Pensare alla morte influisce su uomini e donne in modo diverso

Sembra intuitivo che ricordare alle persone che moriranno abbia un impatto sulle loro emozioni. Ma uomini e donne reagiscono in modo diverso al pensare alla loro inevitabile fine?

Per più di 15 anni, gli psicologi sociali sperimentali hanno esplorato come le persone rispondono ai promemoria che moriranno. In genere, ciò significa che devono scrivere una breve risposta a due elementi relativi alla propria morte (ad es. "Per favore annota, nel modo più specifico possibile, i pensieri e le sensazioni che la tua stessa morte suscita in te"). Seguendo questo, le persone in genere viene chiesto di riportare su una scala da 1 a 5 quanto sentono diverse emozioni.

Stranamente (almeno per me) questi ricercatori hanno in genere trovato che i ricordi della morte (rispetto ad altri argomenti avversi) non suscitano cambiamenti dell'umore o emotivi usando queste scale. Studio dopo studio ha rilevato che uomini e donne non riferiscono di sentirsi in modo diverso dopo aver ricordato la morte. Il ragionamento standard qui è che le persone non sono così emotivamente colpite da questi sottili richiami alla morte, anche se spesso provocano una vasta gamma di altri effetti (ad esempio, aumento dell'auto-miglioramento, necessità di coerenza e difesa della visione del mondo).

Robert Kastenbaum, autore di The Psychology of Death, e professore emerito presso l'Arizona State University, e mi chiedevo, tuttavia, se si potevano trovare tracce di emozione nelle risposte scritte delle persone alle domande sulla morte.

I nostri risultati hanno rilevato che il 68% delle donne scriveva nelle loro risposte che pensare alla morte li rendeva ansiosi, rispetto a solo il 36% degli uomini (ad esempio, parole usate come ansiose, paurose). Al contrario, il 53% delle donne ha riferito che li avrebbe resi tristi, rispetto al 45% degli uomini.

Abbiamo anche riscontrato che solo l'11% delle donne ha dichiarato di non essere interessato (ad esempio, parole usate come non spaventato, apatico, distaccato) rispetto al 22% degli uomini. Interessantemente, il 44% delle donne ha scritto emozioni positive (divertimento, orgoglio, soddisfazione, gioia ), mentre solo il 30% degli uomini lo ha fatto.

Diverse cose spiccavano in queste scoperte. In primo luogo, sembra che i pensieri di morte suscitino reazioni emotive, anche se i precedenti metodi di misurazione dell'umore hanno (di solito) fallito nel rilevarlo. In secondo luogo, i pensieri di morte non solo rendono le persone spaventate ma anche piuttosto tristi. In terzo luogo, molte persone sono davvero felici quando pensano alla morte.

Infine, le donne hanno riportato un umore più positivo e negativo rispetto agli uomini, il che è coerente con la ricerca attuale che suggerisce che le emozioni positive e negative coesistano spesso (al contrario della felicità è l'assenza di tristezza, come molti avevano creduto), e con la ricerca che le donne riportano più emozioni degli uomini.

In genere, la morte è nascosta. Le persone (in genere) preferiscono non parlarne o pensarci, almeno non quando non sono in lutto o che affrontano la consapevolezza della morte immediata (come una malattia terminale). Tuttavia, questo può essere efficace solo in quanto i ricordi della morte sono ovunque (le notizie, guidate dai cimiteri).

E come tale, questo lavoro dimostra che questi ricordi della morte potrebbero avere un effetto emotivo molto profondo sulle persone nella loro vita quotidiana. Eppure, (falsamente penso) poche persone considerano le preoccupazioni per la morte come di grande preoccupazione per la maggior parte delle persone, il più delle volte.

Solutions Collecting From Web of "Pensare alla morte influisce su uomini e donne in modo diverso"