Per i nuovi papà: chiavi per una grande esperienza

Adoro ogni minuto della paternità, stare sveglio tutta la notte, cambiare i pannolini, i bambini che piangono, lo trovo davvero divertente e stimolante. Ti connette al mondo in un modo nuovo. -Sir Elton John

OK, non è una competizione. Molta più attenzione è rivolta ai bisogni delle neo mamme, in genere, rispetto ai nuovi padri – anche con i passi avanti verso il riconoscimento dell'importanza della paternità, stiamo appena iniziando a vedere cosa significa paternità nel XXI secolo e dove potrebbe essere diretto. Eppure le madri sono evidenziate, con buone ragioni – nonostante i cambiamenti nella struttura della famiglia "tradizionale" che portano a un maggiore coinvolgimento dei padri nell'accudimento, le madri sono ancora più frequentemente in prima linea nella genitorialità e nella salute e nei bisogni della madre probabilmente ha un maggiore impatto sulla salute emotiva e fisica dei bambini – se non altro perché le madri sono più comunemente le caregiver primarie.

Secondo il Pew Research Center (giugno 2017), ci sono diverse scoperte degne di nota sulla paternità contemporanea:

1. La genitorialità è fondamentale per l'identità dei padri.

Proprio come le madri, essere genitori è una parte cruciale dell'identità, con sondaggi che riportano il 57% dei padri e il 58% delle madri che dicono che i genitori sono estremamente importanti per la loro identità.

2. I padri sono più coinvolti nell'assistenza all'infanzia di 50 anni fa.

I padri oggi dicono che trascorrono in media 7 ore settimanali coinvolte nell'assistenza all'infanzia, che è tre volte superiore a 30 anni fa. Circa la metà dei padri dice che vorrebbe trascorrere più tempo con i propri figli, rispetto a un quarto delle madri, ei padri hanno meno probabilità delle madri di riferire che credono di fare un buon lavoro di genitorialità.

3. I padri che lavorano riferiscono difficoltà con l'equilibrio vita-lavoro.

Circa la metà dei padri riferisce di avere difficoltà in quest'area, meno del 60% circa delle madri che si sentono allo stesso modo. I padri riferiscono anche che vorrebbero essere a casa più di loro, come fanno le madri.

4. I padri sono considerati meno capaci di prendersi cura dei bambini rispetto alle madri.

Il 5% degli americani intervistati afferma di ritenere che le madri facciano un lavoro migliore dei padri, il 45% afferma di svolgere un lavoro altrettanto buono, e solo l'1% afferma che i padri fanno un lavoro migliore. Questa percezione è comune e probabilmente demoralizzante per i padri, sebbene possa anche fornire la motivazione per essere grandi padri.

5. La maggior parte della gente dice che il legame dei bambini con i padri è tanto importante quanto con le madri.

Circa un quarto di tali sondaggi afferma che il legame con le madri è più importante, e solo il 2% afferma che il legame con i padri è più importante. I padri impiegano molto meno tempo di lavoro delle madri per il congedo di paternità, una media di una settimana per i papà, contro le 11 settimane per le mamme. Questo è un enorme sacrificio per i ragazzi che vogliono trascorrere del tempo con i loro nuovi bambini.

C'è molto da considerare in questi risultati del sondaggio. Uno dei principali approcci è che nel complesso il padre si sente privato sul fronte genitoriale, che nonostante il passaggio dai tradizionali ruoli genitoriali basati sul genere e dalla struttura familiare, i padri in generale si sentono come se volessero essere più coinvolti come genitori. A causa delle richieste di lavoro e delle tradizionali pressioni sui ruoli, i padri continuano a sentirsi mancare – e probabilmente si stanno perdendo.

Cosa dicono i padri di aver bisogno della prima volta?

Con questo in mente, ero interessato a uno studio di recente qualità dei nuovi padri. In "Ottenere aiuto per te è un modo per aiutare il tuo bambino": Esperienze di sostegno dei genitori per la salute mentale e dei genitori nel periodo perinatale (2017), i ricercatori Rominov, Giallo, Pilkington e Whelan hanno condotto un'analisi qualitativa delle interviste dettagliate con 20 nuovi padri in Australia. La mia sensazione è che mentre la cultura australiana può essere più stereotipicamente "maschile" e meno progressiva in termini di come gli uomini affrontano le emozioni, gli americani non sono così avanti alla curva, e le scoperte sono molto rilevanti. Molti sono familiari e ripetono, e gran parte di ciò che riportano è perseguibile e utile. Quindi, sono felice di condividerlo.

