Pensi di aiutare, vero?

Questo pomeriggio, ho partecipato all'incontro pranzo mensile per l'Associazione psicologica della San Gabriel Valley.

Per fortuna, ero seduto accanto a uno psicologo che diceva che lavora con molti adulti che divorziano.

Gli ho chiesto che cosa comporta il suo aiuto. Sfortunatamente, tutte le sue risposte erano come previsto. La ragione per cui dico "sfortunatamente" non è perché non dovrebbe assistere i suoi clienti con la gestione dello stress, i loro meccanismi di coping, l'ansia, la depressione e altre cose simili, ma a causa del suo "aiuto" riguardo al divorzio stesso.

Vedi, mi ha consigliato che, tra le altre cose, aiuta i suoi clienti a valutare se i loro avvocati stanno o meno difendendo con zelo per loro in modo efficace, in quelli che ha definito divorzi da alto conflitto. Nel caso in cui gli avvocati non stiano difendendo efficacemente con zelo per loro, li assiste nel trovare un avvocato più efficace a tale riguardo.

Potresti pensare a te stesso che questo psicologo sta facendo ai suoi clienti un grande servizio nel fare queste cose, quindi perché mi riferisco a questo come "sfortunato".

Il mio ragionamento riguarda gli psicologi dell'istruzione e della formazione e altri professionisti della salute mentale autorizzati, oltre alla loro "descrizione del lavoro".

Innanzitutto, iniziamo con la definizione di psicologia. L'American Psychological Association lo definisce come segue:

"La psicologia è lo studio della mente e del comportamento. La disciplina abbraccia tutti gli aspetti dell'esperienza umana – dalle funzioni del cervello alle azioni delle nazioni, dallo sviluppo del bambino alla cura degli anziani. In ogni contesto immaginabile, dai centri di ricerca scientifica ai servizi di salute mentale, "la comprensione del comportamento" è l'impresa degli psicologi ".

Secondo l'American Psychological Association,

"Gli psicologi che forniscono servizi clinici o di consulenza valutano e trattano i disturbi mentali, emotivi e comportamentali. Usano la scienza della psicologia per trattare problemi umani complessi e promuovere il cambiamento. Inoltre promuovono la capacità di recupero e aiutano le persone a scoprire i loro punti di forza. "

Nel suo libro Mediated Family Law Disputes ed Avoiding Adversarial Violence , Thomas Digrazia afferma quanto segue:

"[C] la scienza cerebrale corrente insegna che il conflitto (che anche secondo Krishnamurti, ibid, p.54, deriva dall'ignoranza di sé) proviene da diverse fonti. Tuttavia, la fonte principale di conflitto è la risposta bloccata, di volo o di combattimento geneticamente innescata ….

Il cervello limbico è il luogo in cui vengono trattati i problemi della sopravvivenza quotidiana. Nei primi anni dell'esistenza umana, quando eravamo più propensi a essere cacciati piuttosto che cacciatori, il cervello limbico era chiamato a prendere decisioni istantanee di salvataggio della vita. Per esempio, di fronte a un nuovo pericolo – un grande carnivoro o altre specie umane minacciose, dovevamo decidere se avremmo congelato sul posto, fuggito o combattuto.

Noi Homo sapiens siamo sopravvissuti sulla capacità del cervello limbico di elaborare potenziali minacce di morte in natura. Negli eoni, il cervello si è evoluto. La nostra intelligenza del pensiero ora predomina nella neo corteccia o nel lobo frontale del cervello. Questa parte del cervello utilizza la conoscenza passata e le informazioni sensoriali per imparare come guidare un'auto, lavorare su un computer o imparare una nuova lingua. È una parte molto più deliberativa e intellettuale del cervello, e capace di pensiero astratto ….

Quando il conflitto va dritto al cervello limbico, istintivamente va in congelamento (non fare nulla), volo (ignora la realtà) o combatti (assumi l'avvocato più aggressivo e costoso che puoi – a volte anche accettando di porre un pegno sulla tua casa per pagare esorbitanti modalità legali per il tuo guerriero scelto) modalità ….

Secondo il dott. Daniel J. Siegal, uno psichiatra neurologico e infantile, nel suo libro intitolato Mindsight: La nuova scienza della trasformazione personale , da una prospettiva fisiologica quando il sistema nervoso è ricettivo e un individuo è centrato nel lobo prefrontale, facciale i muscoli e le corde vocali si rilassano, si gode la normale pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Siamo più creativi e aperti a ciò che l'altra persona sta affermando o proponendo. Al contrario, quando il sistema nervoso è reattivo, siamo in una modalità limbica o di sopravvivenza, fisicamente ed emotivamente. Secondo Siegal, in uno stato di reazione, "… distorciamo ciò che ascoltiamo per adattarci a ciò che temiamo". Questo ci fa sentire (che è un atto fisico) senza ascoltare (che è un evento neocorticale, cognitivo). "

A causa di come funziona il nostro cervello, il particolare psicologo che ho citato e molti altri, inclusi psicologi e altri professionisti della salute mentale autorizzati, stanno danneggiando la gente, indipendentemente dal fatto che sia intenzionale o meno.

