Pensi di essere un pensatore libero? Pensa di nuovo

Cesar Leal Jemenez, CC 3.0
Fonte: Cesar Leal Jemenez, CC 3.0

Come tutti i paesi, l'America ha sempre avuto i suoi difetti. Ma una cosa di cui possiamo sempre essere orgogliosi è che, finché i nostri punti di vista sono stati benevolmente derivati, potremmo dire quello che vogliamo senza una seria retribuzione.

Oggi, spesso non possiamo. Se non ci atteniamo al Principio – che dobbiamo ridistribuire di più – rischiamo di subire non solo una denigrazione maleducata, ma anche un danno alla nostra carriera. Certamente rischiamo di chiudere il nostro discorso con epiteti come "elitista!" "A cuore freddo!" E il più silenzioso di tutti, "sessista" e soprattutto "razzista!"

Nei campus universitari, non solo nelle riunioni di Trump, gli oratori politicamente scorretti vengono spesso messi in discussione. Questo va oltre il domestico. Gli israeliani sono visti come nemici e palestinesi come non abbienti, e la sinistra proibirà troppo spesso che le opinioni pro-israeliane vengano pronunciate. Vicino a dove vivo, questa settimana alla San Francisco State University, il sindaco di Gerusalemme è volato via da Israele. Fu urlato, non gli fu permesso di parlare. Avrebbe dovuto rendersi conto del rischio. Non molto tempo fa, il primo ministro israeliano Bibi Netanyahu è volato a Berkeley per parlare. È stato urlato e non gli è stato permesso di parlare.

Questa settimana, il N ew York Times ha riferito che alla Columbia University, il troncamento è ancora più estremo: gli studenti che osano sostenere Clinton su Sanders sono spesso denigrati come non sufficientemente puristi nel loro liberalismo. Ancora più terrificante, secondo un'indagine dell'UCLA del 2014 su 141.189 matricole universitarie a livello nazionale, una larga maggioranza (71%) preferisce la censura con cui non sono d'accordo. Aneddoticamente, ho letto e sentito sempre più giovani "offesi", "scioccati" e "indignati" sempre meno. Il disaccordo premuroso sembra lasciare il posto alla massima polarizzazione.

E un altro sondaggio nazionale 2014 condotto dalla UCLA ha riferito che ci sono cinque volte più facoltà liberali di conservatori e che include professori di scienze, matematica e computer, che tendono ad essere meno politici. Tra le scienze umane e scienze sociali, il rapporto è probabilmente molto più grande. Può davvero essere che tutte le idee giuste centrate siano così indegne da essere escluse dall'educazione degli studenti?

I notiziari mainstream censurano in modo sproporzionato il pensiero del centro-destra. Scopri i media più influenti: il New York Times , il Washington Post, il Los Angeles Times, il TIME, il New Yorker , l'Atlantic , la CNN, l'ABC, la NBC, la CBS, la PBS, la NPR. La loro inclinazione è indiscutibilmente liberale. Ironia della sorte, un recente articolo sul New York Times di tutti i luoghi, riconosce, anzi, mette in discussione, i pregiudizi liberali dei media.

È anche ironico che la sinistra, che continua a tirare fuori i media denigrando la censura di Joe McCarthy di 70 anni fa, oggi censura così pesantemente le opinioni che osano virare al centro. Un esempio recente è il film, Trumbo, elogiato più dai media che dagli spettatori.

Ovviamente, si possono formulare argomentazioni degne di un pregiudizio liberale / redistribuzionista. Solo un paio di esempi:

  • I primi 1/10 dell'1% si stanno arricchendo mentre il povero è a malapena in movimento e la classe media si sta svuotando.
  • Le persone vincono e perdono nella lotteria genetica. Ad esempio, hai vinto se sei nato a Beverly Hills a genitori educati e ben adattati. Hai perso se sei nato in Appalachia a persone ignoranti e profondamente problematiche. La ridistribuzione tenta di neutralizzare la fortuna.

Ma si possono fare anche argomentazioni degne di nota a favore dello sforzo per un maggiore processo decisionale basato sul merito. Per esempio,

  • Quando distribuiamo risorse in base al merito, otteniamo prodotti e servizi migliori, dall'assistenza sanitaria agli smartphone ai leader governativi. E di sicuro potremmo usarlo.

  • Uno degli assiomi più condivisi della psicologia è che otteniamo di più ciò che premiamo. Ad esempio, se l'ammissione ai migliori college e posti di lavoro si basa sulla realizzazione, incoraggiamo sempre più persone a raggiungere risultati elevati. Se selezioniamo le persone in parte sulla base di criteri di non merito, ad esempio se i loro genitori erano alunni o di una particolare razza, otteniamo meno sforzi, di nuovo con prodotti e servizi peggiori per tutti noi.

