Per Skype o non per Skype … questa è la domanda

Questo post è stato co-scritto con Mitch Handelsman, che scrive anche il blog "Ethical Professor".

Abbiamo ricevuto un commento e la seguente richiesta sul nostro blog intitolata "Cosa vedi: bandiera rossa o bandiera verde?"
"Puoi per favore scrivere un blog sull'etica (sì, è perfettamente legale se il terapeuta fa i referral appropriati, ma è giusto?) Di un terapeuta che termina un rapporto di lunga data (2 anni) e positivo per la relazione terapeutica del paziente quando un paziente si allontana dallo stato (NESSUNA domanda di autorizzazione) invece di continuare a lavorare con quel paziente che vuole provare a lavorare con la teleconferenza di Skype?

Che bella domanda! Hai identificato un vero dilemma etico in cui ci sono buoni argomenti sia per mantenere la relazione terapeutica che per concluderla. Ovviamente, come probabilmente sapete già i lettori, la risposta definitiva che daremo è "Dipende". Possiamo elencare alcuni problemi che gli psicoterapeuti devono considerare, ma non possiamo neppure speculare su come ogni terapeuta specifico dovrebbe pesare ogni problema. Inoltre, non sappiamo: (a) la formazione, l'esperienza, il livello di comfort con la tecnologia e altri fattori relativi al terapeuta; (b) i problemi, le procedure e gli obiettivi per la terapia; (c) informazioni sul cliente; (d) quanto vicino alla fine della terapia entrambe le parti ritengono di essere.

Sebbene non possiamo dare un "sì" o "no" alla domanda, possiamo condividere alcuni dei nostri pensieri e un processo da considerare – questo processo di scelta etica basato sul lavoro di James Rest ed è discusso nel nostro libro, Etica per psicoterapeuti e consulenti.

I buoni terapeuti (etici) attingeranno alla loro sensibilità etica. Esaminano le diverse possibilità e i risultati di ciascuna. Fanno alcune considerazioni prospettiche: "Se fossi il cliente, cosa spero che il mio terapista prenda in considerazione?" Notano e riflettono sulla loro risposta iniziale o automatica alla richiesta del cliente. Il riposo chiama questa motivazione etica o l'impegno ad agire in modo etico.

Con qualsiasi dilemma etico ci saranno motivazioni personali e motivazioni professionali basate su principi etici che competono per il risultato finale. I terapeuti potrebbero davvero apprezzare il cliente come persona e continuare a farlo solo per questo motivo. D'altra parte, il lavoro in terapia potrebbe davvero essere finito e decidere di porre fine alla terapia è ragionevole. D'altro canto, le motivazioni del terapeuta potrebbero includere una semplice avversione per la tecnologia. Oppure potrebbero essere incompetenti con tale tecnologia. L'auto-riflessione è importante per valutare le fonti delle nostre motivazioni. La consultazione con alcuni colleghi fidati sarebbe una buona idea.

Un altro passo nel processo è la formulazione di un piano etico, valutando i fatti del caso insieme ai principi etici della professione di psicoterapia. Uno dei fatti del caso è se gli obiettivi della terapia sono stati raggiunti. Se sì, allora avrebbe senso suggerire che la terapia è finita. Se no, i terapeuti possono considerare i modi per essere di supporto e mantenere un certo livello di contatto fino a quando il cliente non può connettersi con un nuovo terapeuta nella nuova localizzazione.

Naturalmente, il piano deve includere la guida di codici etici, dichiarazioni politiche da gruppi professionali, agenzie governative e altri. Nel nostro libro delineiamo dieci "Fondamenti etici per psicoterapeuti", che è una lista di dieci principi che sono alla base dei codici etici di vari gruppi di psicoterapeuti (psicologi, consulenti e assistenti sociali). Almeno cinque di queste affermazioni sono rilevanti per questa domanda sulla teleconferenza con un cliente:

• Fai del bene ai clienti … (Questo è anche chiamato beneficenza.)
• Evitare di fare del male o sfruttare i clienti. (Questo è anche chiamato non maledizione.)
• Trattare i clienti con rispetto. (Questo è anche chiamato rispetto per l'autonomia.)
• Diventa e resta competente.
• Conservare la riservatezza.
• Informare il cliente di informazioni importanti.

Ulteriori indicazioni provengono da una dichiarazione dell'American Psychological Association su "Servizi via telefono, teleconferenze e Internet", che afferma, in parte: "Gli psicologi che considerano tali servizi devono rivedere le caratteristiche dei servizi, il metodo di erogazione del servizio e le disposizioni per riservatezza. Gli psicologi devono quindi considerare gli standard etici rilevanti e altri requisiti, come le regole del consiglio di licenza. "Il Board of Psychology della California ha alcuni consigli eccellenti sulla sua pagina web, così come la Divisione di Psicoterapia dell'APA.

Uno dei problemi principali sarebbe quello di competenza: è possibile che l'efficacia terapeutica sia ostacolata perché la teleconferenza è così diversa dalla terapia faccia a faccia. Sebbene il cliente possa sentirsi molto a proprio agio con la teleconferenza, il terapeuta potrebbe non avere lo stesso livello di comfort. (Solo perché un cliente si sente a proprio agio con qualcosa non lo rende etico!)

I terapeuti possono mostrare rispetto per il cliente incoraggiando il cliente verso maggiore autonomia e minore dipendenza terminando la relazione.

Un'altra considerazione è la riservatezza: i terapeuti sono obbligati a mantenere la privacy delle comunicazioni terapeutiche e ad informare i clienti di potenziali minacce a tale privacy, che comprende la trasmissione elettronica di informazioni.

Tenendo presenti le fonti etiche di orientamento, aumentata la sensibilità etica e verificata la motivazione etica, il passo successivo è il seguire eticamente. Qualunque sia la loro decisione, i terapeuti dovrebbero (a) discutere le loro preoccupazioni con il cliente e ascoltare bene le loro; (b) informare il cliente non solo delle minacce alla riservatezza ma di altri potenziali rischi del formato Skype; (c) rivisitare il processo di consenso informato per vedere se questioni come la copertura assicurativa, le situazioni di emergenza, i pagamenti per le sessioni perse, ecc., sono state discusse; (d) impostare un tempo per la rivalutazione per questo tipo di sessione; (e) fare buoni rinvii, se necessario; e (f) documentare le loro decisioni e le ragioni che li motivano.

Grazie alla persona che ha presentato la domanda. Avendo lavorato su questa situazione, ci siamo lasciati interrogare su quali esperienze le persone hanno avuto con la terapia a distanza, i cambiamenti da faccia a faccia a Internet o altre esperienze di terapia con tecnologia avanzata. Ti incoraggiamo a condividere pensieri e storie.

Solutions Collecting From Web of "Per Skype o non per Skype … questa è la domanda"