Perché abbiamo paura

CraigBurrows/Shutterstock
Fonte: CraigBurrows / Shutterstock

Molti animali sono geneticamente programmati per temere i loro predatori. I topi temono naturalmente i gatti; i pesci temono naturalmente gli uccelli. Queste paure non devono essere apprese, sono innate – il prodotto di forze selettive naturali che premiano tali paure nel passato evolutivo.

Anche gli esseri umani sono naturalmente disposti a temere certi animali pericolosi?

È certamente vero che temiamo alcune cose più degli altri – serpenti, ragni, topi – ma questo potrebbe essere il risultato del condizionamento più che della programmazione. Forse impariamo a temere serpenti e ragni perché ci mordono e temiamo i topi perché ci viene insegnato che diffondono la malattia.

O forse no. Gli scienziati che studiano il condizionamento della paura hanno notato che è più facile addestrare gli umani a temere serpenti e ragni che cose come cani amichevoli e cuscini soffici. Questo è particolarmente vero per i bambini – anzi, alcuni bambini molto piccoli hanno paura di questi animali prima di incontrarli o sentirne parlare.

Sembra esserci una precondizionata tendenza umana a temere serpenti e ragni. Ciò ha senso perché durante l'evoluzione umana, questi animali hanno causato innumerevoli morti; avere un innato istinto di evitamento creerebbe un netto vantaggio di sopravvivenza, specialmente per i bambini piccoli.

Binit Shrestha/Flickr
Fonte: Binit Shrestha / Flickr

Questi studi hanno rivelato che gli umani sono predisposti a temere serpenti e ragni, sebbene non ci sia una paura universale e ben programmata per loro.

Un sacco di persone amano in realtà serpenti e ragni e li tengono come animali domestici o studiano come parte della loro carriera. Per queste persone, in assenza di un evento condizionante, la predisposizione a temere questi animali non è mai stata attivata.

Se gli esseri umani sono davvero predisposti a temere serpenti e ragni, potremmo aspettarci di vederlo anche in alcuni dei nostri parenti stretti. Dopo tutto, il pericolo letale posto da queste creature non è in alcun modo limitato agli esseri umani. Ovviamente, non ci aspetteremmo di trovarlo negli animali che si sono evoluti per cacciare serpenti o ragni, perché avrebbero necessariamente perso qualsiasi avversione del genere. Ma studi dimostrano che praticamente tutte le specie di scimmie mostrano una paura dei serpenti in natura, mentre la maggior parte delle scimmie in cattività non lo fanno. Tuttavia, questo non affronta il problema della predisposizione. La maggior parte degli umani non nasce spaventata dai serpenti, ma è molto più probabile che diventi spaventata da loro rispetto a molti altri tipi di animali. La domanda è: gli altri primati mostrano una predisposizione verso i serpenti temuti o i ragni?

Per rispondere a questo, Susan Mineka e Michael Cook della Northwestern University hanno condotto una serie di esperimenti intelligenti con scimmie rhesus che hanno rivelato che la connessione tra predisposizione ed esposizione è ancora più complessa di quanto si pensasse in precedenza. In questo esperimento, i ricercatori hanno cercato di addestrare scimmie naive a temere i serpenti facendoli vedere video di altre scimmie che si comportano in modo pauroso verso serpenti o coccodrilli.

Il risultato: le scimmie in realtà "catturarono" la paura dei serpenti e dei coccodrilli. Nessuna scimmia è stata effettivamente danneggiata e non è avvenuto il condizionamento della paura con suoni forti, shock o dolore. Le scimmie osservatrici hanno semplicemente guardato i suoni e il linguaggio del corpo delle scimmie nei video e hanno dedotto che avevano paura dei serpenti e dei coccodrilli. Questo dimostra che, nelle scimmie, la paura del pericolo può essere appresa dagli altri, non solo attraverso l'esperienza diretta.

L'esperimento fece un ulteriore passo avanti: il condizionamento indiretto della paura non fu efficace quando i ricercatori tentarono di addestrare le scimmie a temere i fiori. In questa configurazione, i ricercatori hanno dovuto utilizzare splicing e editing creativi per creare video convincenti di scimmie rhesus che si comportavano come se avessero paura di alcuni fiori artificiali. Tuttavia, quando altre scimmie hanno guardato questo video, non hanno acquisito alcuna paura condizionata di fiori veri o artificiali.

È possibile che la risposta alla paura delle scimmie non sia stata semplicemente ingannata nel temere cose che non erano dannose. Ma non penso che sia così; come avrebbero saputo che i fiori non erano dannosi? Queste erano scimmie di laboratorio. Non avevano alcuna precedente esposizione a serpenti o fiori. Invece, penso che questo affascinante esperimento mostri che esiste una predisposizione preprogrammata alla paura di serpenti e coccodrilli nelle scimmie.

Si scopre che la maggior parte dei primati temono i serpenti tanto quanto la maggior parte degli umani – e per una buona ragione. Durante la lunga storia evolutiva dei primati, i serpenti sono stati costantemente tra i loro predatori più letali. Ora possiamo affermare con una certa sicurezza che la tendenza umana a temere i serpenti era quasi certamente ereditata dai nostri antenati primati.

L'antropologa Lynne Isbell ha fatto la controversa affermazione secondo cui il rilevamento e l'evitamento dei serpenti hanno avuto un impatto sostanziale sull'evoluzione della visione, della paura e dell'intelligenza dei primati. La sua tesi sostiene che, nei primati, compresi gli umani, una delle principali forze evolutive nell'affinamento delle nostre capacità visive era il nostro costante bisogno di individuare e identificare i serpenti. Poi abbiamo sviluppato la paura e l'evitamento di quei serpenti. Infine, la selezione naturale favoriva i primati che erano in grado di ricordare dove si trovavano i serpenti, capire come cacciavano, imparare a evitarli e così via.

In altre parole, secondo Isbell, una delle forze più forti che guidano il rapido sviluppo dell'intelligenza dei primati è stata quella di evitare e far incantare i serpenti.

Potrei non andare così lontano, ma sembra innegabile che la paura dei serpenti non sia tanto una fobia quanto una paura antica, naturale e giustificata di un predatore letale.

Sono d'accordo con Indiana Jones su questo: Man, odio i serpenti.

Solutions Collecting From Web of "Perché abbiamo paura"