Perché abbiamo evoluto la capacità di ragionare? Litigare!

In un affascinante nuovo articolo sulla rivista Behavioral and Brain Sciences intitolato "Why Do Humans Reason? Argomenti di una teoria argomentativa, "Hugo Mercier e Dan Sperber offrono l'ipotesi che le capacità di ragionamento degli esseri umani si siano evolute per consentire loro di elaborare e valutare meglio gli argomenti e quindi migliorare la comunicazione (e la sopravvivenza).

In genere, assumiamo che il vantaggio derivante dal ragionamento sia la capacità di prendere decisioni migliori. E se un migliore processo decisionale accresce le nostre possibilità di sopravvivenza, allora il processo di selezione naturale favorirebbe quelli con le migliori facoltà di ragionamento. Tuttavia, la capacità della ragione di generare decisioni migliori è stata recentemente oggetto di pesanti critiche, a causa della scoperta di pregiudizi e disfunzioni cognitive diffuse, sistematiche e prevedibili, come il ben noto pregiudizio di conferma (mediante il quale nuove informazioni confermano le nostre convinzioni è sottovalutato, e le informazioni contrarie a loro sono respinte).

Perché, allora, ci siamo evoluti come creature che ragionano, se la nostra ragione non ci aiuta a prendere decisioni migliori? Mercier e Sperber sostengono che la ragione umana non si è evoluta perché ci consente di prendere decisioni migliori, ma perché ci consente di formulare argomentazioni migliori e di valutare gli argomenti degli altri. Come si dice nella conclusione del documento:

Il ragionamento contribuisce all'efficacia e all'affidabilità delle comunicazioni consentendo ai comunicatori di argomentare sulle loro affermazioni e consentendo ai destinatari di valutare questi argomenti. Aumenta così sia in quantità che in qualità epistemica l'informazione che gli esseri umani possono condividere. (pp. 71-72)

Concentrandosi sul valore della comunicazione per la sopravvivenza e l'evoluzione umana, Mercier e Sperber sostengono che, affinché la comunicazione sia affidabile, ci deve essere un modo per le persone di trasmettere la verità su ciò che dicono, e anche per giudicare la verità di ciò altri dicono loro ("vigilanza epistemica"). Certamente, un meccanismo che si è evoluto per consentirci di farlo è il "tell", sottili segnali corporei che rivelano che uno sta mentendo. Ma giudicare la comunicazione degli altri non è necessariamente così semplice come distinguere tra verità e menzogne; a volte più persone condividono le loro opinioni e l'ascoltatore deve decidere quale (se esiste) credere. E come fa l'ascoltatore a farlo? Idealmente, valutando gli argomenti che fanno a sostegno delle loro posizioni – e questo, secondo Mercier e Sperber, è il motivo per cui abbiamo sviluppato la capacità di ragionare.

Questo è anche il motivo per cui, sostengono, il nostro ragionamento non sembra produrre buone decisioni, perché non è quello che è stato scelto per fare! Se la ragione è stata sviluppata per permetterci di formulare argomentazioni migliori, per sostenere le nostre posizioni e difendere le nostre azioni, allora dovremmo essere in grado di evidenziare aspetti particolari che servono a questo scopo meglio dello scopo del buon processo decisionale. E Mercier e Sperber dedicano gran parte del lavoro a questo: ad esempio, il preconcetto di conferma non aiuta a prendere buone decisioni, certamente, ma aiuta una persona a formulare buoni argomenti permettendogli di filtrare informazioni e concentrarsi su informazioni controproducenti solo sui fatti (e altri argomenti) che sosterranno il suo caso. Quindi, piuttosto che essere un difetto quando viene giudicato in contrasto con lo standard del buon processo decisionale, il pregiudizio di conferma può essere un tratto evolutivamente selezionato che promuove una migliore argomentazione, comunicazione e quindi sopravvivenza.

Pensando in modo più strategico, la ragione ci permette anche di anticipare il disaccordo con le nostre convinzioni, opinioni e azioni, che possono portarci a creare contrasti su potenziali disaccordi, impegnarci in ciò che gli studiosi chiamano "ragionamento motivato". Nei casi di ragionamento motivato, la motivazione è preso, non per essere vero, che sembra più nobile e in linea con la comprensione tradizionale dello scopo della ragione, ma piuttosto per essere successo, vale a dire in qualunque cosa tu stia discutendo.

Il culmine dell'evoluzione umana?

Questo sembra descrivere il comportamento dei partecipanti in un dibattito strutturato nelle scuole, o avvocati in un'aula di tribunale, in cui l'obiettivo è vincere la discussione o il caso. Vorremmo pensare, naturalmente, che la "vittoria" in entrambi i casi sia correlata con la ricerca della verità, ma è più probabile che caratterizzi l'esito del dibattito o del percorso nel suo complesso, piuttosto che l'intenzione o il comportamento di un particolare festa. Un concorrente di dibattito sta cercando di vincere la discussione, e un avvocato in un processo sta cercando di vincere la causa per il suo cliente (o lo stato se lui o lei è un pubblico ministero). Anziché lamentarci del loro ragionamento motivato, contiamo su di esso per indurre i debuttanti e gli avvocati a fare le migliori argomentazioni possibili, che poi contribuiscono all'obiettivo generale del processo: la verità. Proprio come lo sport, in cui vogliamo che tutti i giocatori siano spinti a vincere in modo che gli spettatori possano godere di un buon gioco o di una partita, i sistemi contraddittori come dibattiti e prove dipendono dai partecipanti per essere orientati agli obiettivi, per essere motivati ​​vincendo, al fine di ottenere le migliori prestazioni (argomenti) da loro. Solo allora otterremo il miglior risultato dal processo complessivo: una risoluzione a un argomento o una disputa che incorpori tutti i fatti e gli argomenti disponibili che tutte le parti potrebbero fornire, fornendo quindi la migliore approssimazione possibile della verità.

Certo, la noia di discussione in questo giorno è argomento politico, in cui i vertici della politica e dei media sembrano parlare al meglio e si abbaiano nel peggiore dei casi. Ma è tutto così male? Solo se le persone ascoltano questo "dibattito" e pensano che tutti i partecipanti stanno cercando di trasmettere la verità oggettiva dalla bontà dei loro cuori, piuttosto che perseguire un obiettivo. Ma se teniamo conto di quale sia il loro vero obiettivo – vincere un argomento, promuovere un candidato o una piattaforma, influenzare l'opinione o assassinare il personaggio – e prendiamo ciò che dicono in quel contesto, può comunque fornirci molte informazioni utili ( e teatro!).

Se vogliamo veramente migliorare la qualità del dibattito politico, dovremmo concentrarci sul miglioramento della struttura del dibattito politico, non sugli incentivi dei partecipanti. Se li costringiamo a formulare validi argomenti, potremmo in realtà ricavarne buoni argomenti e, se Mercier e Sperber hanno ragione, potrebbero adempiere al loro destino evolutivo!

Se sei interessato, vedi il sito web di Mercier dedicato alle idee esplorate nel suo articolo e in quello di Sperber, con altri lavori fondamentali e background.

Puoi seguirmi su Twitter e anche sui seguenti blog: Economia ed Etica, Professore di fumetti e Tavolo della letteratura.

Solutions Collecting From Web of "Perché abbiamo evoluto la capacità di ragionare? Litigare!"