Per la giornata mondiale contro l'AIDS: rivendicare il potere della nostra comunità

Wikipedia
Fonte: Wikipedia

Mentre gli anni '80 andavano avanti e decine di migliaia di omosessuali morivano con ancora nessun trattamento efficace, i nervi di Larry Kramer furono colpiti.

Nel 10 marzo 1987, il discorso tenuto al New York Lesbian and Gay Community Services Center, oggi conosciuto come il Centro LGBT di New York, Kramer ha fatto parte della comunità gay come solo Larry Kramer poteva fare. "Se il mio discorso di stanotte non ti spaventa a morte, siamo davvero nei guai", ha detto al gruppo.

A quel punto, in tutto il paese erano stati segnalati circa trentaduemila casi di AIDS, quasi un terzo a New York. Il presidente Reagan non aveva ancora parlato dell'AIDS agli americani spaventati.

"Se quello che stai ascoltando non ti farà arrabbiare con rabbia, furia, rabbia e azione, gli uomini gay non avranno alcun futuro qui sulla terra", ha detto Kramer. "Quanto tempo ci vuole prima di arrabbiarti e contrattaccare?"

Il punto cruciale del discorso era la semplice domanda di Kramer: "Vogliamo iniziare una nuova organizzazione dedicata esclusivamente all'azione politica?"

La risposta è stata un sonoro "Sì!"

Due giorni dopo, circa trecento persone si presentarono di nuovo al centro dove formarono ACT UP, la Coalizione dell'AIDS per liberare il potere. La prima dimostrazione del gruppo – una protesta a Wall Street contro il prezzo esorbitante dell'AZT appena approvato, la droga più costosa di sempre – introdusse quello che divenne il marchio distintivo del teatro di strada del gruppo. ACT UP ha preso l'umorismo del campo e la teatralità del Fronte di Liberazione Gay "zappa" degli anni '70 ad un livello completamente nuovo.

Ci volle un coraggio enorme e audacia per respingere la montagna di vergogna che i nostri concittadini americani si aspettavano di sopportare in silenzio come il prezzo di essere ciò che consideravano abominazioni. Ma abbiamo anche respinto la stigmatizzazione che la psichiatria ci aveva costretta per decenni, etichettando il nostro "diverso" orientamento sessuale come una malattia mentale finché l'American Psychiatric Association, alla fine, nel dicembre 1973, ascoltò la scienza e ribaltò la classificazione.

"Sicuramente penso che ci fosse qualcosa in quel momento", mi ha detto Peter Staley in un'intervista per il mio nuovo libro Stonewall Strong. Staley, uno dei principali membri di ACT UP / New York, ha aggiunto "che la comunità ha decisamente sostenuto la perdita di vergogna di tutti e ha instillato un sentimento di indignazione e orgoglio".

Il fondatore della rivista POZ e autore di Body Counts, Sean Strub, era già una leggendaria raccolta di fondi per posta diretta a New York per le organizzazioni LGBT quando si unì e guadagnò un sacco di soldi per ACT UP / New York. In un'intervista a Milford, in Pennsylvania, dove è stato rieletto sindaco il mese scorso, Strub ha sottolineato che quando il musicista di New York e attivista e sopravvissuto all'AIDS Michael Callen hanno intervistato la gente con l'AIDS per il suo libro Surviving AIDS del 1990, ha scoperto che i sopravvissuti a lungo termine aveva tre cose in comune: potevano definire uno scopo per le loro vite, una ragione per cui volevano sopravvivere. Credevano che la sopravvivenza fosse possibile. E alla domanda su cosa avevano fatto per curare la loro infezione da HIV, la lunghezza della loro lista diceva tutto.

"Coloro che vivevano a lungo avevano liste più lunghe", ha detto Strub. "Erano i ricercatori, quelli che uscivano e cercavano cose che potevano essere potenzialmente utili per loro." Aggiunse quello che considera un quarto fattore. "Penso che forse il pezzo che Michael non aveva lì che è diventato enormemente importante in ACT UP – e penso che alimenta la propria capacità di recupero – fa parte di una comunità".

Peter Staley è d'accordo. Per lui, come per migliaia di omosessuali, trovare così tanti altri che hanno rifiutato la vittima ha cambiato – e probabilmente ha salvato – la sua vita. Staley crede che la comunità solidale, reciprocamente affermativa, socialmente e impegnata politicamente che ha trovato in ACT UP esiste ancora. "Anche se molte persone dicono che hanno meno senso della comunità in questi giorni", ha detto, "una cosa che non si è mai placata è stata l'indignazione. Penso che qualunque cosa si sia accesa nel 1987 è rimasta piuttosto brillante sul fronte dell'indignazione. Come persone ora, non verremo negati. E questa è storia. Sappiamo che se siamo indignati e arrabbiati e spingiamo tutte le leve politiche che sappiamo di avere, che abbiamo usato in passato e usato con successo, possiamo respingere ".

L'AIDS ha dato agli uomini gay nuove parole da usare per definire "gay" che meglio si adattano a persone che sono state testate dal fuoco di malattie terribili, morte e stigma e sono sopravvissute. Quattro parole che vengono in mente sono: eroico, coraggioso, coraggioso e orgoglioso. Larry Kramer ha chiarito nella sua storica opera del 1985 The Normal Heart che l'epidemia di AIDS ha dato agli uomini gay una nuova e potente identità da rivendicare per noi stessi. L'alter ego di Kramer Ne Weeks dice semplicemente: "È così che voglio essere definito: come uno degli uomini che hanno combattuto la guerra".

Kramer ha messo un po 'diversamente nella nostra intervista del 1995 per il mio libro Victory Deferred: Come l'AIDS ha cambiato la vita gay in America. Abbiamo parlato nel salotto del suo appartamento sulla Fifth Avenue, l'ambientazione di alcuni dei momenti più storici dell'America gay, tra cui la prima raccolta fondi per l'AIDS del mondo nell'agosto del 1981 e, nel 1982, la formazione della Gay Health's Health Crisis (GMHC), il mondo prima organizzazione di servizi per l'AIDS. Riflettendo in particolare su ACT UP, Kramer ha detto: "Da solo, abbiamo cambiato l'immagine degli omosessuali dalle fatine dalla vita molle ai guerriglieri".

Solutions Collecting From Web of "Per la giornata mondiale contro l'AIDS: rivendicare il potere della nostra comunità"