Pensare in fretta, pensare lentamente, due secondi e una morte

Due secondi non è molto tempo. Non abbastanza tempo per valutare una situazione. Non c'è abbastanza tempo per negoziare. Ma è abbastanza tempo per atteggiamenti impliciti ed emozioni per guidare le risposte. E 'tempo di sparare e uccidere un ragazzo di 12 anni che gioca in un parco.

Il video è inquietante. Tamir Rice, un ragazzo di 12 anni, sta giocando in un gazebo in un parco cittadino. Una macchina della polizia si ferma a pochi passi dal ragazzo. Mentre l'agente di polizia scende dall'auto sul lato del passeggero, spara al ragazzo. Due secondi. L'agente di polizia ha deciso di sparare entro due secondi. Che tipo di pensiero sta guidando il processo decisionale e il comportamento di qualcuno quando risponde così velocemente? Probabilmente non è il tipo di pensiero che vogliamo guidare una decisione per sparare e uccidere qualcuno. C'è una differenza importante nelle nostre risposte quando pensiamo velocemente e quando pensiamo lentamente. Il vero pensiero richiede tempo.

Daniel Kahneman, nel suo recente libro, descrive le differenze tra pensare velocemente e pensare lentamente. Quando ci impegniamo in un pensiero veloce, le nostre risposte sono guidate da emozioni, euristiche e pregiudizi. Al contrario, quando pensiamo lentamente, possiamo coinvolgere un trattamento più razionale delle informazioni e scegliere di ignorare i nostri pregiudizi ed emozioni. Il pensiero veloce è facile e automatico. Il pensiero lento richiede uno sforzo e l'elaborazione controllata delle informazioni. Poiché pensare lentamente è più difficile, le persone spesso fanno affidamento sul pensiero veloce anche quando hanno abbastanza tempo per impegnarsi nei loro processi mentali controllati.

Diversi aspetti del pensiero veloce contribuiscono ai maggiori rischi che i soggetti neri devono affrontare quando interagiscono con gli altri nella nostra società, compresa l'interazione con gli agenti di polizia. I primi atteggiamenti impliciti nei confronti dei neri sono ampiamente condivisi nella nostra società e sono generalmente negativi. Atteggiamenti e associazioni implicite sono i pensieri di base e le risposte emotive che vengono in mente quando si incontra un oggetto o una persona. Poiché queste associazioni e questi atteggiamenti si sviluppano nel corso della vita di una società, non si può davvero impedire alla mente di attivare atteggiamenti impliciti, questi pensieri verranno in mente. Anthony Greenwald ei suoi colleghi hanno sviluppato una serie di metodi per misurare le associazioni implicite. Puoi prendere una serie di test di associazione impliciti sul loro sito web (attualmente ospitato ad Harvard da Mahzarin Banaji, uno dei frequenti collaboratori di Greenwald). Il test delle associazioni implicite ti invita a formulare giudizi rapidi per classificare gli articoli. Ad esempio, potrebbe essere richiesto di identificare le parole relative alla piacevolezza con un pulsante che si preme con la mano destra e parole sgradevoli con la pressione di un tasto sinistro. Cerchi di essere il più veloce possibile classificando le parole piacevoli e sgradevoli pur restando preciso. Allo stesso tempo, ti potrebbe essere chiesto di classificare fiori e insetti usando gli stessi pulsanti. Perché in genere le persone pensano che i fiori siano piacevoli e gli insetti non sono così belli, sono più veloci quando i fiori sono piacevoli ei fiori vanno insieme che quando gli insetti sono piacevoli e insieme. Questo permette ai ricercatori di vedere che le persone hanno imparato associazioni di fiori con pensieri piacevoli (e insetti con pensieri spiacevoli). Queste sono le associazioni implicite che le persone hanno imparato durante un'intera vita. Se rispondi il più rapidamente e accuratamente possibile, questo test misurerà facilmente le tue associazioni implicite.

Quindi, che cosa pensa la gente dei fiori e degli insetti con gli agenti di polizia che sparano a un ragazzo di 12 anni. La ragione è che Greenwald ei suoi colleghi hanno usato lo stesso tipo di test di associazioni implicite per misurare atteggiamenti e pregiudizi razziali impliciti. Ora invece di classificare i fiori e gli insetti con piacevoli e spiacevoli, si classificano i bianchi e i neri. Le persone sono generalmente più veloci quando il bianco e il piacevole sono accoppiati con una singola risposta (e quindi nera e sgradevole) rispetto a quando le categorie sono capovolte. Queste sono le associazioni che tutti coloro che vivono nella nostra società hanno imparato nel corso della loro vita: il nero è cattivo e il bianco è buono.

