Pensare alla morte e al dolore rende le persone più divertenti

Affrontare la morte è difficile, che si tratti della morte di un parente stretto o dei pensieri della propria mortalità. Morire è un risultato inevitabile dell'essere umano, ma sapere che non rende felice la maggior parte della gente. L'umorismo è stato da tempo affermato come un buon meccanismo per affrontare molte delle avversità della vita. Quando si sente "giù", molte persone trovano conforto nel guardare un film commedia, leggere un libro divertente o scherzare con gli amici. Ho anche scritto su come l'umorismo può aiutare le persone ad affrontare le tragedie, e quando potrebbe essere giusto scherzare su di loro. Un nuovo studio esamina come l'ansia per la morte possa aumentare la creazione di umorismo.

 CC0 Public Domain/ Free for commercial use
Fonte: CC0 Public Domain / Gratuito per uso commerciale

Gli autori dello studio stanno basando la loro ricerca su ciò che è noto come teoria della gestione del terrore. Questa teoria viene solitamente utilizzata per spiegare l'effetto paralizzante dell'essere consapevoli della propria mortalità. E 'noto che pensare alla propria morte porta a diversi esiti negativi, come avere atteggiamenti nazionalistici più forti, deroghe di membri di outgroup, depressione e altro ancora.

Ma non tutti i pensieri sulla morte devono avere esiti negativi. È possibile che quando si affronta l'ansia della morte, l'umorismo può servire come tampone e le persone che pensano alla morte sono in realtà più divertenti.

Per verificare questa ipotesi, 123 studenti (97 di loro donne) hanno partecipato allo studio e sono stati assegnati a una delle quattro condizioni. Metà dei soggetti erano implicitamente innescati a pensare alla morte mediante innesco subliminale nel modo seguente: coppie di parole venivano visualizzate sullo schermo di un computer e ai soggetti veniva chiesto se erano collegati l'uno all'altro. La parola "MORTE" viene visualizzata sullo schermo immediatamente dopo la prima parola per 33 millisecondi, che è troppo breve per le persone da vedere. L'altra metà è stata esplicitamente sollecitata chiedendo loro di "descrivere brevemente i pensieri e le emozioni che il pensiero della propria morte suscita in voi". Come controlli, altri soggetti erano pronti al dolore anziché alla morte. Hanno visto la parola "PAIN" lampeggiare sullo schermo seguendo la stessa procedura sopra descritta per il primo implicito, o è stato chiesto di scrivere una descrizione su "… le emozioni che il pensiero del dolore dentale suscita in te … e cosa pensi che sarà capita a voi mentre sperimentate fisicamente il dolore dentale "per il primo esplicito. Il dolore è un buon controllo, in quanto è anche uno stimolo avversivo ma diverso dalla morte.

Dopo aver esposto i soggetti a uno dei quattro numeri primi (due sulla morte, due sul dolore), i soggetti hanno completato un compito di creazione dell'umorismo che ho usato nei miei studi. Sono stati dati quattro cartoni animati senza didascalie e gli è stato chiesto di scrivere la didascalia più divertente che potessero pensare per ognuno di loro. Sei giudici indipendenti hanno valutato le vignette per divertimento.

I risultati sono stati piuttosto interessanti. Nella condizione di priming subliminale, i soggetti che sono stati esposti alla parola "DEATH" hanno creato didascalie più divertenti rispetto ai soggetti che erano innescati alla parola "DOLORE". Tuttavia, è emerso un modello inverso sul compito di priming scritto. I soggetti che erano innescati dal dolore davano delle didascalie più divertenti a coloro che erano pronti a morire.

I risultati hanno mostrato che pensieri impliciti e forse automatici e inconsci sulla morte possono rendere le persone più divertenti, mentre i pensieri espliciti sulla morte riducono le capacità di umorismo creativo. È ancora possibile che sia i primati di morte impliciti che quelli espliciti abbiano prodotto didascalie più divertenti rispetto ai numeri primi comuni, non avversi, ma i ricercatori non hanno usato tali controlli in questo studio, quindi non lo sappiamo.

Nonostante i limiti dello studio, sembra che i pensieri negativi possano contribuire a rafforzare l'umorismo creativo. Ciò solleva la domanda: è possibile che i più grandi comici di tutti i tempi siano quelli che hanno i pensieri più dolorosi o che sono consumati con pensieri sulla morte? Il suicidio di Robin Williams mi viene in mente in questo contesto, e anche lo studio che ho recensito di recente mostra come i comici potrebbero essere più propensi a soffrire di tratti psicotici. Forse l'umorismo è radicato nella tragedia, nel dolore e nella lotta in modi che non possiamo nemmeno immaginare o comprendere pienamente.

Solutions Collecting From Web of "Pensare alla morte e al dolore rende le persone più divertenti"