Essi osservano che, per una serie di fattori, i padri sono esclusi dal processo di preparazione che porta al parto e vengono trascurati anche dopo la nascita del bambino. Esaminano la ricerca precedente sui nuovi padri, osservando che il periodo della nascita è altamente doloroso, rappresentando un periodo di intenso rimescolamento delle loro vite ad ogni livello e un momento di emozioni in rapida evoluzione e conflittuali che vanno dall'intensa felicità, a apprensione, paura intensa, orgoglio e impotenza. Se c'è un parto difficile, forse tragico, può portare a problemi a lungo termine in famiglia. Come notato sopra, gli uomini possono sentirsi tirati tra famiglia e lavoro, e devono anche affrontare i cambiamenti nella loro vita sociale al di fuori della famiglia.

Le maggiori esigenze di genitorialità, tra cui l'affaticamento e la privazione del sonno, possono avere un effetto negativo sul benessere emotivo e sulle relazioni e possono influire sulle prestazioni lavorative. L'effetto di portare un bambino nella relazione coniugale, specialmente per i genitori neofiti, può essere un aggiustamento difficile con effetti negativi duraturi sull'intimità, anche se spesso avvicina le persone. Ci sono una moltitudine di altri argomenti discussi, da alti tassi di disturbi d'ansia, depressione, confusione di ruolo e cambiamenti nell'identità, e in particolare che i padri tendono a essere lasciati fuori dagli operatori sanitari prima, durante e dopo il parto. E in media, gli uomini tendono ad avere meno probabilità di cercare e usare il sostegno rispetto alle donne.

Rominov e i suoi colleghi hanno usato un approccio qualitativo descrittivo, reclutando i padri inizialmente per 30 minuti di incontri faccia a faccia, ma trovare quell'incontro di persona era, a piacimento, estremamente difficile. Di conseguenza, la maggior parte delle interviste sono state condotte telefonicamente. Tutti i partecipanti erano in rapporti stabili con la madre, lavorando e in media nei primi anni '30. Alcuni si aspettavano un altro figlio dopo aver avuto figli, alcuni si aspettavano il loro primo, e alcuni erano diventati da poco padri, rappresentando una diversità di prospettive.

Rominov et al. (2017)
Fonte: Rominov et al. (2017)

Le interviste erano semi-strutturate e progettate per ottenere informazioni sui bisogni di supporto legati alla paternità e al benessere emotivo nel periodo intorno al parto. I ricercatori hanno preso provvedimenti per identificare e controllare i pregiudizi nei partecipanti verso il protocollo di ricerca e hanno considerato l'effetto se l'intervistatore fosse un uomo o una donna. Per dare un senso alle interviste registrate, sono state trascritte ed elaborate utilizzando un pacchetto qualitativo di analisi del software che suddivide le narrative in temi chiave tramite analisi semantiche che sono poi riviste e perfezionate dai ricercatori.

Sono emersi cinque temi principali:

1. Esperienze di supporto

I padri hanno descritto di sentirsi esclusi dai supporti formali. Hanno ricevuto informazioni su genitorialità e gravidanza, ma in termini di interazione con professionisti – medici, infermieri, in classi di educazione pre-parto, e così via – c'era poca attenzione specifica per il padre a sostegno emotivo o bisogni di salute mentale, e il sostegno esistente era offerto meno spesso sarebbe stato utile.

I padri tendevano a ricevere sostegno da altre fonti, come amici (come altri padri), familiari e colleghi. Questa era la più forte fonte di sostegno, ei padri ne erano grati. I padri hanno anche notato che le loro mogli e i loro partner erano spesso più attivi nell'aiutarli a trovare sostegno rispetto ad altri, cercando le cose per loro e aiutandoli a soddisfare i loro bisogni – oltre a occuparsi della gravidanza, del parto e della cura dei figli.

