Perché aiutare i vecchi genitori è così difficile?

Mentre invecchiamo, i nostri genitori o altri parenti più anziani, se siamo fortunati ad averli ancora, potrebbero raggiungere il punto in cui hanno bisogno di un piccolo aiuto da parte dei loro amici (o membri della famiglia).

Nel post del blog delle ultime settimane, ho scritto su alcuni dei motivi per cui gli adulti più anziani potrebbero aver bisogno di aiuto e su come iniziare a ricevere informazioni e connettersi con i servizi disponibili. Ma le basi in quel precedente post del blog sono solo una parte della storia. Ci sono molte emozioni e incertezze coinvolte nel processo di aiutare i nostri parenti più anziani … emozioni e incertezze per noi e per loro.

Da parte nostra, molti di noi portano un considerevole bagaglio emotivo nelle relazioni che intratteniamo con i membri più anziani della famiglia, e potrebbe non essere facile cercare di diventare consigliere per i propri anziani. Per i principianti, può sembrare irrispettoso o imbarazzante iniziare la conversazione sulla nostra percezione dei loro problemi. Sono le generazioni più anziane e non siamo gli esperti nelle loro vite. Potremmo avere paura di offendere o ferire i sentimenti della persona anziana.

In realtà, questo può essere un atteggiamento salutare da avere. A meno che non ci sia un'emergenza, è una buona idea non affrettarsi e aspettarsi che i genitori più anziani facciano tutto ciò che pensiamo abbia bisogno di fare. Hanno fatto del loro meglio per far fronte fin dall'inizio, possono avere opinioni forti e potrebbe aver bisogno di tempo per considerare le nostre idee o offerte.

Un'altra sfida è l'inerzia naturale in tutte le fasi della nostra vita. Il cambiamento richiede tempo ed energia ed è la natura umana per cercare di mantenere lo status quo. E l'inerzia è spesso più forte quando il cambiamento significa dover riconoscere un declino in se stessi o in una persona amata. Quindi, di fronte al declino del genitore, comportarsi come se le cose fossero "normali" è, beh … una risposta normale.

Ho trovato questo in uno studio che ho fatto con coniugi e figli di persone con malattia di Alzheimer allo stadio iniziale. Molti di loro esitavano a fare cambiamenti come portare degli aiutanti o mettere i propri parenti in un programma giornaliero perché volevano mantenere le stesse cose, agire come se tutto fosse normale, anche quando lo sforzo diventava sempre più stressante (Adams, 2006) .

Altre emozioni possono a volte prendere delle buone decisioni quando l'invecchiamento dei membri della famiglia potrebbe aver bisogno di aiuto. Uno è il nostro dolore nel vedere la nostra amata svanire, e, strettamente legata a ciò, le nostre paure dell'invecchiamento e della morte. Non è piacevole affrontare la vulnerabilità e la mortalità dei nostri genitori, poiché siamo più consapevoli dei nostri.

Un'altra situazione sorge quando il nostro rapporto con i nostri genitori o altri parenti stretti potrebbe non essere stato così roseo durante la nostra vita, o quando possono essere "difficili". Potremmo avere paura di confrontarci con i nostri genitori a causa del loro passato malumore, pungente o tendenza criticare o contraddire. Questo tipo di storia rende doppiamente difficile avvicinarsi a un genitore in età avanzata e iniziare a discutere questioni relative ai bisogni di assistenza.

I fortunati tra di noi avranno situazioni chiare, si sentiranno sicuri nelle nostre decisioni e avranno familiari più anziani che sono in grado di partecipare razionalmente alla pianificazione della propria cura e adattarsi alle nuove realtà con grazia. Saranno collaborativi, collaborativi e per lo più allegri, non perderemo mai i nostri temperamenti e alla fine tutti diranno "Grazie!".

Ma ovviamente, molti di noi a metà della vita non si sentono particolarmente sicuri della nostra conoscenza della geriatria o delle nostre capacità comunicative su argomenti difficili. E molti anziani non si adattano perfettamente all'invecchiamento o alle disabilità, né si adattano perfettamente o completamente. Quindi il resto di noi potrebbe aver bisogno di contare su altri membri della famiglia per il supporto e per consultarsi con i professionisti. Dovremo iniziare la conversazione lentamente, confrontarci con delicatezza alle paure e alla negazione dei nostri cari e riflettere attentamente sulle nostre motivazioni.

Aiuta a fare un passo indietro e considerare i propri genitori o altri parenti più anziani con occhi chiari come qualcuno che lotta per mantenere l'indipendenza. Questa è la linea di fondo. Gli anziani di solito non vogliono diventare dipendenti dagli altri, non vogliono diventare un peso e non vogliono rinunciare alle loro piccole libertà quotidiane.

La tarda vita comporta una tensione abbastanza costante tra indipendenza e dipendenza. Alcune persone hanno un tempo più difficile con questi problemi, in modo che quando sono più anziani possono avere timori particolarmente forti di altri controllando le loro attività o "assumendo" le loro finanze. E molte persone anziane hanno timori comprensibili di andare in una casa di cura o in un'altra struttura per anziani, per tutti i tipi di ragioni, ma una delle maggiori è la paura di rinunciare all'indipendenza nella forma del proprio programma e dei propri possedimenti.

È importante per la generazione di mezza età affrontare alcuni di questi timori e preoccupazioni direttamente con i nostri familiari più anziani. Ci sono molti servizi a domicilio disponibili e modi per modificare le case con sbarre da bagno, seggiovie e simili, così che spesso è possibile rimanere a lungo in casa.

Quando l'invecchiamento sul posto non sembra essere un'opzione, le strutture di vita assistita e persino le case di cura sono meno "mediche" di quanto non fossero in passato. Potrebbero non essere così male come immaginato. Quando sono veramente necessari, spesso per una combinazione di ragioni (disabilità cognitive, menomazioni fisiche e costi elevati dell'assistenza domiciliare), il passaggio a un ambiente strutturato con le persone intorno può essere un sollievo, anche per l'adulto più grande che inizialmente è angosciato a proposito.

Un'altra tensione negli ultimi anni per gli adulti più anziani e per i loro familiari è vista dagli assistenti sociali più e più volte: l'indipendenza contro la sicurezza. Noi adulti vogliamo che i nostri genitori più anziani siano al sicuro e per essere sicuri che tutto vada bene per loro. Sfortunatamente, non esiste una sicurezza al 100% e deve essere bilanciato con le priorità e le preferenze della persona anziana.

Se un genitore più anziano con una condizione come il morbo di Alzheimer o la demenza vascolare sta diventando molto smemorato e confuso, o se la malattia mentale sta rendendo tale persona "negligente" in misura seria, allora sarà necessario ad un certo punto prendere in carico e assicurare che lui o lei ottiene la supervisione e la cura necessaria.

Tuttavia, fintanto che sono in grado di prendere le proprie decisioni ragionevoli, i nostri genitori anziani hanno il diritto di vivere come desiderano. In tal caso, potrebbe essere meglio offrire aiuto, più di una volta, parlare con loro degli obiettivi incrementali e realistici per contribuire a rendere le cose più sicure e più facili per loro, e cercare servizi che sembrino reciprocamente accettabili.

Adams, KB (2006). La transizione al caregiving: esperienze di membri della famiglia che intraprendono la carriera di caregiving in demenza. Journal of Gerontological Social Work, 47 (3/4), 3-29.

Solutions Collecting From Web of "Perché aiutare i vecchi genitori è così difficile?"