Perché abbiamo bisogno di salvare l'educazione artistica liberale per la prosperità

La recente crisi economica, la debacle di Wall Street e la serie di scandali etici e morali che hanno coinvolto numerosi importanti leader aziendali hanno portato alcuni osservatori a mettere in discussione il valore e l'attenzione di programmi di educazione pragmatica orientati alla vocazione, come l'istruzione aziendale e, in particolare, l'MBA. L'importanza di un'educazione liberale sta nuovamente guadagnando una certa attenzione.

Nel mio articolo per il Vancouver Board of Trade, pubblicazione, Sounding Board , ho detto che pochi programmi MBA o programmi di formazione esecutiva affrontano adeguatamente il nodo cruciale dei leader in via di sviluppo. Per la maggior parte questi programmi sono di natura teorica e utilizzano gli strumenti tradizionali di studi concettuali di apprendimento, conferenze, film e discussioni, basandosi sul contrasto tra ciò che fanno i manager e ciò che fanno i leader. Il problema con molti programmi di leadership nelle business school è che insegnano idee, non comportamenti della vita reale, e i professori delle scuole di business sono scelti in virtù della loro capacità di pubblicare ricerche dettagliate, piuttosto che avere esperienza di leadership da soli.

Un articolo del New York Times intitolato "È tempo di riorganizzare le B-Schools? "Dice" I critici della formazione aziendale hanno molte lamentele. Alcuni dicono che le scuole sono diventate troppo scientifiche, troppo distaccate dalle questioni del mondo reale. Altri dicono che agli studenti viene insegnato a trovare soluzioni affrettate a problemi complicati. Un altro gruppo sostiene che le scuole danno agli studenti una visione limitata e distorta del loro ruolo – che si diplomano concentrandosi sul massimizzare il valore per gli azionisti e solo su una comprensione limitata di considerazioni etiche e sociali essenziali per la leadership aziendale. Tali carenze potrebbero aver lasciato i diplomati delle scuole commerciali inadeguatamente preparati a prendere le decisioni che, nel loro insieme, avrebbero potuto aiutare a mitigare la crisi finanziaria, dicono i critici ".

In un articolo del London Times, intitolato Masters of the Apocalypse di Harvard, Philip Broughton, laureato alla Harvard Business School e autore di What They Teach You At Harvard, afferma: "Puoi stilare un elenco dei più grandi imprenditori della storia recente, da Larry Page e Sergey Brin di Google e Bill Gates di Microsoft, a Michael Dell, Richard Branson, Lak-shmi Mittal – e non c'è un MBA tra di loro. Eppure l'industria MBA continua a crescere e le business school forniscono reddito vitale alle istituzioni accademiche: 500.000 persone in tutto il mondo si laureano ogni anno con un MBA, 150.000 di quelli negli Stati Uniti, creando una propria classe di gestione all'interno del business globale. Dalla Royal Bank of Scotland a Merrill Lynch, da HBOS a Lehman Brothers, i Masters of Disaster hanno le loro impronte digitali su ogni recente fiasco finanziario. "

Henry Mintzberg, professore di studi di management alla McGill University di Montreal, sostiene anche che gli studenti trascorrono così tanto tempo a sviluppare risposte rapide a versioni pacchettizzate di problemi aziendali, non imparano abbastanza sulle esperienze del mondo reale. Rakesh Khurana, professore alla Harvard Business School e autrice di From Higher Aims Hired Hands , un'analisi storica sull'educazione aziendale, dimostra che negli anni '70 l'idea prese il fatto che il prezzo delle azioni di un'azienda era il principale barometro del successo, cambiato il concetto di corretta gestione delle scuole. Invece di essere considerato un amministratore economico a lungo termine, afferma che i manager sono stati visti principalmente come agenti dei proprietari – gli azionisti – e responsabili della massimizzazione della ricchezza degli azionisti. Prosegue dicendo che "non possiamo contare sulla solita struttura dell'istruzione MBA, che divide il mondo della gestione in funzioni commerciali distinte di marketing, finanza, contabilità e così via".