2. Esigenze di supporto

Che tipo di supporto hanno detto i padri che volevano? Innanzitutto, volevano una migliore preparazione in molte aree. Non erano pronti per gli effetti della stanchezza e della privazione del sonno, e sarebbe piaciuto allenarsi a prevedere e affrontare lo sfinimento. Volevano sostegno emotivo e istruzione all'inizio della gravidanza – un momento di felicità ed eccitazione ma anche un periodo di preoccupazione e incertezza. Un padre più giovane ha riferito che sembrava che le cose da fare con l'inizio della gravidanza fossero un grande segreto: "La gente non ne parla, non si intende dire nulla", suggerendo che potrebbe esserci uno stigma che circonda la gravidanza precoce per i padri.

Sospetto che alcune di queste possano avere a che fare con l'esitazione degli altri a parlare del futuro all'inizio della gravidanza a causa delle paure di causare angoscia, specialmente le paure di aborto spontaneo. I padri in particolare hanno riferito di aver bisogno di maggiore sostegno quando le cose non andavano come sperato o programmato. Anche l'allattamento al seno è stato un argomento impegnativo, a causa della pressione del persistente messaggio che l'allattamento al seno è il modo migliore per andare e di atteggiamenti negativi nei confronti delle alternative. Ciò mette sotto pressione sia il padre che la madre e può portare a conflitti coniugali quando vengono maltrattati, ad esempio quando il padre aumenta la pressione per allattare su madri già ansiose che potrebbero già sentirsi inadeguate se incontrano difficoltà nell'allattamento al seno.

Un'altra necessità di supporto è stata per ulteriori informazioni e indicazioni su legame e attaccamento, soprattutto in considerazione dell'importanza dei primi mesi, che se non gestiti correttamente non possono essere recuperati. Simile all'ansia sull'allattamento al seno, i padri che non si sentivano legati subito hanno riferito sentimenti di vergogna, stigmatizzazione e inadeguatezza. I padri hanno segnalato confusione e difficoltà a dare un senso a tutte le informazioni disponibili – libri, internet, vari esperti – che spesso offrono prospettive contrastanti. Infine, i padri hanno bisogno di maggiore sostegno su come affrontare l'impatto di un nuovo bambino sulle relazioni con i loro partner. Hanno detto che avere materiale di supporto disponibile in molti modi diversi sarebbe stato utile: i gruppi del padre, le lezioni facilitate da altri padri, i servizi al di fuori delle normali ore di lavoro per adattarsi ai loro programmi, informazioni online, materiali di stampa e materiali di formazione visiva.

3. Ostacoli al supporto

Le principali barriere al sostegno includevano lo stigma contro la salute mentale degli uomini e la ricerca di aiuto, che vanno contro le norme maschili tradizionali che ci dicono che gli uomini non dovrebbero essere vulnerabili o discutere dei sentimenti, ma piuttosto sono duri e non sono influenzati dallo stress, dal familiare stereotipo definizioni di "forte" e "debole". I padri erano riluttanti a cercare supporto per la preoccupazione di togliere risorse e attenzione anche a madre e figlio. Un padre ha notato il superamento della riluttanza a cercare aiuto inquadrandolo come un modo per aiutare indirettamente il suo bambino, rendendo la ricerca di aiuto "accettabile". La pianificazione e le richieste di lavoro inflessibili erano un altro ostacolo importante da sostenere, sia in termini di disposizioni pragmatiche sia in termini di atteggiamenti sprezzanti.

4. Facilitatori di supporto

Gli intervistati hanno dichiarato che vorrebbero partecipare di più ai servizi di supporto e avere maggiore accesso alle risorse perinatali. Volevano il riconoscimento professionale e personale dell'importanza del padre, sia in termini di un atteggiamento generale di inclusione sia in termini di risorse specifiche del padre e di informazioni incluse nelle classi prenatali standard. I professionisti del padre volevano discutere le cose dal punto di vista del padre e presentare le informazioni in modi che affermavano il padre.

Molti intervistati hanno riferito che avrebbero trovato utile per i professionisti e altri attivamente indirizzarli a quali risorse erano disponibili. Invece, hanno spesso scoperto le risorse, se non del tutto, troppo tardi. Anche un semplice foglio informativo o una telefonata di sensibilizzazione per avvisare i padri delle risorse e ridurre lo stigma, sarebbe stato molto utile. Con aspettative così basse, anche un po 'di outreach avrebbe potuto avere un grande impatto positivo.