Ma queste sono solo le associazioni di base che guidano le risposte emotive immediate e il pensiero veloce. Greenwald ha sempre sostenuto che questo non significa che tutti siano razzisti. Invece, le persone possono pensare prima di rispondere, formulare giudizi ponderati e quindi non fare affidamento sulle loro implicite associazioni e pregiudizi. Possono usare il pensiero lento. Ma se le persone fanno affidamento sul pensiero veloce, queste associazioni implicite e pregiudizi giocheranno un ruolo più importante.

Anche le emozioni, particolarmente legate alle minacce, svolgono un ruolo importante nel pensiero veloce. Joshua Correll, Bernadette Park ei loro colleghi lo hanno esplorato usando un videogioco di sparatutto in prima persona. Certo, il gioco è piuttosto semplice rispetto a molti giochi commerciali, ma è molto utile per la ricerca. La premessa è semplice: devi fare rapidamente delle riprese o non prendere decisioni. Prendi la tua decisione di sparare per una serie di persone in background diversi tenendo in mano una pistola o qualche altro oggetto. Spari se la persona è in possesso di una pistola. Le persone rispondono più rapidamente quando la persona è in possesso di una pistola rispetto ad altre minacce percepite da oggetti che guidano il pensiero veloce. Il trucco nel videogame è che alcune persone sono afro-americane e alcune sono bianche. Ecco i risultati critici. Le persone sparano più velocemente a una persona di colore che tiene in mano una pistola che a una persona bianca che tiene in mano una pistola. Hanno anche maggiori probabilità di sparare a persone di colore disarmate rispetto ai bianchi non armati. Naturalmente il primo di questi studi è stato condotto con studenti universitari bianchi. Ma poi i ricercatori hanno scoperto le stesse deviazioni sparate dagli adulti reclutati dalla popolazione generale e dai partecipanti afro-americani. Fondamentalmente, hanno anche trovato lo stesso modello in alcuni studi con gli agenti di polizia, che nel complesso sono più veloci e precisi del pubblico, ma ancora più veloci per sparare alle persone di colore con pistole e con più probabilità di sparare a neri inermi in questo videogioco sperimentale. Il pregiudizio razziale è chiaro su questa valutazione rapida della minaccia: tutte le persone rispondono più velocemente agli afro-americani con le pistole e hanno maggiori probabilità di sparare erroneamente ai neri disarmati.

Queste associazioni implicite negative ai neri e queste rapide valutazioni della minaccia dei neri riflettono entrambi il pensiero veloce. Quando le persone fanno un giudizio veloce, la razza influenzerà la decisione. Per limitare i pregiudizi razziali, dobbiamo impegnarci a pensare lentamente. Dobbiamo darci il tempo di eseguire il pensiero duro e controllato. Dovremmo sforzarci di evitare situazioni in cui siamo costretti a prendere decisioni rapide.

Nel caso delle riprese di Tamir Rice, il video chiarisce che gli agenti di polizia non si sono concessi spazio e tempo per impegnarsi in un pensiero controllato e lento. La polizia ha guidato la loro auto a pochi metri da Tamir Rice. La polizia stava cercando una minaccia perché il commissario radiofonico indicava una pistola senza riferire alle informazioni sul chiamante del 911 che probabilmente era una pistola giocattolo. In questa situazione, senza spazio e solo pochi secondi, l'ufficiale di polizia ha dovuto decidere se sparare o meno. Pensiero veloce. Il pensiero veloce può essere guidato da emozioni, minacce percepite e atteggiamenti impliciti nei confronti degli uomini di colore. Il pensiero veloce probabilmente ha contribuito alla tragedia. Se solo gli ufficiali si fossero dati tempo e spazio per pensare lentamente.

La polizia non ha sempre la possibilità di impegnarsi a pensare lentamente. In molte situazioni devono pensare velocemente perché non c'è tempo. La loro formazione è progettata per guidare il loro comportamento in queste situazioni di pensiero rapido. Ma le emozioni e i pregiudizi avranno sempre un ruolo nel pensiero veloce. Quando possibile, dovremmo darci il tempo di pensare lentamente.

Solutions Collecting From Web of "Pensare in fretta, pensare lentamente, due secondi e una morte"