Per giocare una parte maggiore

Shell Fischer, used with permission - mindfulvalley.com
Fonte: Shell Fischer, usato con permesso – mindfulvalley.com

Ciò di cui c'è bisogno è un impegno approfondito per contattare ciò che è stato inconscio. È la roba inconscia che afferra il nostro senso di identità e finisce per controllare le nostre vite sia individualmente che in società. La sfida di rendere questo contatto onesto è che siamo stati derubati dai nostri giudizi, dai nostri punti di vista, dai nostri stereotipi, dai nostri "blues" e "rossi". Per contattare i nostri veri sentimenti è necessario prendere coscienza dei modi in cui creiamo la distanza.

Charles Eisenstein scrive: "La prossima volta che pubblichi online, controlla le tue parole per vedere se contrabbandano in qualche forma di odio, disumanizzazione, sniffare, sminuire, dividere: un invito a" noi contro loro ". Notate come ci si sente bene a farlo, come ottenere una correzione; e nota cosa fa male sotto e come non si sente bene, non proprio. Forse è ora di smettere. "

È così facile ricorrere al modo più primitivo di giudicare. Circa otto anni fa ho preso l'impegno che, quando mi sono preso a giudicare, mi sarei fermato a esercitarmi a guardare dentro me stesso con consapevolezza e compassione. Chiedo cosa succede dentro ogni volta che sono in qualche modo (e di solito è piuttosto sottile) mettendo giù un'altra persona. Se rimaniamo in quella mentalità incolpevole e "noi contro loro", non arriviamo ai sentimenti reali e, sotto di loro, lo spazio della cura.

Per arrivarci, dobbiamo aprire dai giudizi e dobbiamo prendere il tempo per stare con ciò che è giusto qui dentro di noi. Dobbiamo attraversare tutti gli strati delle nostre ferite collettive e delle paure e del lutto prima di poter arrivare a quell'amore puro e senza tempo, a quella coscienza che vogliamo vivere.

Margaret Wheatley ha detto: "Non c'è alcun potere di cambiamento più grande di una comunità che scopre ciò che gli interessa". Il percorso per scoprire che la cura richiede il nostro coraggio collettivo: dobbiamo passare dalla credenza alla certezza e alla sicurezza dei nostri giudizi, e aperto all'irregolarità delle paure. È solo aprendo a questa vulnerabilità che siamo in grado di abitare pienamente la nostra cura.

Rumi parla di "viaggiatori notturni" che si girano verso l'oscurità e sono disposti a conoscere la propria paura. Lui dice:
Siediti con i tuoi amici.
Non tornare a dormire
Le acque della vita fluiscono dall'oscurità.
Cerca l'oscurità. Non scappare da esso.
I viaggiatori notturni sono pieni di luce; e lo sei anche tu.
Non lasciare questa compagnia.

Questo è il sentiero del Bodhisattva; e ci siamo tutti. Potremmo avere diversi livelli di autocoscienza, ma siamo tutti su di esso. Tutti vogliono amare ed essere amati; tutti vogliono vivere più pienamente. Il nostro cammino è aprire coraggiosamente l'oscurità delle paure. La nostra strada è risvegliare insieme, nutrire le acque della vita di saggezza e cura e portare guarigione al nostro mondo.

Da: "Play a Greater Part" – Parte 1 – Bodhisattva for Our Times – un discorso tenuto da Tara Brach il 16 novembre 2016.

Per ulteriori discussioni e meditazioni da Tara Brach, visitare www.tarabrach.com .

Solutions Collecting From Web of "Per giocare una parte maggiore"