Warren Bennis e James O'Toole hanno scritto come le scuole di business sono state sulla strada sbagliata per anni, sostenendo tra l'altro che "i programmi MBA affrontano critiche intense per non riuscire a impartire competenze utili, non riuscendo a preparare leader, non riuscendo a instillare norme etiche comportamento."

Per le università, la formazione aziendale è una sorta di mucca da mungere. Le scuole commerciali sono meno costose da gestire rispetto alle scuole di specializzazione con laboratori elaborati e strutture di ricerca, e gli alunni tendono ad essere generosi con le donazioni. Anche la formazione aziendale è un grande business. Eppure, ci sono stati segnali che non tutto va bene nell'educazione aziendale. Uno studio sugli imbrogli tra gli studenti laureati, pubblicato nel 2006 nella rivista Academy of Management Learning & Education, ha rilevato che il 56% di tutti gli studenti MBA ha barato regolarmente, più che in qualsiasi altra disciplina. Gli autori hanno attribuito questo al "comportamento dei pari percepiti" – in altre parole, gli studenti credevano che tutti gli altri lo stessero facendo.

Alcuni datori di lavoro stanno anche mettendo in discussione il valore di un titolo MBA. Un progetto di ricerca che due professori di Harvard hanno pubblicato nel 2008 ha rilevato che i datori di lavoro stimavano la capacità dei laureati di pensare a problemi aziendali complessi, ma mancava ancora qualcosa. "C'è bisogno di ampliare il focus analitico dei programmi MBA per dare maggiore enfasi alle competenze e al senso di scopo e identità", ha affermato David A. Garvin, professore di economia aziendale e uno degli autori del progetto. Infatti, gli studenti stessi possono accogliere un'enfasi sulle abilità dei personaggi. Nei sondaggi condotti regolarmente dall'istituto Aspen, i candidati MBA affermano di essere meno fiduciosi durante il loro periodo scolastico di business che saranno in grado di risolvere i dilemmi etici sul posto di lavoro.

La soluzione al problema dei programmi scolastici di business nella preparazione di dirigenti e manager potrebbe essere il ritorno al concetto di educazione liberale.

Il termine "educazione liberale" fu usato per la prima volta in epoca greca e romana classica, scelto per sottolineare il fatto che aiutava le persone ad affrontare i loro governanti in modo critico. Nel tempo, si pensava che un'educazione liberale aiutasse una persona a diventare saggia.

Un'educazione ampia, idealistica e liberatoria prepara anche una persona ad essere utile per un'azienda? Molti leader aziendali sostengono che lo faccia. Il posto di lavoro è cambiato. I lavoratori non rimangono più in una compagnia che fa lo stesso lavoro fino al pensionamento e la maggior parte dei giovani lavoratori della Generazione Y non sono reticenti a mettere in dubbio l'autorità.

Tuttavia, i programmi di educazione delle arti liberali sono sotto pressione nell'istruzione superiore, in un'atmosfera di crescente anti-intellettualismo, dove opinioni disinformate basate su piccoli fatti e ancor meno studi sulla nostra storia e cultura sono quotidianamente lanciate da leader politici e imprenditoriali .

In un articolo di Joseph Epstein, "Who Killed the Liberal Arts", sostiene che la divisione tra l'istruzione professionale e quella delle arti liberali, iniziata nel XIX secolo con l'avvento delle università statali che concedono terreni negli Stati Uniti, sono oggi inclinazione sempre più in favore del vocazionale. Anche all'interno delle arti liberali, sempre più studenti fuggono dai tradizionali corsi di arti liberali come l'inglese o la storia per le materie commercializzabili come l'economia, nella speranza che questo porti loro le credenziali pratiche che potrebbero impressionare i futuri datori di lavoro.

Epstein sostiene che le business school, in particolare nella versione MBA, non riguardano affatto l'istruzione, ma il cosiddetto networking e la creazione, per i futuri datori di lavoro, di una credenziale che dimostri che farà di tutto per loro, anche per due anni di reddito e pagare tasse di iscrizione elevate per un MBA per farlo.