5. Tempi del supporto

I padri hanno notato che le informazioni disponibili erano spesso presentate in modo non sincronizzato con la gravidanza, il parto e l'educazione dei figli. Oltre ad aver bisogno di più risorse, i padri avevano bisogno delle risorse nel momento in cui avevano a che fare con quella particolare fase. Dato che c'è così tanto da fare, e tanta apprensione e incertezza, è difficile ottenere informazioni per esempio sul travaglio e il parto mentre si affrontano problemi di gravidanza precoce. Le informazioni pertinenti presenti poco prima della fase corrispondente sarebbero più efficaci e più facili da accettare. A volte, le informazioni venivano presentate dopo che sarebbe stato utile, per esempio le informazioni sul parto fornite dopo la nascita del bambino.

Non solo questo tempismo non è stato utile, ma ha portato a sentimenti di risentimento provandoci troppo tardi. I padri hanno notato soprattutto la necessità di una maggiore direzione su come affrontare le sfide nel primo periodo neonatale – come la routine del sonno, occupandosi del lavoro e della vita sociale e adattandosi ai cambiamenti nella relazione con i loro partner. La maggior parte dei padri ha riferito di sentirsi impreparata e di dover capire come gestire le cose dopo che è emerso un problema piuttosto che in modo proattivo, e inventare soluzioni ad hoc piuttosto che affidarsi a informazioni di buona qualità, osservando che sentivano di "volerlo".

Rominov et al. 2017
Fonte: Rominov et al. 2017

Suggerimenti per i nuovi padri (e nuove famiglie)

Quali importanti raccomandazioni possiamo fare? Ecco i suggerimenti per sfruttare al massimo questi primi anni. Mentre è meglio essere in testa alla curva, molti di loro si applicano anche se si è già nel mezzo di esso:

1. La prevenzione è la migliore medicina.

Assumere una posizione proattiva Fai ricerche per conto tuo. Leggi la gravidanza e il primo anno del bambino – ci sono un certo numero di libri eccellenti e altre risorse multimediali, alcuni specificamente rivolti ai padri (es. Caveman's Guide series, Dude, You're Going Be a Dad) e libri generali (es. Aspettatevi quando vi aspettate, il libro del bambino). Chiedete agli operatori sanitari e altri padri di risorse utili.

2. Informati sul tuo posto di lavoro. Y

Puoi essere in grado di negoziare più tempo o flessibilità senza mettere a rischio il tuo lavoro. Tieni presente che se perdi l'occasione, non sarai in grado di recuperarla, e il forte dispiacere per la mancanza di quel tempo insostituibile è comune. Non lasciare che accada. Pensa in anticipo alla gestione del tempo e pianifica di assicurarti che tu sappia ciò di cui hai bisogno e che desideri, e assicurati di rendere queste cose una priorità.

3. Crea un piano.

Quando ti sei educato su cosa aspettarti, siediti e fai un elenco di tutte le aree chiave. Assicurati di essere ragionevolmente preparato per le cose che i padri dicono che sono aree problematiche – privazione del sonno e stanchezza, caduta dei nervi emotivi, problemi relazionali, legame con il tuo bambino e posto di lavoro. Ancora una volta, prima che le cose diventino troppo pazze, sedetevi e discutete con il vostro partner, i fornitori di servizi sanitari e i supporti sociali. Siate audaci nel cercare aiuto ed essere orgogliosi di chiedere aiuto.

4. Identificare le risorse in anticipo rispetto a ciascuna fase del processo.

Ciò include se hai a che fare con problemi di fertilità e li hai a portata di mano in modo da poter essere proattivo e intenzionale, piuttosto che reattivo e last-minute. Tieni d'occhio le priorità e non farti distrarre da questioni importanti che possono comunque prendere il sopravvento e distrarre da bisogni emotivi e personali che potresti già minimizzare. Una trappola comune sta mettendo tutto il tuo tempo ed energia mettendo insieme la stanza del bambino a scapito di occuparsi di altri bisogni, e la mamma può essere molto concentrata su questo. È facile cadere in un ruolo maschile stereotipato di problem-solving, orientato all'azione per sentirsi utile ignorando i bisogni importanti.

