Perché abbiamo bisogno di leader silenziosi

È tempo che lo stile tradizionale di leadership estroversa faccia spazio a una leadership silenziosa, il leader introverso?

Visioni popolari e decenni di ricerca accademica sulla leadership ci dicono che gli extraverti sono i migliori leader – quelli che parlano con fiducia e aggressività, danno ordini, fanno progetti coraggiosi e sono al centro dell'attenzione. Le persone che sono generalmente le persone più dominanti e estroverse. I nomi che vengono in mente sono quelli di Oracle Larry Ellison o Virgin Group di Richard Branson.

Questi leader estroversi sono favoriti nelle decisioni di assunzione e promozione e sono spesso percepiti dai supervisori e dai subordinati come i leader più efficaci. Eppure questa visione potrebbe non essere accurata, secondo una recente ricerca. Il posto di lavoro può ora essere più favorevole a uno stile di leadership introverso.

Secondo una recente ricerca di Francesca Gino dell'Università di Harvard e David Hoffman dell'Università del North Carolina, pubblicata nell'Academy of Management Journal, esiste una correlazione significativa tra i tipi di stile di leadership necessari e le personalità e il comportamento dei dipendenti.

Gli autori sostengono che la leadership estroversa domina il centro dell'attenzione: essere assertiva, audace, loquace e dominante, fornendo e chiara autorità, struttura e direzione. Tuttavia, l'abbinamento di leader estroversi con dipendenti che prendono l'iniziativa, sono più indipendenti e parlano apertamente e possono portare a conflitti, mentre l'abbinamento dello stesso tipo di impiegati con un leader introverso può avere più successo. I ricercatori hanno scoperto nel loro studio che quando i dipendenti sono più proattivi, i manager introversi li portano a profitti più alti, mentre laddove i dipendenti non sono proattivi, i manager estroversi hanno più successo. Hanno concluso che gli stili di leadership introversa e estroversa possono essere ugualmente efficaci, ma con diversi tipi di dipendenti.

Nonostante le prove della ricerca, il punto di vista popolare persiste sul fatto che gli estroversi siano i migliori leader a causa dell'effetto "alone", lo stereotipo del leader carismatico nella cultura occidentale, soprattutto prevalente negli affari. I ricercatori hanno riferito che mentre solo il 50% della popolazione generale è estroverso, il 96% dei presepi e dei dirigenti mostra personalità estroverse. E più in alto vai in una gerarchia aziendale, più è probabile che tu trovi individui altamente estroversi.

Frances B. Kahnweiler, autrice di The Introverted Leader: Building on Your Quiet Strength , descrive gli introversi come non come le persone timide, che sono spesso paurose, ansiose ed egocentriche. Piuttosto, l'introversione è un orientamento hardwired, dice Kahnweiler, in cui gli introversi elaborano le informazioni internamente, mantengono le questioni private ed evitano di mostrare emozioni ed esibire nature tranquille. Descrive 5 caratteristiche chiave dei leader introversi:

  1. Pensano prima e parlano dopo. Considerano ciò che gli altri hanno da dire, quindi riflettono e poi rispondono;
  2. Si concentrano sulla profondità e non sulla superficialità. A loro piace scavare a fondo in questioni e idee prima di considerarne di nuove; come conversazioni significative piuttosto che superficiali.
  3. Trasudano calma. In tempi di crisi in particolare, proiettano una rassicurante, incrollabile fiducia.
  4. Preferiscono scrivere a parlare. Sono più a loro agio con la parola scritta, che li aiuta a formulare la parola.
  5. Abbracciano la solitudine. Sono stimolati dal trascorrere del tempo da soli e spesso soffrono per l'esaurimento delle persone. Hanno bisogno di un ritiro, dal quale emergono con rinnovata energia e chiarezza.

Cosa dovremmo concludere da questi recenti studi?

In primo luogo, la nostra società e in particolare il mondo degli affari è stata danneggiata da leader eccessivamente carismatici ed egoisti, quindi dobbiamo prendere una visione più cauta ed equilibrata dell'appello dei leader estromessi.

In secondo luogo, dobbiamo riconoscere che, sempre più spesso, il luogo di lavoro è popolato da lavoratori intelligenti e con conoscenza, in strutture di lavoro popolate da squadre autogestite e lavoratori indipendenti, in particolare quelli della generazione Y. Molti di questi ultimi lavoratori non si considerano passivi i dipendenti in attesa di ordini e non vogliono essere controllati da un leader estroverso. Si sentono più a loro agio e rispondono meglio a uno stile di leadership introverso.

Ispirare. Empower. Superare.

Solutions Collecting From Web of "Perché abbiamo bisogno di leader silenziosi"