La guerra alle arti liberali nasce anche dallo stesso desiderio dell'America di destra che ha prodotto leggi sull'identificazione degli elettori, che è un tentativo di limitare la partecipazione democratica. L'obiettivo di un'educazione alle arti liberali non è mai stato principalmente un beneficio economico diretto per i beneficiari, ma per produrre una cittadinanza istruita.

Le scienze umane e sociali non sono solo elettive, né sono elite o elitarie. Sono necessari e richiedono il nostro sostegno in tempi difficili così come in periodi di prosperità. E il nostro attuale sistema educativo nel Nord America sta perdendo questa prospettiva. Così dice un rapporto della commissione nazionale sulle scienze umane e sociali dell'Accademia americana delle arti e delle scienze. Nel momento stesso in cui Cina, Singapore e alcuni paesi europei stanno cercando di istituire il concetto di una vasta educazione liberale, sempre più gli istituti di istruzione superiore statunitensi e canadesi stanno restringendo la propria attenzione su imprese scientifiche e tecnologiche.

La commissione prosegue affermando "In un'epoca in cui l'ansia economica sta spingendo il pubblico verso uno stretto concetto di educazione incentrato sui profitti a breve termine … c'è un caso convincente per il valore dell'educazione alle arti liberali", per sostenere una democrazia e cittadinanza istruita. Come afferma Charles M. Vest, Presidente della National Academy of Engineering: "Tutte le capacità scientifiche e tecnologiche di cui possiamo concepire non risolveranno i nostri problemi mondiali se non costruiremo e adatteremo un'ampia base di intese umane e culturali".

In un articolo del Wall Street Journal , di Melissa Korn, cita la ricerca dell'American College of American Colleges and Universities (AACU) che sostiene una vasta formazione di arti liberali e mostra che mentre i diplomati delle arti liberali inizialmente riducono gli stipendi a confronto per i laureati aziendali, a lungo termine le differenze sono minime. Un estratto del rapporto dell'AACU afferma che "Il caso per le arti liberali va oltre le ragioni puramente professionali o economiche, sono indispensabili per la vitalità della democrazia e del futuro della comprensione e della comunità globali".

In questi giorni è di moda per molti uomini d'affari laurearsi diplomati alle arti liberali ed esaltare quelli con lauree professionali. Eppure, come Peter Drucker, spesso riconosciuto come il principale esperto mondiale di management e leadership, ha affermato che questa convinzione è fuori luogo. Drucker ha tratto molte delle sue intuizioni dalla letteratura e dalle scienze sociali, non dall'economia e dagli affari. Rick Wartzman, direttore esecutivo del Drucker Institute, sostiene che "il problema è che il vasto mondo delle idee è stato ampiamente separato dal mondo degli affari".

Oggi alcuni imprenditori sono riluttanti ad assumere millennial perché sono preoccupati di quanto siano preparati per il posto di lavoro. Questa è la conclusione del Progetto PreparedU della Bentley University, basato su un sondaggio condotto da 3.000 imprenditori e reclutatori aziendali. Tra tutti gli intervistati, quasi il 60% ha dichiarato che i millennial si classificano come "C" o inferiori in termini di preparazione per il loro primo lavoro. Ciò che è interessante, è che la preparazione non è stata identificata come conoscenza tecnica o abilità come problema, ma piuttosto l'assenza di un più ampio apprendimento e abilità come caratteristiche personali, attitudini, comunicazione, abilità interpersonali e di pensiero creativo.

Norman Augustine, presidente di lunga data e CEO di Lockheed Martin, insiste sul fatto che le carenze delle arti liberali stanno mettendo gli Stati Uniti in uno svantaggio strategico. In uno studio dell'American Management Association del 2010, meno del 50% dei dirigenti intervistati ha dichiarato che i loro dipendenti avevano capacità comunicative e di pensiero innovativo e l'80% ha affermato che le università e le università potrebbero preparare meglio la futura forza lavoro dell'America ponendo maggiore enfasi sulle discipline umanistiche.