5. Sviluppare buone abitudini di coping e cura di sé, impostando le routine prima del tempo.

Mantenere una routine sana ed evitare coping maladattivi, come l'eccessivo consumo di alcol e il comfort alimentare. Quando ti occupi di assistenza all'infanzia, sarà di grande aiuto. Ho trovato molto utile prestare attenzione all'esercizio fisico e usare una buona forma fisica (ad es. Dallo yoga) quando si prendono cura dei bambini mentre sono esausti, per evitare sforzi alla schiena e lesioni non necessarie. L'ultima cosa che vuoi quando sei "in chiamata" è quella di tirare un muscolo alla schiena.

6. Discuti le sfide con il tuo partner in anticipo.

Parla dettagliatamente con uno spirito progettuale e collaborativo. Comunicare! Affrontare le tue risposte emotive individuali e assumere una posizione collaborativa nei confronti delle tue esigenze relazionali. Assicurati di avere un aiuto adeguato. Se sei abbastanza fortunato da avere famiglia e amici solidali, è grandioso. Lascia che ti aiutino. Se puoi permetterti, pensa di ricevere un'assistenza qualificata a domicilio nelle prime settimane. Una brava infermiera può essere utile sia per fornire aiuto pratico, sia per mostrarti le corde. Uno dei miei bei ricordi di quando i miei figli erano appena nati era la nostra grande infermiera che ci mostrava il modo giusto per fare un bagno.

7. Sii pronto ad affrontare le aree di sfida.

Aree come l'allattamento al seno e cambiamenti nella tua vita sociale e intima possono insidiarsi e fare danni velocemente. Guarda come esprimi le cose, specialmente quando sei stressato e privato del sonno, poiché un commento mal formulato può durare mesi e anni quando si tratta di cose che sono fondamentali per ciò che siamo. Evita commenti incolpevoli e ostili. Se hai problemi di relazione irrisolti, parla preventivamente con un consulente, piuttosto che aspettare che le cose diventino troppo difficili da ignorare. È importante per entrambi avere tempo e tempo personali insieme, se possibile. Il primo anno di vita di un bambino mette i paraocchi sulle persone, ed è difficile bilanciare la fretta di avere una nuova vita di cui occuparsi tenendo conto delle altre esigenze … ma tenetelo sul vostro radar.

8. Sii preparato per l'inaspettato.

Informati sui potenziali problemi, ma non preoccuparti troppo. C'è tanta ansia per tutto ciò che può andare storto, ed è facile evitare questi problemi o diventare ossessivi. Di nuovo, se hai bisogno di aiuto per trovare il giusto equilibrio, fallo e, quando possibile, fallo insieme. Non esitate a toccare la base con il vostro pediatra se avete domande. È meglio chiamare durante il giorno con una domanda "sciocca" piuttosto che presentarli alle 3:00 del mattino con un'eventuale emergenza.

9. Se hai avuto problemi con la mancanza di vicinanza con tuo padre, come molti di noi hanno, mettiti al corrente.

The Measure of a Man di Shapiro è un buon libro che affronta questo problema e può essere utile parlare con amici, famiglia e persino con un consulente, sempre in anticipo. Sapere cosa significa essere un padre per te e prendersi tutto il tempo necessario per eliminare i punti di vista sani e malsani che potresti avere sia in consapevolezza sia in modo inconscio. Tuttavia, piuttosto che essere perfezionista dell'essere un padre, riconoscere che è un processo di apprendimento e darti spazio gentile per crescere.

Spero che ciò sia utile e pratico, pur evidenziando quanto personalmente sia significativa e arricchente la paternità. È un momento di scoperta di sé e per molte persone diventare un padre è la vita più significativa e l'esperienza che cambia l'identità che si può avere. D'altra parte, avere figli è piuttosto comune – ho sentito miliardi di persone che l'hanno fatto – quindi prendetelo anche alla leggera.

Sentiti libero di condividere le risorse nella sezione dei commenti e Buon Papà!

Solutions Collecting From Web of "Per i nuovi papà: chiavi per una grande esperienza"