Pensieri dopo Fort Hood.

Ho viaggiato nelle ultime settimane e ho trascurato il mio blog. Ero in visita da una famiglia a Tucson, in Arizona, quando sono avvenute le sparatorie a Fort Hood. Questo mi ha lasciato molti pensieri che vorrei condividere. Immagino che ognuno di noi sia rimasto con molte preoccupazioni su quello che è successo. Non penso sia troppo tardi per condividere parte di ciò che ancora mi rimane nella mente.

Quello che è successo a Fort Hood ha creato una paura in tutti noi per la sicurezza del nostro mondo e con quanta facilità ogni senso di sicurezza può essere perso. Non potevo sopportarlo per troppo tempo e così mi sono rivolto a come la gente piangeva, argomento che mi sentivo sicuro in quello che sapevo.

I media hanno parlato del numero di persone uccise e dell'uccettore di questo orribile atto. Il giornale riportò alcuni dei nomi di coloro che furono uccisi con una breve biografia dopo ciascuno. C'erano anche alcune fotografie che mettevano in risalto quanto giovani fossero così tante delle vittime. Sono rimasto molto commosso da ciò che ho imparato su queste persone. Mi ha fatto piacere sapere che non abbiamo più una semplice lista di nomi quando comunichiamo sulle persone che sono state uccise in un singolo evento. Penso che questo cambiamento si sia verificato nella segnalazione di quelli uccisi al World Trade Center. . Ora otteniamo una breve biografia della persona che è morta. Possiamo cominciare a capire un po 'del significato della vita perduta per coloro che piangono lui o lei. Allora ho iniziato a chiedere chi erano i dolenti?

Al momento i miei pensieri si sono rivolti prima ai bambini che sono stati direttamente colpiti da queste morti. C'era poca menzione, in quello che ho letto sui bambini, che potrebbe essere tra i partecipanti. Sono state date le età ma non di più. Così molti di quelli che morirono erano molto giovani e mi chiedevo dei fratelli più piccoli o dei bambini piccoli a casa. Mi sono chiesto, anche se non avevo modo di ottenere una risposta, se questi bambini fossero stati riconosciuti come persone in lutto, e in tal caso erano inclusi nei rituali del lutto? C'è una tendenza a cercare di proteggere i bambini, in questi momenti, dal dolore della perdita e dall'essere riconosciuti come persone in lutto che hanno a che fare con sentimenti che non capiscono e con i molti cambiamenti nella loro vita. La mia ricerca mi ha insegnato che non possiamo proteggere i bambini dal fatto che le persone muoiono e che abbiamo bisogno di rispettarle come persone in lutto coinvolgendole nel maggior numero possibile, rispettando la loro età in quel momento.

Le morti a Fort Hood erano impreviste. I sopravvissuti al dolore sperimentano qualcosa di diverso da ciò che i dolenti sperimentano dopo una morte che avviene in battaglia e che, nonostante la speranza del contrario, in qualche modo sono previsti. C'è una nuova generazione di bambini che hanno perso fratelli o genitori a causa delle guerre dello scorso decennio. Ci sono bisogni grandi. C'è un'organizzazione per famiglie di vittime di guerra. Si chiama Tragedy Assistant Program for Survivors (TAPS) che fornisce supporto professionale e di gruppo a famiglie di lutto militari. Ho anche appreso su Google della National Traumatic Stress Network. Hanno pubblicato sul loro sito web un rapporto intitolato "Il dolore traumatico nei bambini militari: informazioni per le famiglie". Questo rapporto fornisce informazioni inestimabili su come aiutare i bambini quando un membro della famiglia viene ucciso nella linea del dovere. Mentre lo leggevo, ho trovato il rapporto coerente con quello che Madelyn Kelly e io abbiamo scritto nel nostro libro "Una guida per genitori per allevare bambini in lutto". Questo è un libro che sarebbe utile anche a questo pubblico.

Mentre continuavo a pensare a quello che è successo, mi sono imbattuto in una nuova domanda. Sono sicuro che non è una nuova domanda per le persone che sono più strettamente collegate, rispetto a me, ai militari. Mi chiedevo come fosse per i bambini che hanno genitori che stanno andando in guerra? Come fanno le famiglie a far fronte, vivendo nell'ombra della possibilità che il loro genitore o il loro fratello sarà ucciso in battaglia? Uno studio della Rand Corporation riportato nel Boston Globe il 7 dicembre (P.G3.) Ha confrontato i bambini di famiglie militari che sono stati schierati per lunghi periodi di tempo, con famiglie civili. Il titolo dell'articolo del Globe riportava un link che il ricercatore trovava tra un lungo dispiegamento militare e problemi familiari. I ricercatori hanno scoperto che i bambini delle famiglie militari erano a maggior rischio di sviluppare problemi emotivi rispetto alle famiglie civili. I ragazzi più giovani hanno riportato più problemi di combattimento e di rendimento scolastico rispetto ai loro omologhi civili. Le ragazze sembravano particolarmente a rischio. Questo studio sarà pubblicato sulla rivista Pediatrics nel gennaio 2010. La questione sollevata da questi risultati è stata correlata a quale parte potrebbe giocare l'anticipazione di una possibile morte nello sviluppo di questi problemi? Questi sono pensieri che devono essere reali anche se non so come siano riconosciuti o trattati nelle comunità militari. Queste famiglie si occupano di ciò che può essere definito una sorta di dolore anticipatorio? Ne parlano? Gli danno un nome? Stanno già soffrendo per il loro familiare che è assente nello schieramento? Quale aiuto e supporto hanno bisogno e ricevono nel far fronte a questa realtà?

Il mio pensiero su quello che è successo a Fort Hood mi ha lasciato molte domande che fino ad ora non avevo davvero pensato troppo. È appropriato chiedere ai lettori di questo blog di condividere anche le loro domande, le risorse che hanno utilizzato e la loro esperienza nel far fronte alle questioni che riguardano le famiglie dei nostri soldati che stanno rischiando la vita ogni giorno?

Solutions Collecting From Web of "Pensieri dopo Fort Hood."