Per favore! Tira fuori le tue "app"

Credo che il divario generazionale non sia più evidente di quando si parla di elettronica. Gli amici che ho che sono la mia età sono, con poche eccezioni, interessati per niente ai dispositivi elettronici, sono a malapena istruiti sul computer; e a meno che uno dei loro figli decida che devono avere l'ultimo Iphone o Ipad o Ipod o qualsiasi altra cosa per Natale, preferiscono il tipo più semplice di telefoni cellulari, senza campane, senza fischietti e senza nuove "app" incredibili … solo per le emergenze, o rimanere in contatto con i loro cari.

Raramente vedi qualcuno di una certa età con la testa in una delle nuove "app" più calde, sbattere contro la gente, ignorando il bambino nella carrozza, che sta cercando di attirare la loro attenzione o la persona con cui stanno camminando. Per me è come una corsa a ostacoli lungo la strada che porta nella Grande Mela cercando di aggirare i drogati dei cellulari.

E quando i miei figli e nipoti sono con me, raramente inizio una conversazione significativa prima che le loro teste non siano in grado di decifrare qualunque testo abbiano appena ricevuto e di inviare messaggi. Quando cerco di insistere per darmi i loro telefoni per il giorno, è come se avessi chiesto loro di perdere uno dei loro reni sul posto. I miei figli molto cresciuti non sono migliori.

Trovo questo nuovo fenomeno estremamente sconcertante … okay … antipatico. Le metropolitane e gli aerei sono stati un rifugio, anche se anche nel mondo sotterraneo dove nessun segnale è possibile, le persone stanno ancora guardando, leggendo, cercando i loro telefoni, ascoltando la loro musica Ipod che è così forte che posso sentirlo attraverso i loro auricolari. Posso solo chiedermi quanto sarà duro il loro udito in futuro. C'è una miriade di facce interessanti su quei treni, pubblicità da leggere, cose da far vagare la mente, passeggiare musicisti, appelli per cibo e denaro. Vita. Ma quel piccolo aggeggio nei loro palmi racchiude tutto il loro interesse e attenzione. L'orrenda notizia è che presto saremo in grado di utilizzare i nostri telefoni cellulari su entrambe le metropolitane e aeroplani. Egads! (Sì, ho detto la parola che conferma che sono della generazione di cui parlo).

Noi, di quella generazione, passeggiamo ancora attraverso il parco ammirando le bellissime foglie che cambiano colore, il meraviglioso colore del cielo al mattino presto, mentre altre, alle 7:00 sono già palpabili, ascoltando, rispondendo, cercando. Guardiamo i pattinatori al Rockefeller Center, guardiamo nelle vetrine dei negozi e passiamo un bel pranzo al ristorante senza che nulla vibri nelle nostre tasche o borsette. Camminiamo per la strada, pienamente consapevoli dell'uomo con una canna che lotta per stare in piedi, la donna sulla sedia a rotelle, che ha bisogno di un ampio sentiero, il bambino con il pallone, il piccolo cane che passeggia accanto al suo padrone. Sorridiamo, ridiamo. Siamo nel mondo e di esso, senza una sola 'app' al nostro nome.

Suppongo che insoddisfazione per il nuovo possa venire con ogni generazione successiva. E non fraintendermi. Cerco di capire gli interessi generazionali dei miei nipoti e mi meraviglio del loro know-how. Sono, elettronicamente esperti, ma hanno anche costumi diversi da affrontare. Ciò che passa per l'ok oggi è spesso molto diverso rispetto alle generazioni precedenti.

Ma la civiltà non dovrebbe essere specifica per genere o generazione. Tutti meritiamo di essere trattati con attenzione. Ho provato a raccontare a uno sfacciato New Yorker che si è precipitato dentro di me sulla 86th Street per ritirare la testa dalle sue "app". Non penso che mi abbia sentito correttamente. Ho giurato di non verbalizzare nuovamente il mio appello, almeno non a New York, a meno che non potessi enunciare più chiaramente. Ma sono disposto a farlo in bianco e nero. Quindi, per favore, sii gentile e premuroso con quelli intorno a te, quelli che ti amano e quelli che non ti conoscono nemmeno. Ti manca la vita. Ti divertirai di più se semplicemente ti toglierai la testa dalle tue "app".

Solutions Collecting From Web of "Per favore! Tira fuori le tue "app""