Digrazia spiega la disconnessione come segue:

"Quando le emozioni non trasformate, che sono una forma di auto-ignoranza – paura, ansia, insicurezza, colpiscono il pavimento di un sistema di divorzio contraddittorio, la guerra legale è il risultato più probabile. L'unica vera limitazione alla guerra legale è l'esaurimento emotivo e finanziario delle parti.

Il turbamento emotivo all'interno dei disputati divorziati è preda dell'enorme arsenale legale di mozioni, procedure di scoperta, udienze, appelli e altri stratagemmi. Nelle somme zero, non prendere il gioco legale dei prigionieri del divorzio, c'è poco spazio per la visione. Le parti in conflitto con il divorzio sono di solito bloccate in passato. Questo è un passato pieno di promesse non mantenute percepite e sogni non realizzati.

L'approccio del contraddittorio trascorre la maggior parte del suo tempo, a volte inavvertitamente e talvolta no, vagando nel passato morto della memoria coniugale e non in una visione trasformativa del futuro. Le parti e i loro avvocati passano la maggior parte del loro tempo a prepararsi a difendersi oa offendersi reciprocamente attraverso gli arcani e innumerevoli canali della legge sul divorzio.

Gli avvocati sono un'ulteriore fonte di conflitto in quanto, come difensori dei loro clienti, sono guerrieri nel processo del divorzio contraddittorio. Il loro ruolo nella nostra cultura del divorzio, come stabilito all'inizio della loro formazione sull'etica della scuola di legge, è quello di essere zelanti nel rappresentare la famiglia percepita e gli interessi finanziari dei loro clienti. Come zelota (definito come uno che agisce con zelo, specialmente in modo eccessivo, una persona fanaticamente impegnata), gli avvocati per disposizione e formazione non sono predisposti ad un approccio spirituale e non violento al divorzio conflittuale. La loro motivazione non è non violenta, come definito dal Dali Lama all'inizio di questo capitolo. Cioè, il loro comportamento da zelota non è normalmente "… motivato dal desiderio di essere utile o utile". Piuttosto, la loro motivazione primaria è piuttosto limitata: rappresentare con successo solo gli interessi individuali percepiti del loro cliente (così come i propri interessi finanziari) a spese consequenziali dell'altra parte, della famiglia e della società.

Almeno nel loro lavoro legale, la maggior parte degli avvocati di divorzio non sono inclini a coltivare una mente meditativa – una mente che è nel momento presente, osservando e non giudicando un altro – o per se stessi o incoraggiando una tale mente per i loro clienti. L'incapacità di sviluppare e utilizzare una mente meditativa o consapevolezza da parte della maggior parte degli avvocati presenta un grave fallimento nel trovare la pace in se stessi e nell'aiutare i clienti e gli altri a porre fine al conflitto ".

Potresti pensare che forse lo psicologo in questione non era a conoscenza della vera natura del nostro sistema legale, che è "violenza contraddittoria", come riferito nel titolo al libro di Digrazia. Se questo è il caso, è dovuto interamente a una mancanza intenzionale di conoscenza o informazioni. Se ti stai chiedendo come faccio a saperlo, è perché ho pubblicato articoli su quell'argomento dal settembre 2008 e ho iniziato a pubblicare articoli quando mi è stata fornita una colonna di Psicologia e famiglia nella bimonata newsletter della San Gabriel Valley Psychological Association, che esiste ad oggi. Quella newsletter ha vinto il premio per la newsletter più eccezionale della California Psychological Association nel 2010 e di nuovo nel 2015. Inoltre, la mia rubrica è stata nominata fattore nel ricevere questo premio nel 2010.

Nel corso degli anni, la maggior parte delle mie Colonne di Psicologia e Diritto di famiglia sono state incentrate su idee sbagliate riguardo al nostro sistema legale e alle sfortunate conseguenze che ne derivano. Una delle mie colonne era in realtà intitolata Domestic Violence come un tragico tributo di divorzio . Tutte le mie colonne che sono state pubblicate in quella newsletter possono essere trovate nella sezione Articoli del mio sito web.

Inoltre, nel 2012, ho co-presentato con Linda Bortell, Psy.D. all'incontro pranzo mensile dell'Associazione Psicologica San Gabriel Valley. Il nostro argomento è stato quello di facilitare la risoluzione dei problemi razionali in un processo di divorzio altrimenti distruttivo .