L'argomento secondo cui gli alunni dovrebbero avere la preferenza perché sono più propensi a donare al college è ingiusto nei confronti dei poveri, esacerbando il divario tra chi ha e chi non ha. Inoltre, l'argomento è debole sul fatto che la diversità razziale sia un criterio basato sul merito perché porta diverse prospettive alle discussioni del campus. C'è indiscutibilmente tanta diversità tra le persone di una determinata razza, così come c'è tra persone di razze diverse. Ad esempio, un bianco dall'Appalachia porta una prospettiva molto diversa da quella di un bianco di Beverly Hills.

Sarei meno preoccupato se pensassi che l'egemonia dei pregiudizi redistributivi sia solo una parte dell'oscillazione del pendolo sinistra-destra che si è verificata per sempre. Ma con la sinistra che ha preso un così pesante controllo sui modellatori della mente della società – scuole, college e media – questo pregiudizio non sembra essere parte di una oscillazione del pendolo, ma una tendenza irreversibile: la prossima generazione viene educata a credere a quella mente ridistribuzionista -liutori dicono loro Allora diventeranno i modellatori della mente e passeranno il loro pregiudizio redistribuzionista alla generazione successiva.

Secondo la non-Partisan Tax Foundation, l'1 per cento in più paga di più in imposta sul reddito federale rispetto al 90 per cento in basso e paga un tasso dell'800% più alto del 50 per cento in basso. Il 20% superiore paga l'84% dell'imposta sul reddito, il 20% inferiore non solo non paga, riceve denaro dal contribuente.

E quel singolo problema – aumento della redistribuzione rispetto a una maggiore meritocrazia – ha implicazioni notevolmente ampie. Colpisce chi viene tassato, quanto paghiamo in tasse, cosa viene speso, come vengono gestite le scuole, chi è ammesso alle università, chi viene assunto, chi viene promosso, ecc.

Verso un pensiero più libero

Mi verrebbe da pensare che qualche paragrafo che scrivo possa iniziare a contrastare i tentativi della società di modellare la mente per convincerti che la sinistra ha sempre ragione. Ma questo è il meglio che posso fare:

Cerca fonti ideologicamente diverse: leggi il New York Times e The Weekly Standard o la Ragione libertaria. Guarda CNN e Fox. Leggi TIME.com e ZeroHedge.com. Se sei un liberale, leggi Charles Krauthammer e Christina Sommers. Se sei prudente, leggi Hendrick Hertzberg e Ta-Nehisi Coates . Cerca amici con viste diverse dalla tua.

Attenzione ai pregiudizi di conferma. Una volta che abbiamo sviluppato un punto di vista, tendiamo a notare o accettare solo idee conformi a tali punti di vista. Questo si chiama parzialità di conferma. Quindi dovrai essere forte per avere una visione aperta di opinioni che non sono liberali e che non sostengono ancora una maggiore ridistribuzione.

Attenzione ai pregiudizi di impegno. I nostri pregiudizi si ossificano ulteriormente quando prendiamo un impegno. Ad esempio, se facciamo volontariato per un candidato democratico, per massimizzare il nostro sentimento positivo su questo, sosteniamo più fortemente le posizioni dei partiti democratici.

Discutere per il punto di vista opposto. Se sei, per esempio, come sono, fortemente pro-choice, leggi alcuni articoli pro-life e poi prova a creare il miglior caso possibile per la posizione pro-life. Se sei a favore del controllo delle armi, leggi alcuni articoli contro di esso e poi cerca di rendere il caso migliore che puoi.

Sii umile. Come scrisse lo scrittore Frank A. Clark, "Troviamo conforto tra coloro che sono d'accordo con noi, la crescita tra coloro che non lo fanno." Attenti a essere troppo seri, avete ragione, anche se le scuole, i media, i college e gli amici insistono sei. Su così tante questioni, in particolare quella fondamentale di una maggiore redistribuzione rispetto alla meritocrazia, ci sono davvero posizioni forti da entrambe le parti.

Genitore di diversità ideologica. I tuoi figli e nipoti sono probabilmente sottoposti a un'educazione ancora più intollerante di idee che osano allontanarsi dall'ortodossia redistribuzionista. Quindi ti ricade pesantemente per assicurarti che le convinzioni dei tuoi figli siano state sviluppate sulla base dell'intera gamma di idee benevolamente derivate.

Il takeaway

Poche cose sono più importanti di una cittadinanza riflessiva. La chiave di questo è cercare di creare e trarre profitto dal pieno mercato delle idee pensate. Questo articolo è un semplice ditale tenuto contro un'onda di marea del mio modo di pensare la strada o la strada tra i modellatori della mente della società, ma è il meglio che posso fare.

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia. Il suo nuovo libro, il suo 8 °, è Il meglio di Marty Nemko .

Solutions Collecting From Web of "Pensi di essere un pensatore libero? Pensa di nuovo"