendente", ricorda. "Questo lo ha convinto che vale la pena perseguire l'approccio."

Poi c'è John Maeda, ex presidente della Rhode Island School of Design, che ha lanciato lo STEM su STEAM Initiative e che porta il messaggio "Change STEM to STEAM" a organismi nazionali e internazionali come il Congresso degli Stati Uniti e il mondo Forum economico.

Ultimo ma non meno importante, c'è Elmo. Giusto. STEAM è arrivato a Sesame Street . Annunciando questo, la dott.ssa Rosemarie Truglio (SVP di Educazione e ricerca presso Sesame Workshop) ha osservato: "Poiché gli argomenti STEM continuano ad essere un'area critica dell'istruzione precoce di un bambino in età prescolare, è importante consentire ai bambini di esplorare questi concetti attraverso vari canali, specialmente le arti. Incorporare le arti nel nostro curriculum STEM è stata un'aggiunta eccitante e naturale, poiché Sesame Street ha sempre usato la musica, le arti visive e le arti performative come strumenti per educare e intrattenere i bambini ".

Sforzi come questi sono importanti riforme a se stanti e se rendono la vita di apprendimento e lavorativa di bambini e adulti più giocosi, stimolanti e motivanti, ne varrà la pena. Ma li vedo anche come opportunità per creare conversazioni necessarie sul forte pregiudizio istituzionale e mediatico che glorifica la scienza e denigra le arti, che i valori "funzionano" e svalutano "giocano" e, nel processo, soffocano la creatività umana.

Solutions Collecting From Web of "Perché Alan Alda gioca con la scienza?"