Affinché tu pensi che Digrazia e io siamo le uniche persone che considerano violenta e contraddittoria la negoziazione, il seguente è un estratto dal mio articolo intitolato When Hiring a Lawyer o Mediator, Buyer Beware , che è stato pubblicato da Psychology Today all'inizio di questo mese:

L'articolo di Vincent Cardi, The Law As Violence: Essay: Litigation As Violence , pubblicato nel Wake Forest Law Review nel 2014, si è concluso come segue:

"Rendere gli avvocati e il pubblico più consapevoli dei gravi danni psicologici a coloro che sono coinvolti nel contenzioso è un obbligo morale della professione e probabilmente ridurrebbe i danni nel tempo. Come avvocati, ognuno di noi ha l'obbligo morale di sapere chi sarà ferito dalle nostre azioni e l'obbligo professionale di dire ai nostri clienti il ​​danno che probabilmente accompagnerà il contenzioso ….

Il professor Daniel W. Shuman sottolinea studi che dimostrano che i ritardi nel processo contenzioso sono una causa particolare di danno psicologico alle parti in causa ….

Poiché ci si può aspettare che la consapevolezza della probabilità di sofferenza psicologica scoraggi alcuni clienti dalla presentazione, gli avvocati hanno un incentivo finanziario a non avvisare il cliente di questi problemi. Una regola giudiziaria che imponga agli avvocati di informare i loro clienti dei gravi danni psicologici che spesso accompagnano le controversie potrebbe essere appropriata. "

Nel frattempo, il supporto empirico di almeno nove studi diversi riflette quanto segue:

"Le coppie sarebbero saggiate per essere aiutate da professionisti [ben addestrati] [che adottano un approccio facilitativo.]" Un tale approccio si concentra sull'aiutare le parti a condurre una conversazione fluida e aperta. Molti avvocati di divorzio hanno iniziato ad adottare un approccio più facilitativo, ad esempio, cercando di ridurre il conflitto e migliorare la qualità della relazione tra i coniugi divorziati. Partecipanti allo studio il cui mediatore o avvocato ha adottato un approccio facilitativo alla negoziazione, in base alla loro tendenza a impegnarsi in comportamenti di risoluzione dei problemi e ad aiutare i propri clienti a focalizzarsi sugli interessi, risultati generalmente di alta qualità riportati. "

Digrazia lo spiega come segue:

"Quando si scelgono alcuni dei modelli ADR riassunti sopra, come la mediazione, la legge collaborativa, il divorzio istruito e l'approccio multidisciplinare, i partecipanti risiedono maggiormente nella parte neocorticale e del lobo frontale del cervello. Questo tipo di residenza cerebrale consente una risposta osservativa molto più sfumata, intuitiva e abile alla sfida trasformativa di dissoluzione coniugale posta a individui e famiglie ".

Piuttosto che cogliere quegli avvocati e mediatori facilitatori ben addestrati possono usare le loro conoscenze e abilità per ridurre il conflitto, costruire o ricostruire la fiducia e migliorare la comunicazione (tra le altre cose), lo psicologo cui si fa riferimento in questo articolo e molti altri sostengono di essere aiutare le persone incoraggiandole ad entrare o rimanere in contraddittorio con avvocati che sono guerrieri più efficaci.

Ci sono modi per cambiare il paradigma dal contraddittorio al facilitativo. Un modo che ho trovato efficace è fornire alle persone le informazioni dalle quali possono comprendere meglio la causa e l'effetto in merito a contenziosi e conflitti.

Non smette mai di stupirmi che le persone sostengono regolarmente che non possono entrare in un approccio di facilitazione perché sono in conflitto tra loro, non possono comunicare tra loro e non si fidano l'uno dell'altro. È interessante notare che avvocati e mediatori ben addestrati in un approccio facilitativo hanno le conoscenze e le capacità per ridurre i conflitti, migliorare la comunicazione e costruire o ricostruire la fiducia. Di fatto, ecco perché la mediazione facilitata è chiamata risoluzione del conflitto. Inoltre, "l'empatia è la chiave per la risoluzione o la gestione dei conflitti".

Come Digrazia ha citato citando Kenneth Cloke, "un approccio non violento alla risoluzione dei conflitti … [coinvolge] la promozione della fiducia e l'empatia nelle relazioni".

In ogni caso, la ragione per cui ho detto che tutte le risposte dello psicologo erano come previsto è perché le comunità di mediazione e di diritto collaborativo sono ben consapevoli delle sfide che devono affrontare a tale riguardo. In realtà, questo è il motivo per cui copro gli argomenti che faccio nella mia rubrica di Psicologia e diritto di famiglia nella newsletter della San Gabriel Valley Psychological Association. Dopo tutto, i membri del gruppo sono prevalentemente psicologi e altri professionisti della salute mentale. Apparentemente, tuttavia, molti non si preoccupano di leggere la mia rubrica, le informazioni trasmesse non si registrano con loro, o ignorano intenzionalmente tali informazioni.

Solutions Collecting From Web of "Pensi di aiutare, vero?"