Parte delle ragioni del declino delle arti liberali nei college e nelle università e la loro attenzione più rivolta a professioni, tecnologie e scienze è stata una questione economica. L'aumento del costo dell'istruzione post-secondaria ha reso l'educazione artistica liberale fuori dalla portata della maggior parte delle famiglie della classe operaia e della classe media, e questi studenti sono costretti a perseguire educazioni orientate alla vocazione per necessità. In secondo luogo, gli istituti di istruzione superiore hanno parzialmente risolto il problema dei finanziamenti rivolgendosi sempre più alle borse di ricerca e alle dotazioni fornite dalle società, spesso guidate dal proprio interesse.

Il guru della gestione Henry Mintzberg sostiene che le abilità imprenditoriali non possono essere insegnate in classe, dicendo che una laurea in filosofia o storia sarebbe più utile. William Sullivan della Carnegie Foundation per l'avanzamento della didattica e autore del suo libro Preparing for Business, Learning from Life: Liberal Arts e Undergraduate Business Education, sostiene che la separazione tra corsi di business incentrati su studi tecnici ristretti e il più ampio Liberal L'approccio delle arti non serve più agli studenti di business e occorre un programma integrato che si concentri sull'impegno nel mondo reale da un punto di vista pratico, personale e morale. Thomas Friedman, nel suo libro più venduto, The World is Flat, sostiene che, poiché il mondo e le culture sono così interconnesse oggi, i leader aziendali devono acquisire maggiore conoscenza dalle arti liberali. Arie de Geus, CEO di Royal Dutch / Shell, nel suo libro The Living Company, afferma che le sue più grandi intuizioni derivano dal suo studio della filosofia e della psicologia, non dal business.

Il Conference Board of Canada ha creato un profilo di competenze essenziali per neolaureati che rispecchiano un curriculum di arti liberali. In particolare, la capacità di vedere e pensare nei sistemi, fare domande potenti, agire e pensare in modo indipendente, vedere il quadro più ampio e affrontare efficacemente la complessità, l'ambiguità e le contraddizioni sono i tratti distintivi degli studi sulle arti liberali che sono essenziali per i leader aziendali.

Le arti liberali appaiono raramente nel curriculum normale delle principali business school del Nord America, sebbene alcune scuole di business come l'Aspen Institute attingano alla letteratura umanistica. David Garvin, Svikant Divar e Patrick Cullen, autori di Rethinking the MBA: Business Education presso The Crossroads, sostengono che la recessione economica ha chiarito ai leader aziendali di cui hanno bisogno per affinare le loro capacità di pensiero e ottenere prospettive più ampie, qualcosa che molte scuole di business donano fornire. Con poche eccezioni, la maggior parte delle business school si concentrano sull'istruzione in discipline separate come finanza, marketing e strategia, con un'enfasi su metodi e analisi quantificabili.

Lane Wallace, nel suo articolo sul New York Times, afferma che anche prima del recente sconvolgimento finanziario, i dirigenti aziendali, operanti in mercati globali in rapida evoluzione, stavano iniziando a comprendere il valore dei manager che possono pensare più agilmente attraverso molteplici quadri, culture e discipline. Un certo numero di importanti business school, in particolare la Rotman School of Business di Toronto, e la Stanford Business School, hanno ridisegnato i loro programmi MBA integrando le arti liberali e un approccio multidisciplinare.

Le tendenze di assunzione dei dirigenti senior mostrano anche il valore della formazione sulle arti liberali. Un numero significativo di CEO di successo e altri dirigenti senior come Carly Fiorina (Hewlett-Packard), Michael Eisner (Disney), Alan Lafley (Proctor and Gamble), Steve Case (America Online), Meg Whitman (Ebay) e Steve Forbes ( Forbes Inc.), provengono da un'educazione alle arti liberali piuttosto che da una tradizionale scuola di business.

Dobbiamo tornare alla nostra comprensione dell'importanza di un'educazione basata sulle arti liberali di ampio respiro come quella che serve al meglio la nostra società, e in particolare fornisce valore ai nostri dirigenti economici e politici.

Solutions Collecting From Web of "Perché abbiamo bisogno di salvare l'educazione artistica liberale per la prosperità"