Pensieri che vagano in un cimitero estone

Questo post è stato scritto da Lawrence T. White. È il terzo e ultimo post di una serie in tre parti sull'Estonia e gli estoni.

Hester White, used with permission
Fonte: Hester White, usato con permesso

Ieri è stato il giorno di San Giovanni in Estonia. Questa festa speciale è la versione cristiana di una vecchia celebrazione pagana del solstizio d'estate. Alla vigilia di San Giovanni, molte famiglie estoni si riuniscono in campagna per fare un grande falò e consumano abbondanti quantità di carne alla griglia e birra.

Il giorno seguente, molte famiglie visitano i cimiteri. Mettono in ordine la trama della famiglia, accendono candele e posizionano fiori sulle tombe dei propri cari. Mia moglie Hester ed io siamo stati invitati dai nostri amici Raivo e Aune a visitare il lotto di famiglia di Aune in un cimitero rurale nel sud dell'Estonia.

I cimiteri estoni non assomigliano ai cimiteri americani. Non ci sono vaste distese di prati curati qui. Un cimitero estone ( kalmistu ) è quasi sempre situato in una zona boscosa. Il cimitero è diviso in lotti di famiglia separati, ognuno dei quali misura circa 100 piedi quadrati.

Hester White, used with permission
Fonte: Hester White, usato con permesso

Molte delle trame hanno una piccola panca in modo che i membri della famiglia possano sedersi e comunicare con il defunto. Le famiglie russe a volte fanno un piccolo picnic nella tomba. La tradizione richiede loro di condividere un sorso di vodka con i loro antenati, così riversano un gusto di Viru Valge sulla tomba.

Mentre i genitori di Aune tendevano alla loro trama, noi quattro camminavamo lentamente attraverso il cimitero, leggendo le iscrizioni sulle lapidi. Hester e io osservammo il gran numero di nomi di famiglia estoni che si riferiscono esplicitamente ad alcuni aspetti del mondo naturale. Tamm (quercia), Kask (betulla), Lind (uccello), Ilves (lince), Karu (orso), Orav (scoiattolo), Kirsipuu (albero di ciliegio), Sibul (cipolla), Kivi (pietra), Paas (calcare) , Alliksoo (primavera-torbiera), Torm (tempesta), Välk (fulmine) e Lillemäe (montagna dei fiori). Questo è solo un piccolo campione; l'elenco completo va avanti e avanti.

I 10 cognomi più popolari in Estonia (tradotti in inglese) sono Oak, Island, Smith, Mountain, Birch, Rooster, Fox, Lynx, Linden Tree e Paddock. [1]

I 10 cognomi più popolari negli Stati Uniti sono Smith, Johnson, Williams, Brown, Jones, Miller, Davis, Garcia, Rodriguez e Wilson. A mia conoscenza, nessuno di questi nomi è un animale o una caratteristica dell'ambiente naturale.

I quattro camminatori del cimitero – Aune, Raivo, Hester e io – avevano studiato psicologia all'università. Quindi, come abbiamo reagito a ciò che abbiamo osservato sulle lapidi? Come buoni psicologi, abbiamo formulato un'ipotesi: i nomi delle famiglie in Estonia e negli Stati Uniti seguono modelli molto diversi, e questi schemi potrebbero produrre differenze nei valori culturali o nell'identità personale. Gli estoni, a causa dei loro cognomi, si sentono più strettamente legati alla natura? Gli estoni sono più propensi ad essere animisti, a credere che pietre, alberi e laghi abbiano anime e spiriti propri?

Mentre noi quattro continuavamo a girovagare, i nostri pensieri passavano dai nomi ai messaggi inscritti sulle lapidi. I sentimenti espressi erano molto simili a quelli espressi nei cimiteri americani. Puhake rahus (riposa in pace). Armate su jääv (l'amore è per sempre). Mäestest ei kustu (la memoria non svanisce).

Se gli psicologi sociali sono corretti, i nostri comportamenti e pensieri sono modellati sostanzialmente dal nostro ambiente immediato. Le persone diventano competitive quando sono impegnate in un concorso. Le persone diventano altruiste quando le circostanze richiedono aiuto.

Nello spirito di questa prospettiva, a volte chiamata situazionismo, Raivo propose un'idea che avrebbe trasformato la "situazione" che chiamiamo un cimitero.

Ci ha chiesto di immaginare che le parole incise su una lapide fossero state scritte dalla persona sepolta sotto la pietra anziché dalla famiglia del defunto. Una persona, mentre era ancora in vita, avrebbe pensato attentamente al messaggio che voleva condividere con gli altri.

Forse un'omelia succinta. Concise parole di consiglio. Una riflessione filosofica. Nel mio caso, potrei scrivere qualcosa di oscuro come "Di solito mi sono dimenticato, ma a volte ho perdonato".

Secondo Raivo, una passeggiata in un cimitero potrebbe diventare un'esperienza completamente nuova, un nuovo modo per assorbire la saggezza di coloro che sono venuti prima di noi.

Molte persone sono vecchie quando muoiono e hanno vissuto una vita piena di alti e bassi. L'esperienza è un grande insegnante, quindi gli anziani spesso possiedono un tipo speciale di saggezza. Ma non sono sempre in grado di condividere la loro saggezza con le giovani generazioni.

Una passeggiata nel cimitero di Raivo sarebbe un breve corso di filosofia, una meditazione sulle parole inscritte nella pietra. Parole importanti, date a noi dal nostro io futuro.

[1] Secondo Estonica (un'enciclopedia on-line), i singoli estoni avevano solo un nome fino a quando la regione fu cristianizzata nel 14 ° secolo. Per facilitare la tenuta dei registri nelle parrocchie, il clero ha creato cognomi dai nomi delle professioni – per esempio Raudsepp (fabbro) – e i nomi dei luoghi.

Se la prossima generazione ha cambiato professione o luogo, anche il cognome è cambiato. Inizialmente, solo alcuni estoni che vivevano in città e città avevano cognomi. I contadini estoni non ricevevano cognomi finché la servitù fu abolita all'inizio del XIX secolo.

La storia spesso raccontata è che i nobili baltici tedeschi, che possedevano vasti possedimenti, assegnavano i cognomi ai loro contadini estoni. Il nome era collegato all'individuo in qualche modo. Se Jaan fosse un pescatore, il signore del maniero potrebbe chiamarlo Jaan Kalamees. Se Anu avesse un talento per la crescita delle barbabietole, potrebbe essere chiamata Anu Peet.

Solutions Collecting From Web of "Pensieri che vagano in un cimitero estone"