Pensare sotto pressione

Tenendo la mente – e il tuo denaro

Le nostre montagne russe finanziarie hanno offerto molte opportunità di osservare le persone che pensano alle loro situazioni finanziarie in condizioni di stress – o no. Un nuovo libro offre alcuni buoni esempi di come uomini d'affari e investitori possano mantenere la calma.

Dopo il crollo di Lehman Brothers due anni fa, il proprietario di una società immobiliare specializzata in vendite di lusso di fascia alta, ovviamente ha dovuto affrontare una seria minaccia per i suoi affari. Quell'evento ha fatto tremare i suoi potenziali clienti. Hanno smesso di spendere. Come sopravvivere? Ma, prima, come pensare chiaramente alle sue opzioni?

L'autore del libro, Paul Sullivan, racconta la storia nella sezione business del New York Times di oggi. In questo caso, il broker immobiliare ha dovuto superare il suo orgoglio e affrontare fatti spiacevoli. Il suo CFO gli ha detto il rischio e ha suggerito di chiudere alcuni uffici per ridurre i costi, ma il broker ha voluto aspettare prima di agire.

Sullivan ha commentato: "Sotto la pressione finanziaria, la maggior parte delle persone non lo fa e non può pensare spassionatamente fino a quando non è troppo tardi. Soffocano perché aspettano troppo a lungo per vendere, pensando che la loro situazione migliorerà. Quando non lo fanno, hanno bruciato i loro fondi di riserva e stanno ancora per perdere quello che stavano cercando di mantenere. "(Vedi," L'arte di pensare chiaramente sotto una grande pressione ").

Fa alcuni suggerimenti sensati, il più importante dei quali si concentra sul problema. In altre parole: tienilo a mente, non distrarti, non soccombere a proiezioni eccessivamente ottimistiche. Ma come lo fai? Come hai superato ciò che il broker immobiliare ha definito il suo "orgoglio", l'imbarazzo e la delusione che ha affrontato nel ridurre la sua attività.

La storia suggerisce tre fattori critici per concentrarsi. Il primo è chiaro sui fatti finanziari: il business è stato eccessivamente esteso e ha affrontato tempi difficili. Gli altri due sono più sottili. Trovò qualcuno con cui parlare, qualcuno a cui poteva ascoltare che non era pieno delle sue stesse emozioni. Alla fine, si è dato l'opportunità di riflettere. Ha fatto una lunga passeggiata.

Può sembrare semplice, ma era la chiave. Creò lo spazio interiore di cui aveva bisogno per rivedere i fatti, per pensare chiaramente da solo, per liberarsi dall'ansia e dalla pressione che lo assillava. Se non avesse i fatti o il consiglio, è improbabile che la passeggiata lo avrebbe fatto molto bene. Molto probabilmente avrebbe appena girato intorno al problema che lo preoccupava. Ma con quegli elementi nella sua mente, poteva lasciare che le conclusioni di cui aveva bisogno per raggiungere stabilirsi in una chiara linea di condotta.

Come al solito, abbiamo bisogno di informazioni e abbiamo bisogno di aiuto per affrontare i nostri problemi. Ma possiamo solo arrivare alle soluzioni da soli. Il trucco sta dando alle nostre menti lo spazio di cui hanno bisogno.

  • Artsmarts: Perché il finanziamento delle arti di taglio non è una buona idea
  • Sofferenza e trascendenza
  • Brain Food: come i nostri pasti stanno modellando il nostro cervello
  • 8 consigli per sopravvivere al "momento più bello dell'anno"
  • Perché la gestione preferisce tagliare i lavori, non pagare
  • Pensiero sciatto sulla droga
  • Spike Jonze's Her: Existential ed Emotional Questions
  • Un dibattito: dovresti essere ottimista sul lavoro?
  • Che cosa è successo alla decenza umana di base?
  • Perché colpire è dannoso per i bambini
  • Luoghi di lavoro tossici
  • Un nuovo giorno per le ragazze?
  • Cattiva fortuna, cattive scelte o inversione psicologica?
  • Perché non riesco a superare la mia dolorosa infanzia?
  • Dovresti divorziare tua madre?
  • Tecnologie di riproduzione assistita su Glee e Modern Family
  • Domande frequenti sui test di personalità
  • Fermati, respira e pensa
  • La neuroscienza di perdere il treno del pensiero
  • Ancora misesry, parte 1
  • Il futuro della sessualità maschile
  • Lasciare correre i bambini Wild potrebbe migliorare le prestazioni accademiche
  • 5 segnali di allarme che il bambino potrebbe sviluppare un disturbo alimentare
  • Oltre il pane e il burro
  • Non sognare in grande
  • Il cibo è familiare
  • Ansia da separazione: The Great Imitator, Part 2
  • Perdere peso mangiando meglio ed esercitando più spesso
  • Dovremmo dispensare con felicità? Una recensione del nuovo libro di Marty Seligman, Flourish
  • Assalto sessuale al campus
  • Dare un nome all'assistenza sanitaria preventiva
  • Artsmarts: Perché il finanziamento delle arti di taglio non è una buona idea
  • Come far fronte a una società guidata dalla paura
  • Una caloria è una caloria, o è?
  • Quando cibo = amore, dire "No" può essere duro
  • Il tuo emisfero cerebrale sinistro può svolgere un ruolo nella cognizione