Per te, me o principio? Un dilemma doloroso

Nel film The American President con Michael Douglas e Annette Bening, una scena climatica verso la fine è caratterizzata da un discorso emotivo del Presidente che, insieme al suo nuovo interesse amoroso, è stato implacabilmente attaccato per la loro relazione romantica. Nel discorso, il Presidente ha affrontato direttamente le difficoltà nel camminare sulla linea tra proteggere se stessi e proteggere i principi più grandi che funzionano contro il Sé. Michael Douglas, come dice il presidente, "l'America non è facile. L'America è una cittadinanza avanzata. Devi volerlo male perché combatterà. Sta per dire, vuoi la libertà di parola? Vediamo che riconosci un uomo le cui parole fanno ribollire il tuo sangue, che è al centro del palcoscenico e che difende a pieni polmoni ciò che passeresti per tutta la vita contro i tuoi. Vuoi rivendicare questa terra come la terra dei liberi? Quindi il simbolo del tuo paese non può essere solo una bandiera ".

L'acceso dibattito pubblico sulla costruzione di una moschea vicino a Ground Zero a New York illustra bene questo punto. Da un lato, abbiamo coloro che sentono fortemente che la costruzione di una moschea vicino a Ground Zero è un insulto diretto a quegli americani che morirono nell'attacco al World Trade Center, anzi a tutti gli americani che furono traumatizzati dalla tragedia dell'11 settembre. Dall'altra parte, abbiamo coloro che ci spingono a mettere da parte il nostro dolore personale e si concentrano sul mettere in atto i principi più ampi della libertà religiosa come principio fondazionale fondamentale del modo di vita americano. Quando affrontiamo il compito altamente emotivo e doloroso di dover prendere una decisione tra il benessere personale e un principio più grande il cui mantenimento può causarci dolore, lo stress è enorme, aggiungendo alla difficoltà di prendere la decisione in modo chiaro e razionale.

Come si prendono decisioni come questa? Come psicologo clinico con più di 30 anni di esperienza nell'aiutare le persone a passare attraverso il processo di prendere enormi decisioni personali, è evidente che non esiste un modello per guidare tali decisioni. Sono stato testimone di persone che hanno preso decisioni strazianti per mettere un bambino in adozione, chiudere le porte di un'impresa familiare che non sembra più praticabile che impiega familiari dipendenti, donare organi del corpo e molti altri esempi di dover prendere decisioni che mantenere il potenziale per rischio o danno personale a beneficio di un'altra persona, organizzazione o posizione filosofica. Ognuno di noi affronta variazioni minori di questa sfida ogni giorno in vari gradi di serietà. Ogni genitore affronta il dilemma quasi ogni ora, quanto sacrificio i miei bisogni per mio figlio e quanto faccio per me stesso? Ogni datore di lavoro affronta il dilemma parallelo di quanto fornire i propri dipendenti e quanto mantenere per se stesso. Un eminente psicologo sociale, Elliot Aronson, descrisse quella che chiamò la "tensione dinamica tra i valori associati alla conformità e all'individualità". Si riferiva alla sfida in corso per rispondere alla domanda, quanto faccio per te e quanto faccio? fare per me stesso? Se faccio questo per te, sarà una grande spesa personale, e se lo faccio per me a tue spese corro il rischio di essere considerato egoista o peggio.

Riguardo al dibattito sulla moschea, proteggiamo noi stessi e i nostri sentimenti di angoscia e indignazione, o proteggiamo i diritti delle persone di praticare liberamente la loro religione anche quando tale pratica offende molti di noi? Tutto quello che so è che la risposta sarà necessariamente e inevitabilmente diversa per ciascuno di noi, a seconda di come scegliamo. E qualsiasi scelta tu faccia, c'è un prezzo da pagare.

Come sceglieresti?

Solutions Collecting From Web of "Per te, me o principio? Un dilemma doloroso"